Danno e responsabilità

Direttori di area:
Prof. Fulvio Gigliotti, Prof.ssa Emanuela Navarretta, Prof. Claudio Scognamiglio, Cons. Giacomo Travaglino


Comitato editoriale:
Elena Bargelli , Lucia Bozzi, Valentina Calderai, Giulia Donadio, Chiara Favilli, Umberto Izzo

Note 20.03.2015

Responsabilità e doveri precauzionali degli enti proprietari di strade aperte al pubblico in caso di pericoli recati...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 22 ottobre 2014, n. 22330  -  L'ente proprietario di una strada aperta al pubblico, pur non essendo custode dei fondi privati che fiancheggiano la sede stradale, risponde per colpa specifica – in base agli artt. 1176 e 2043 c.c., in uno con l’art. 14, d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e con l’art. 2, d.lgs. 26 febbraio 1994, n. 143 – del danno occorso a un automobilista in...

Editoriali 16.03.2015

Quale responsabilità civile del magistrato dopo la legge n. 18 del 2015

di Leggi dopo

La civilizzazione del potere pubblico, e cioè la sottoposizione dell’esercizio dei poteri autoritativi non solo al pertinente ordinamento istituzionale, ma anche alla regola di responsabilità per i danni cagionati ai privati è un processo irreversibile, che tocca Stati, autorità amministrative ed autorità giurisdizionali, quale nuova manifestazione del rule of law. 

Note 05.03.2015

Sui danni da morte in attesa delle Sezioni Unite

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 5 dicembre 2014, n. 25731  -  (i) In tema di risarcimento del danno non patrimoniale, quando all'estrema gravità delle lesioni, segua, dopo un intervallo temporale brevissimo, la morte, non può essere risarcito agli eredi il danno biologico “terminale” connesso alla perdita della vita della vittima, come massima espressione del bene salute, ma esclusivamente il danno...

Note 25.02.2015

Il diritto dei condòmini all’equa riparazione per irragionevole durata del processo: un nuovo banco di prova per la...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. un. - 18 settembre 2014, n. 19663  -  Nel caso di giudizio intentato dal condominio e del quale, pur trattandosi di diritti connessi alla partecipazione di singoli condòmini al condominio, costoro non siano stati parti, spetta esclusivamente al condominio, in persona del suo amministratore, a ciò autorizzato da delibera assembleare, far valere il diritto alla equa riparazione...

Note 06.02.2015

La prova liberatoria nella responsabilità civile dei genitori

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 23 settembre 2014, n. 24475  -  In caso di illecito commesso da un minore d’età a terzi, l’art. 2048 c.c. richiede, ai genitori, la prova liberatoria «di non aver potuto impedire il fatto». La prova è integrata dalla dimostrazione di aver impartito al figlio una buona educazione e di aver esercitato una vigilanza adeguata alle condizioni sociali, familiari, all’età, al...

Note 16.01.2015

La responsabilità medica, ai sensi dell’art. 2043 c.c.

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - sez. I - 23 luglio 2014, n. 9693  -  L’art. 3, comma 1, della l. 8 novembre 2012, n. 189 – nota come “legge Balduzzi” – configura la responsabilità medica come responsabilità da fatto illecito ex art. 2043 c.c. e, pertanto, l’obbligazione risarcitoria del medico può scaturire solo in presenza di tutti gli elementi costitutivi dell’illecito aquiliano....

Approfondimenti 17.12.2014

La mediazione in materia di responsabilità medica e sanitaria. Problematiche e prospettive

di Leggi dopo

La mediazione finalizzata alla conciliazione è un istituto introdotto in termini generali nel nostro ordinamento dal d.lgs. n. 28 del 2010, sulla scia delle positive esperienze raggiunte nei sistemi di common law dagli strumenti di Alternative Dispute Resolution (c.d. ADR), tra i quali rientra, appunto, la stessa mediazione.

Approfondimenti 21.11.2014

La responsabilità del medico: dal contratto al contatto sociale

di Leggi dopo

L'Autrice affronta il tema della qualificazione della responsabilità medica ed della sua collocazione all’interno del sistema, evocando il suggestivo richiamo alle pagine edite quasi ottanta anni fa da Francesco Carnelutti nel saggio intitolato emblematicamente “Clinica del diritto” [1]. In quella occasione, l’Autore si preoccupava di comprendere i fondamenti della formazione del giovane...

Pagine