Danno e responsabilità

Direttori di area:
Prof. Fulvio Gigliotti, Prof.ssa Emanuela Navarretta, Prof. Claudio Scognamiglio, Cons. Giacomo Travaglino


Comitato editoriale:
Elena Bargelli , Lucia Bozzi, Valentina Calderai, Giulia Donadio, Chiara Favilli, Umberto Izzo

Approfondimenti 06.05.2020

Covid 19, medicina delle catastrofi e responsabilità sanitaria

di GRATIS PER 10 GIORNI

La pandemia in atto pone la questione del difficile bilanciamento tra la garanzia dei diritti di chi eventualmente possa aver subito un danno ingiusto durante l’emergenza sanitaria e l’esigenza di tutelare - anche rispetto al rischio di subire azioni civili e penali del tutto infondate - chi, a costo della propria vita, è in prima linea nella lotta al virus. ...

Approfondimenti 27.04.2020

Covid-19 e (alcune) risposte immunitarie del diritto privato

di GRATIS PER 10 GIORNI

Se indubbiamente lo studio della pandemia in corso e dei suoi effetti coinvolge tutte le discipline, nessuna esclusa, nell'ambito delle scienze giuridiche esso ha investito una complessa molteplicità di aspetti,...

Editoriali 02.04.2020

Una autentica solidarietà sociale come eredità del coronavirus: per una diversa destinazione dei risarcimenti del...

di GRATIS PER 10 GIORNI

A fine 2019, il giorno 11 novembre, la salute è stata protagonista delle undici sentenze di San Martino. Di quelle sentenze, di tutti i vari e diversi temi da esse affrontati, voglio ricordarne tre, che si sono occupate di come quantificare il danno non patrimoniale alla salute. Riguardano il risarcimento della perdita di chance non patrimoniale...

Approfondimenti 20.03.2020

Caso fortuito e criterio di imputazione della responsabilità nell'art. 2051 c.c.: tra pacifiche (?) acquisizioni e...

di Leggi dopo

Da una pronuncia relativa ad un sinistro occorso in un condominio, nella quale la Terza Sezione della Cassazione si sofferma sulle caratteristiche che la condotta del danneggiato deve possedere affinché possa integrare la prova liberatoria del caso fortuito, chiarendo il rapporto tra i giudizi di “negligenza” della vittima e di “imprevedibilità” (relativa ed ex ante) del suo comportamento, si...

Note 27.02.2020

L'omessa informazione quale autonoma voce di danno in caso di «nascita indesiderata»

di Leggi dopo

In materia di responsabilità per attività medico-chirurgica, l'acquisizione del consenso informato del paziente, da parte del sanitario, costituisce prestazione diversa rispetto a quella avente ad oggetto l'intervento terapeutico anche in ragione della diversità dei diritti – rispettivamente, all'autodeterminazione delle scelte ed all'integrità psicofisica – pregiudicati nelle due differenti...

Approfondimenti 07.02.2020

Il legittimo affidamento nei confronti della P.A.

di Leggi dopo

La vicenda prendeva le mosse da un contrasto tra le clausole inserite all'interno di un bando di gara e quelle del relativo disciplinare e capitolato

Note 28.01.2020

Verso una “medicalizzazione” della responsabilità contrattuale? Esercizi di (discutibile) riscrittura dell'art. 1218...

di Leggi dopo

Ove sia dedotta la responsabilità contrattuale del sanitario per l'inadempimento della prestazione di diligenza professionale e la lesione del diritto alla salute, è onere del danneggiato provare, anche a mezzo di presunzioni, il nesso di causalità fra l'aggravamento della situazione patologica, o l'insorgenza di nuove patologie, e la condotta del sanitario, mentre è onere della parte debitrice...

Note 20.01.2020

La violazione del diritto all'autodeterminazione e i presupposti per il risarcimento del danno-conseguenza

di Leggi dopo

La omessa o insufficiente informazione in relazione a un intervento sanitario causa due tipi di danno: 1) del diritto alla salute, ove sia provato che il paziente, se adeguatamente informato non si sarebbe sottoposto all'intervento; 2) del diritto alla autodeterminazione personale, risarcibile quale autonoma voce di danno ove il paziente alleghi che, a causa del deficit informativo, ha subito...

Pagine