Crisi d'impresa

Direttori di area:
Prof.ssa Pasqualina Farina, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 19.01.2017

Il ricorso straordinario avverso il decreto d'inammissibilità della proposta di concordato preventivo: la parola alle...

di Leggi dopo

CASS. CIV.  - sez. un. - 28 dicembre 2016, n. 27073 - Il decreto con cui il tribunale, senza emettere sentenza di fallimento, dichiara inammissibile la proposta di concordato, ex art. 162, comma 2, l. fall. (anche a seguito della mancata approvazione ai sensi dell'art. 179, comma 1), ovvero revoca l'ammissione alla procedura concordataria, ex art. 173 l. fall. non ha carattere decisorio;...

Note 23.12.2016

Piano del consumatore e cessione del “quinto dello stipendio”

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TORINO - sez. VI - 8 giugno 2016 - É omologabile il piano del consumatore che prevede la ristrutturazione di un debito che le parti hanno convenuto di adempiere mediante la cessione della quota di un quinto della retribuzione, pur se detta cessione è stata notificata al terzo ceduto in data anteriore alla presentazione del piano.

Note 14.10.2016

La liquidazione del compenso del curatore sostituito

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI –ord. 19 febbraio 2016, n. 6430 - È viziata da improponibilità, rilevabile anche d'ufficio, l'istanza presentata dal revocato curatore per la liquidazione del compenso prima che la procedura di fallimento sia giunta alle operazioni finali, in quanto tale liquidazione non è automaticamente collegata all'ammontare dell'attivo realizzato ed a quello del passivo accertato al...

Note 02.08.2016

Insolvenza transnazionale e lingua del procedimento di ammissione al passivo

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - 18 giugno 2015 - L’art. 42, paragrafo 2, del Regolamento n. 1346 del 2000 non si applica alle «procedure interne con elementi di estraneità». Il creditore straniero, ai sensi dell’art. 122 c.p.c., ha l’onere di formulare domanda di ammissione al passivo del fallimento in lingua italiana.

Note 10.06.2016

In tema di proponibilità del piano di sovraindebitamento da parte di imprenditori e professionisti

di Leggi dopo

CASS.CIV. - sez. I - 1° febbraio 2016, n. 1869  -  Il piano di sovraindebitamento è esperibile a norma dell’art. 12-bis, l. n. 3 del 2012, introdotto dall’art. 18, d.l. n. 179 del 2012, convertito dalla l. n. 221 del 2012, pure da imprenditori e professionisti ove abbiano contratto obbligazioni per far fronte a esigenze personali o familiari o della più ampia sfera attinente agli impegni...

Note 13.05.2016

A proposito dell’intervento in sede di reclamo (art. 18, l. fall.)

di Leggi dopo

CORTE APP. VENEZIA - sez. fer. - 4 settembre 2015, n. 2116  -  Nel giudizio di reclamo ex art. 18, l. fall. l’intervento di terzi è ammissibile non solo a vantaggio della parte reclamante ma anche a favore della parte resistente. In questo caso l’intervento va qualificato come adesivo dipendente....

Note 07.03.2016

L’efficacia probatoria delle scritture contabili nei confronti del curatore fallimentare

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 7 luglio 2015, n. 14054  -  In sede di opposizione allo stato passivo il curatore è terzo rispetto ai crediti vantati nei confronti dell’imprenditore fallito e, di conseguenza, le scritture contabili provenienti dal creditore, imprenditore in bonis, non possono costituire mezzo di prova contro il fallimento.

Note 12.02.2016

Nuova geografia giudiziaria ed effetti sulla competenza del Tribunale per la dichiarazione di fallimento di imprese...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - sez. III - 29 settembre 2015, n. 43  -  Il Tribunale dinanzi al quale è stato omologato il concordato preventivo, poi risolto per inadempimento ex art. 186 l. fall., è competente per la dichiarazione di fallimento del debitore insolvente, malgrado lo stesso abbia preventivamente depositato ricorso di autofallimento presso il (nuovo) Tribunale,...

Pagine