Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Approfondimenti 28.08.2014

La nuova disciplina del contratto a termine nel d.l. n. 34 del 2014 conv. in l. n. 78 del 2014

di Leggi dopo

L’impegno del Governo, esplicitato nelle prime righe del d.l. n. 34 del 2014 conv. in l. n. 78 del 2014, è quello di adottare, successivamente alla data di entrata in vigore della legge, un testo unico semplificato della disciplina dei rapporti di lavoro con la previsione in via sperimentale del contratto a tempo indeterminato a protezione crescente. Sicché può affermarsi che dell’ennesima...

Note 29.07.2014

La tutela applicabile in caso di licenziamento privo di motivazione

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA – sez. lav. – 21 dicembre 2013 (ord.)  -  L’autore annota una recente ordinanza del Tribunale di Roma, sezione lavoro, adottata all’esito della fase sommaria del nuovo rito dei licenziamenti, introdotto dai commi 48 e seguenti dell’art. 1 della legge n. 92 del 2012 (c.d. legge Fornero)....

Note 26.06.2014

Tutela applicabile al licenziamento disciplinare illegittimo per difetto di proporzionalità

di Leggi dopo

Nella pronuncia annotata, il Giudice ha dichiarato illegittimo il licenziamento intimato ad una lavoratrice per g.m.s. in quanto, considerando che il comportamento di quest’ultima si inseriva nell’ambito di una contrapposizione fra il datore di lavoro ed il sindacato, la sanzione disciplinare era sproporzionata: la condotta della dipendente non era, infatti, tale da far venir meno la fiducia...

Note 18.06.2014

Licenziamento discriminatorio, contratti certificati e rito applicabile: interferenze normative e soluzioni...

di Leggi dopo

Le ordinanze commentate affrontano il problema del coordinamento tra le disposizioni processuali previste per l’impugnazione di contratti certificati e per le controversie in materia di discriminazione ed il nuovo rito in materia di licenziamenti. Muovendo dall’obbligatorietà del rito Fornero, il Tribunale di Bologna ritiene che, per contestare la qualificazione dei contratti di associazione in...

Note 12.06.2014

L’applicazione del principio di automaticità delle prestazioni ai rapporti di collaborazione coordinata e...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI BERGAMO - sez. lav. - 23 dicembre 2013 (sent.)  -  Il principio di automaticità delle prestazioni, in base ad una interpretazione estensiva dell’art. 2116 c.c., si applica anche ai collaboratori coordinati e continuativi e a progetto (massima). 

Note 05.06.2014

La Corte di Giustizia si pronuncia sulla preesistenza del ramo ceduto: un nuovo caso di approccio “pro business” al...

di Leggi dopo

CORTE GIUST. UE - sez. IX - 6 marzo 2014, n. 458  -  L’articolo 1, paragrafo 1, lett. a) e b), della direttiva 2001/23/CE del Consiglio, del 12 marzo 2001, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti, deve essere interpretato...

Note 30.05.2014

Conoscenza e conoscibilità dell’atto di licenziamento

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - 13 febbraio 2014, n. 15626 (ord.)  -  Con l’ordinanza che si annota il Tribunale di Roma traccia, conformemente alla giurisprudenza di legittimità sul tema, l’ambito di operatività della presunzione di conoscenza, disposta all’art. 1335 c.c., con riferimento agli atti unilaterali del datore di lavoro. L’atto di licenziamento, così come la contestazione degli addebiti...

Note 29.05.2014

Campo di applicazione e limiti di applicabilità del nuovo art. 24, comma 4, d.l. n. 201 del 2011, conv. nella l. n....

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. lav. - 17 dicembre 2013 (ord.)  -  TRIBUNALE DI ROMA - sez. lav. - 5 novembre 2013 (sent.)  -  CORTE APP. TORINO - sez. lav. - 24 ottobre 2013 (sent.)  -  TRIBUNALE DI GENOVA - sez. lav. - 12 novembre 2013 (ord.)  -  L’art. 24, comma 4, d.l. n. 201 del 2011, non attribuisce al lavoratore un diritto soggettivo potestativo di prolungare il rapporto di lavoro oltre il...

Pagine