Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Articoli 30.01.2015

Sulla efficacia della sentenza costitutiva

di Leggi dopo

Il principio generale di esecutorietà della sentenza di primo grado, conformemente all’attuale assetto della giurisprudenza, si applica solo alle sentenze di condanna, pur non autonome ma meramente dipendenti dal capo propriamente costitutivo; tuttavia le sentenze costitutive, una volta formatosi il giudicato, producono i loro effetti sin dalla domanda introduttiva del giudizio, in tal senso...

Articoli 22.12.2014

Riflessioni a prima lettura sui nuovi procedimenti consensuali in materia di diritto di famiglia di cui al D.L. n....

di Leggi dopo

Il d.l. 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla l. 10 novembre 2014, n. 162, ha introdotto, nell’ottica della degiurisdizionalizzazione e della semplificazione, alcune significative novità in materia di procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Articoli 19.09.2014

Le modalità della redazione del ricorso per cassazione alla luce delle esigenze di sinteticità

di Leggi dopo

In una missiva inviata dal Presidente della Corte di Cassazione al Presidente del Consiglio Nazionale Forense, si è sottolineata l’importanza che gli atti depositati dalle parti nel procedimento per cassazione siano caratterizzati dai medesimi requisiti della “chiarezza” e della “sinteticità”, che dovrebbero contraddistinguere le sentenze. Quanto, in particolare, alle esigenze di sinteticità...

Articoli 02.09.2014

L’arbitrato nelle controversie in materia locativa

di Leggi dopo

Non paiono, in linea di principio, sussistere ostacoli di ordine normativo alla deferibilità in arbitri di controversie di natura locativa, non risultando i diritti promananti dal rapporto di natura indisponibile, secondo quanto previsto dall'art. 806 c.p.c., così come modificato dal d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, né rientrando le relative controversie tra quelle di cui all'art. 409 c.p.c., non...

Articoli 26.06.2014

Crisi del rapporto contrattuale di affitto di azienda e tutela cautelare

di Leggi dopo

La controversia relativa alla risoluzione per inadempimento del contratto di affitto di azienda  legittima la concessione del sequestro giudiziario ex art. 670 c.p.c. quando è opportuno provvedere alla custodia o gestione temporanea dei beni che la compongono. La fruibilità della cautela atipica ex art. 700 c.p.c. qualora il sequestro giudiziario non si appalesi uno strumento adeguato a...

Articoli 05.06.2014

La forma della decisione di (in)competenza alla luce delle modifiche introdotte dalla l. n. 69 del 2009

di Leggi dopo

L’articolo esamina il tema, di grande rilevanza pratica, riguardante la forma della decisione sulla competenza e la persistente necessità, affermata nella giurisprudenza di legittimità, di rimettere la causa in decisione secondo i moduli decisori propri della “sentenza”, nonostante la prevista forma di “ordinanza” a seguito della nuova formulazione degli artt. 42, 44, 45, 47, 49, 50 e 279,...

Articoli 22.05.2014

La nullità dell’atto introduttivo della lite nei giudizi diversi da quello ordinario di cognizione

di Leggi dopo

Il rito sommario di cognizione si introduce con ricorso, ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c., il quale ha il medesimo contenuto dell’atto di citazione, atteso che l’art. 702-bis c.p.c. richiama i requisiti di cui all’art. 163 c.p.c., sia per quanto riguarda l’editio actionis, dovendo il ricorso indicare il petitum e la causa petendi della domanda, sia per quanto riguarda la vocatio in ius,...

Articoli 16.05.2014

Tutti i possibili dubbi sul termine di costituzione del convenuto

di Leggi dopo

La tempestiva costituzione del convenuto rileva ai fini dell’esercizio di fondamentali facoltà processuali, idonee ad incidere ed a condizionare la strategia difensiva della parte evocata in giudizio. Più precisamente, come dispongono gli artt. 167, comma 2, e 269, comma 2, c.p.c. le domande riconvenzionali, le eccezioni in senso stretto, la dichiarazione strumentale alla chiamata in causa del...

Pagine