Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 04.07.2018

Domanda di rivendica in pendenza di giudizio di accertamento dell'autenticità delle sottoscrizioni di una scrittura...

di Leggi dopo

Il procedimento di rivendica non può essere instaurato, ai sensi della l. fall., artt. 93 e 103, in dichiarata pendenza del giudizio ordinario di accertamento dell'autenticità delle sottoscrizioni della scrittura privata di vendita, in quanto fino al positivo esaurimento di quel giudizio, e fino alla trascrizione dell'atto contenuto nella scrittura, difetta il presupposto cui associare il...

Note 19.04.2018

L'ammissibilità del piano del consumatore con pagamento dilazionato dei creditori privilegiati

di Leggi dopo

Tribunale di Milano

La pronuncia in commento desta notevole interesse in quanto si pone nel contesto applicativo del principio di intangibilità dei crediti aventi causa di prelazione ex art. 2741, comma 2, c.c., nonché del principio per cui il pagamento dei crediti privilegiati deve essere immediato e non dilazionato.

Note 09.04.2018

Il fallimento in estensione del socio accomandante con procura institoria

di Leggi dopo

La pronuncia in commento affronta la questione concernente l'estensione della declaratoria di fallimento di una società in accomandita semplice nei confronti del socio accomandante cui sia stata conferita una procura institoria, individuando, altresì, il dies a quo da cui far decorrere il termine annuale ai sensi dell'art. 147, comma 2, l. fall. Viene pure ribadito che il rigetto dell'istanza...

Note 23.03.2018

Crediti da finanziamenti in favore di una Newco in esecuzione di accordo di ristrutturazione dei debiti omologato:...

di Leggi dopo

I crediti derivanti da finanziamenti effettuati in favore di una Newco in esecuzione di un accordo di ristrutturazione dei debiti omologato ai sensi dell'art. 182-bis l.fall. rientrano nella fattispecie legale prevista dall'art. 182-quater, comma 1, l. fall. e sono pertanto prededucibili nella successiva procedura di amministrazione straordinaria della Newco.

Note 19.02.2018

Ammissibilità del concordato con continuità a tempo ex art. 186-bis l. fall. e soddisfazione dei creditori...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA

Nel decreto in commento si discute sull'ammissibilità e sulla natura di una proposta di concordato preventivo, nel cui piano è stata prevista una continuità ex art. 186-bis l. fall. a tempo, con l'apporto dei beni aziendali in tre diverse newco, interamente partecipate dalla società “armatoriale”, richiedente la procedura, e la suddivisione dei creditori in più classi. 

Note 06.02.2018

Qualche considerazione critica sulla rilevanza della data certa ex art. 2704 c.c. in ambito fallimentare

di Leggi dopo

In caso di chiusura del fallimento in seguito a concordato fallimentare, all'assuntore di quest'ultimo che prosegua o intraprenda azioni giudiziarie già di titolarità del fallito (e poi esercitabili dal curatore del fallimento) la controparte può opporre senza limiti lo stesso contratto (e il documento che lo incorpora) per fondare una sua eccezione o un suo controdiritto, anche se il documento...

Note 24.01.2018

Ancora sul rapporto tra procedimento per la dichiarazione di fallimento e quello per l'ammissione al concordato...

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE

Con la pronuncia in commento la Corte di legittimità torna ad occuparsi della questione concernente il rapporto tra il procedimento per la dichiarazione di fallimento e quello per l'ammissione al concordato preventivo, allineandosi alla tesi secondo la quale la pendenza di una domanda di concordato preventivo impedisce la dichiarazione di fallimento; tuttavia, secondo tale prospettazione,...

Note 23.01.2018

L'esercizio tempestivo dell'azione revocatoria ordinaria riguardante gli atti del fallito

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE

Il contributo analizza le argomentazioni adottate dalla Suprema Corte riguardo al principio secondo cui il termine triennale dalla dichiarazione di fallimento non trova applicazione alla revocatoria ordinaria. 

Pagine