Società e concorrenza

Direttori di area:
Pres. Roberto Chieppa, Prof. Michele Perrino, Dott. Guido Romano, Prof. Massimo Rubino De Ritis


Comitato editoriale:
Dario Buzzelli, Emanuela Fusco

Note 05.05.2021

I versamenti in conto futuro aumento di capitale e gli altri tipi di ‘versamenti fuori capitale': caratteri ed...

di Leggi dopo

I versamenti in conto futuro aumento di capitale possono essere restituiti ai soci erogatori qualora la condizione per la quale gli stessi vengono posti in essere venga meno. Sussiste un collegamento causale tra l'apporto del socio e l'aumento di capitale, per cui il versamento viene sin dal principio vincolato a tale scopo. In nessun caso le somme oggetto del versamento vengono acquisite al...

Note 27.04.2021

La mancata appostazione di un credito nel bilancio di liquidazione non integra remissione del debito

di Leggi dopo

La remissione del debito, quale causa di estinzione delle obbligazioni, esige che la volontà abdicativa del creditore sia espressa in modo inequivoco; un comportamento tacito, pertanto, può ritenersi indice della volontà del creditore di rinunciare al proprio credito solo quando non possa avere alcun'altra giustificazione razionale, se non quella di rimettere al debitore la sua obbligazione. Ne...

Note 09.04.2021

Ottenimento della personalità giuridica da parte di ETS: primi orientamenti operativi in vista dell'istituzione del...

di Leggi dopo

La deliberazione dell'assemblea di un'associazione non riconosciuta di conseguire la qualifica di ETS con personalità giuridica richiede il quorum previsto per le modifiche statutarie ed è soggetta ai controlli previsti dall'art. 22 del Codice del terzo settore: pertanto, con l'istituzione del Registro unico del terzo settore, il notaio che abbia ricevuto il relativo verbale è tenuto a...

Note 24.03.2021

La inammissibilità del recesso ad nutum da S.r.l. con termine di durata molto lungo

di Leggi dopo

Non è possibile applicare alle società a responsabilità limitata la disciplina del recesso ad nutum prevista dall'art. 2285 c.c. per le società di persone né equiparare le società di capitali con termine di durata molto lungo alle società contratte a tempo indeterminato.

Note 08.03.2021

La costituzione del pegno sulle quote di s.r.l. e l'iscrizione nel registro delle imprese

di Leggi dopo

Le quote di società a responsabilità limitata, che non possono essere formate da titoli azionari e perciò non sono beni mobili, rappresentano la «partecipazione» dei soci al contratto sociale e allo svolgimento dell'impresa che da questo promana, esulando dall'ambito dei semplici diritti di credito; ne consegue che la costituzione in pegno di dette quote è soggetta alla regola residuale dell...

Note 04.03.2021

L'inscindibilità delle azioni di responsabilità ex art. 146 l.fall. contro gli amministratori di società fallita

di Leggi dopo

In caso di fallimento di una società, la clausola compromissoria contenuta nello statuto della stessa non è applicabile all'azione di responsabilità proposta unitariamente dal curatore ai sensi dell'art. 146 l.fall., diretta alla reintegrazione del patrimonio sociale a garanzia sia dei soci che dei creditori sociali e nella quale confluiscono sia l'azione prevista dall'art. 2393 c.c. che quella...

Note 23.02.2021

Sulla responsabilità dei soci per i debiti di s.r.l. estinta: l'onere della prova della riscossione dell'attivo in...

di Leggi dopo

In tema di effetti della cancellazione di società a responsabilità limitata dal registro delle imprese nei confronti dei creditori sociali insoddisfatti, ferma comunque la legittimazione dei soci in quanto successori della società estinta, il disposto dell'art. 2495,comma 2 (oggi comma 3), c.c. implica che, rispondendo i soci nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione, grava sul...

Note 12.02.2021

Scissione societaria: il conflitto d'interessi degli amministratori e le fideiussioni a garanzia della beneficiaria

di Leggi dopo

La decisione degli amministratori di addivenire ad una scissione parziale dell'originaria società non è di per sé atto che viola il dovere di compiere atti conservativi del patrimonio sociale, atteso che i creditori sociali sono tutelati dalla previsione di una responsabilità solidale della scissa ex art. 2506-quater, comma 3, c.c. Tuttavia, nell'ipotesi in cui gli amministratori accompagnano...

Pagine