Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 22.04.2021

La nullità (o meno) della sentenza emessa prima della decorrenza dei termini ex art. 190 c.p.c.: la parola alle...

di Leggi dopo

Sussistono le condizioni ai sensi dell'art. 374, comma 2, c.p.c., per la rimessione al Primo Presidente, ai fini dell'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, della questione, oggetto di contrasto nella giurisprudenza di legittimità, avente ad oggetto la nullità (o meno) della sentenza che sia stata emessa prima della scadenza dei termini concessi ai sensi dell'art. 190 c.p.c. (o di anche uno...

Note 16.04.2021

Rito sommario di cognizione e connessione “forte” tra domanda principale e domanda riconvenzionale soggetta a riserva...

di Leggi dopo

Va dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 702-ter, comma 2, ultimo periodo, c.p.c., nella parte in cui non prevede che, qualora con la domanda riconvenzionale sia proposta una causa pregiudiziale a quella oggetto del ricorso principale e la stessa rientri tra quelle in cui il tribunale giudica in composizione collegiale, il giudice adito possa disporre il mutamento del rito...

Note 25.03.2021

La natura dell'impugnazione per nullità del lodo e i suoi riflessi sulla competenza

di Leggi dopo

L'impugnazione per nullità del lodo non introduce un giudizio di primo grado sul rapporto, bensì un giudizio di impugnazione avverso un provvedimento avente natura giurisdizionale, sicché la competenza, stante il disposto di cui all'art. 828, comma 1, c.p.c., spetta al giudice entro il cui ambito territoriale opera l'arbitro che abbia emesso la decisione di primo grado, restando irrilevante la...

Note 19.03.2021

Il decreto di trasferimento libera il bene dai gravami con efficacia immediata: il dictum delle Sezioni Unite

di Leggi dopo

Nel procedimento di espropriazione e vendita forzata immobiliare, il decreto di trasferimento del bene, recante l'ordine di cancellazione dei gravami sul medesimo – tra cui i pignoramenti e le ipoteche – determina il trasferimento del diritto oggetto della procedura espropriativa libero da quei pesi e quindi la contestuale estinzione dei medesimi vincoli, dei quali il Conservatore dei registri...

Note 25.02.2021

Il «singolare» regime di esenzione dalle spese di lite di cui all'art. 152 disp. att. c.p.c. alla luce dell...

di Leggi dopo

Il regime di esenzione dal pagamento delle spese processuali previsto dall'art. 152 disp. att. c.p.c. – espressione di diritto singolare, come tale non applicabile a casi non espressamente indicati – opera in relazione ai giudizi promossi per il conseguimento di prestazioni previdenziali o assistenziali in cui il diritto alla prestazione sia l'oggetto diretto della domanda introdotta in...

Note 11.02.2021

Sull'intervento adesivo nel giudizio contabile

di Leggi dopo

La notificazione dell'atto di intervento adesivo del terzo nel processo contabile non è affetta da nullità qualora la stessa venga indirizzata alla parte personalmente – in luogo del procuratore costituito ex art. 170 c.p.c. – se risulta raggiunto lo scopo proprio della notificazione (che deve avere un sufficiente collegamento con la parte che, della stessa, sia destinataria) e se è stato...

Note 27.01.2021

Sulla contestazione in giudizio dell'autenticità delle scritture provenienti da terzi

di Leggi dopo

Nel processo civile le scritture private provenienti da terzi estranei alla lite costituiscono meri indizi, liberamente valutabili dal giudice e contestabili dalle parti senza necessità di ricorrere alla disciplina prevista in tema di querela di falso o disconoscimento di scrittura privata autenticata. Ne consegue che, sorta controversia sull'autenticità di tali documenti, l'onere di provarne...

Note 18.01.2021

Pregiudizialità necessaria e rito sommario di cognizione

di Leggi dopo

Va dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 702-ter, comma 2, ultimo periodo, c.p.c., nella parte in cui, prevedendo la pronunzia di inammissibilità, non dispone che, qualora mediante riconvenzionale sia proposta una causa pregiudiziale rispetto a quella oggetto di ricorso e la stessa sia rimessa alla competenza del tribunale in composizione collegiale, il giudice possa disporre il...

Pagine