Crisi d'impresa

Direttori di area:
Prof.ssa Pasqualina Farina, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 23.01.2018

L'esercizio tempestivo dell'azione revocatoria ordinaria riguardante gli atti del fallito

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE

Il contributo analizza le argomentazioni adottate dalla Suprema Corte riguardo al principio secondo cui il termine triennale dalla dichiarazione di fallimento non trova applicazione alla revocatoria ordinaria. 

Note 12.01.2018

La Cassazione torna ancora sulla fallibilità delle società pubbliche

di , Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE

All'indomani dell'entrata in vigore del d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175 recante il Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica (e in attesa del decreto correttivo reso necessario dalla parziale declaratoria di incostituzionalità della legge delega c.d. Madia), la Suprema Corte interviene ancora sulla questione della fallibilità delle società pubbliche – anche in house providing –...

Note 30.10.2017

Rapporti tra sentenza di fallimento e diniego di omologazione del concordato preventivo

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE - La sopravvenuta dichiarazione del fallimento comporta l'inammissibilità delle impugnazioni autonomamente proponibili contro il diniego di omologazione del concordato preventivo e comunque l'improcedibilità del separato giudizio di omologazione in corso, perché l'eventuale giudizio di reclamo ex art. 18 l. fall. assorbe l'intera controversia relativa alla crisi dell'impresa...

Note 25.10.2017

Domande tardive di ammissione al passivo: frazionabilità in più udienze e dies a quo del termine per esperimento...

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE - La legge fallimentare modella il procedimento di verifica delle domande tardive su quello di verifica delle domande tempestive, così richiamando anche la possibilità del mero “frazionamento” della trattazione delle domande in più udienze, ma comunque conservando l'unitarietà del decreto che dichiara esecutivo lo stato passivo, la cui sola comunicazione è idonea a far...

Note 13.07.2017

Il sindacato del giudice sulla fattibilità del piano di risanamento come requisito per l'applicazione dell'esenzione...

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. VI – 5 luglio 2016, n. 13719  -  Nell'ambito dei piani attestati di risanamento trova applicazione il principio – elaborato dalla corte di legittimità con riferimento al concordato preventivo – secondo il quale il sindacato sulla fattibilità giuridica non incontra limiti particolari, mentre quello sulla fattibilità economica attiene alla verifica della sussistenza o meno di...

Note 10.05.2017

Il rapporto tra affitto d'azienda e concordato preventivo con continuità aziendale nella prospettiva della riforma...

di Leggi dopo

TRIB. COMO - sez. I civile - 9 febbraio 2017  -  La pronuncia in commento si allinea alla tesi secondo la quale il silenzio dell'art. 186-bis l. fall. non preclude la possibilità di qualificare come concordato con continuità aziendale il concordato che preveda l'affitto dell'azienda e la successiva cessione all'affittuario, arricchendo il già nutrito dibattito con un nuovo argomento.

Note 19.01.2017

Il ricorso straordinario avverso il decreto d'inammissibilità della proposta di concordato preventivo: la parola alle...

di Leggi dopo

CASS. CIV.  - sez. un. - 28 dicembre 2016, n. 27073 - Il decreto con cui il tribunale, senza emettere sentenza di fallimento, dichiara inammissibile la proposta di concordato, ex art. 162, comma 2, l. fall. (anche a seguito della mancata approvazione ai sensi dell'art. 179, comma 1), ovvero revoca l'ammissione alla procedura concordataria, ex art. 173 l. fall. non ha carattere decisorio;...

Note 23.12.2016

Piano del consumatore e cessione del “quinto dello stipendio”

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TORINO - sez. VI - 8 giugno 2016 - É omologabile il piano del consumatore che prevede la ristrutturazione di un debito che le parti hanno convenuto di adempiere mediante la cessione della quota di un quinto della retribuzione, pur se detta cessione è stata notificata al terzo ceduto in data anteriore alla presentazione del piano.

Pagine