Crisi d'impresa

Direttori di area:
Prof.ssa Pasqualina Farina, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 22.06.2022

Procedure concorsuali e accertamento dell'insolvenza delle banche prima e dopo l'apertura della liquidazione coatta...

di Leggi dopo

In esito all'apertura della liquidazione coatta amministrativa, il giudizio di condanna instaurato dai risparmiatori contro una delle banche venete indicate dal d.l. n. 99/2017 non diventa improcedibile ove sia già stata pronunciata una sentenza di merito, dal momento che, a norma dell'art. 96, l. fall., il creditore deve essere ammesso al passivo con riserva, sulla base della sentenza...

Note 20.06.2022

Revocatoria fallimentare dei pagamenti in adempimento di crediti assistiti da garanzie reali, con denaro riveniente...

di Leggi dopo

Il pagamento eseguito dal debitore, successivamente fallito, nel periodo sospetto, così come determinato nell'art. 67, comma 2, l. fall., ove si accerti la scientia decoctionis del creditore, è revocabile anche se effettuato in adempimento di un credito assistito da garanzia reale e se l'importo versato deriva dalla vendita del bene oggetto di pegno....

Note 08.06.2022

Sulla nullità della fideiussione prestata da un soggetto confidi minore a un proprio associato

di Leggi dopo

È valida la fideiussione prestata da un confidi minore verso un proprio associato a garanzia di un credito derivante da contratto non bancario, dal momento che la legge non contempla espressamente la sanzione della nullità né quest'ultima può indirettamente ricavarsi dalla disposizione per la quale il confidi minore svolge esclusivamente attività di garanzia collettiva dei fidi, quale società...

Approfondimenti 13.04.2022

Operazione economica e contratto nella composizione negoziata della crisi

di Leggi dopo

Il tradizionale pendolo oscillante tra procedure giudiziali e autonomia privata nella gestione della crisi, a tratti quasi rievocativo di Schopenhauer, sembra oggi avere abbondonato in parte il campo del dibattito per lasciare spazio ad un approccio tendenzialmente più pragmaticoIl tradizionale pendolo oscillante tra procedure giudiziali e autonomia privata nella gestione della crisi, a tratti...

Note 06.04.2022

L'omologazione del concordato preventivo in mancanza di adesione dei crediti fiscali e previdenziali, tra legge...

di Leggi dopo

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere

Una recente decisione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere sulla nuova procedura prevista dall'articolo 180, comma 4, l. fall. che consente l'adesione forzata dei crediti fiscali e previdenziali in sede di omologa al concordato preventivo è particolarmente innovativa perché ritiene che il voto negativo (o il silenzio) della pubblica amministrazione nell'adunanza dei creditori debba essere...

Approfondimenti 21.03.2022

Profili generali del trasferimento di azienda nella composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa

di Leggi dopo

Il D.L. 118 del 2021, convertito con modifiche con legge 21 ottobre 2021, n. 147, prevede che il piano di risanamento elaborato in seguito alle trattative nel procedimento di composizione negoziata della crisi possa avere, tra i possibili contenuti, anche il trasferimento dell'azienda o di uno o più rami di essa.

Approfondimenti 21.02.2022

La composizione negoziata della crisi d’impresa: un gioco competitivo o un gioco cooperativo?

di Leggi dopo

Non è un una procedura esecutiva o concorsuale, ma un processo di reciproco apprendimento di informazioni: una negoziazione multilaterale. L'esperto “mediatore” della crisi di impresa: l'esperto non è un negoziatore, ma un mediatore che “agevola” la negoziazione delle parti e le guida lungo un percorso volto ad “ingegnerizzare” soluzioni utili per combinare gli interessi patrimoniali e non...

Articoli 12.01.2022

Less is more: La dirompenza normativa del d.l. n. 118 del 2021 e la dimensione di vetustà del c.c.i.i.

di Leggi dopo

Il d.l.n. 118 del 2021 – a dispetto delle dimensioni quantitativamente ridotte – assume una portata precettiva, talmente dirompente, da realizzare, al tempo stesso: l'esilio delle regole della legge fallimentare, in tema di concordato preventivo ed accordi di ristrutturazione in una dimensione astratta e desueta; nonché la vetustà, prima del nascere – e salve le regole già entrate in vigore -...

Pagine