Crisi d'impresa

Direttori di area:
Prof.ssa Pasqualina Farina, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 23.03.2015

Il sindacato del tribunale sulla fattibilità economica del piano e sulla causa in concreto del concordato preventivo

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 22 maggio 2014, n. 11423 - CASS. CIV. - sez. I - 23 maggio 2014 n. 11497  -  Il sindacato del giudice sulla fattibilità giuridica non ha particolari limiti; la fattibilità economica, invece, è intrisa di valutazioni prognostiche fisiologicamente opinabili e comportanti un margine di errore, nel che è insito anche un margine di rischio, del quale è ragionevole siano arbitri...

Note 10.03.2015

Contratto di sale and lease back: profili di interferenza con il contratto di leasing e modalità di insinuazione al...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. fall. - 20 settembre 2014  -  L’Autore affronta in modo approfondito i profili di diritto processuale e sostanziale relativi al credito nascente per il concedente da un contratto di leasing immobiliare, delimitando l’ambito di applicabilità legittima dell’operazione di sale and lease back e le modalità di insinuazione al passivo ai sensi dell’art. 72-quater l. fall. 

Note 26.02.2015

Credito per IVA e ritenute nel concordato preventivo

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 30 aprile 2014, n. 9541  -  Il tribunale, in sede di valutazione della fattibilità giuridica del concordato preventivo, deve dichiarare la revoca dell’ammissione al concordato ex art. 173, comma 3, l. fall., in presenza di un piano che preveda il soddisfacimento parziale dei crediti privilegiati iva costituendo tale previsione una violazione di norme imperative. 

Note 09.02.2015

Vincolo di destinazione e concordato preventivo: il rapporto

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA - sez. fall. - 27 gennaio 2014 (decr.)  -  Con la sentenza 27 gennaio 2014 il Tribunale di Reggio Emilia ha inteso dichiarare l’inammissibilità di un concordato preventivo fondato in parte su un vincolo di destinazione costituito da un soggetto terzo. Premessi brevi cenni sulla natura giuridica del vincolo di destinazione, aderendo la pronuncia de qua alla tesi...

Note 03.02.2015

Fallimento e azione di responsabilità: all’esame delle Sezioni Unite della Cassazione l’applicazione del criterio del...

di , Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 3 giugno 2014, n. 12366 (ord.)  -  Dev’essere rimessa alle Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione la decisione sulla possibilità di applicare, ai fini dell’accertamento e della liquidazione del danno nell’azione di responsabilità promossa da una curatela fallimentare nei confronti dell’organo amministrativo o di controllo, il criterio del c.d. patrimonio netto...

Note 08.01.2015

Sulla legittimazione passiva nel giudizio di contestazione del rendiconto del curatore

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 9 maggio 2014, n. 10111  -  Nel giudizio afferente la contestazione del rendiconto del Curatore ex art. 116, comma quarto, l. fall., passivamente legittimato, anche in sede di ricorso per cassazione, resta pur sempre il curatore in proprio, poiché l’oggetto del giudizio, al di là della sua strutturazione formale e della fase in cui si trova, attiene comunque al controllo –...

Note 17.11.2014

Conoscenza da parte dei creditori degli atti di frode ai fini della revoca ex art. 173 l. fall. del concordato...

di Leggi dopo

CASS. CIV. 26 giugno 2014, n. 14552  -  L’Autore, prendendo spunto dall’ultimo arresto della Cassazione qui in commento, si sofferma sull’esame dell’istituto regolato dall’art. 173 l. fall. ed in particolare sui profili di definizione del concetto di “atti di frode”, escludendo che l’affinamento del concetto operato dai giudici di legittimità comporti un ritorno al profilo della “meritevolezza”...

Note 22.10.2014

Sull’inapplicabilità dell’art. 69-bis l. fall. alla revocatoria ordinaria

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI NAPOLI, 27 marzo 2014, n. 5064  -  Il curatore fallimentare decade dall’azione revocatoria, sia ordinaria ex art. 66 l. fall. sia fallimentare ex art. 67l. fall., se non è esercitata entro tre anni dalla dichiarazione di fallimento, sempre che, con riferimento alla sola azione revocatoria fallimentare, per la quale non vale il termine di prescrizione previsto dagli artt. 66 l. fall...

Pagine