Famiglia e successioni

Direttori di area:
Prof. Luigi Balestra, Prof. Stefano Delle Monache, Prof. Luigi Nonne


Comitato editoriale:
Chiara Abatangelo, Enrico Al Mureden

Note 13.06.2014

La nuova formulazione dell’art. 269 c.c.: legge straniera applicabile e provvedimenti conseguenti

di Leggi dopo

TRIBUNALE MINORENNI MILANO - 24 febbraio 2014 (sent.)  -  L’Autore, premessa l’analisi del contesto normativo recentemente mutato, prenderà in esame l’istituto della dichiarazione giudiziale di paternità. In particolare, verranno esaminati i profili relativi alla legge applicabile e le tipologie di provvedimenti conseguenti che l’Autorità Giudiziaria può assumere. Inoltre, verrà analizzata la...

Note 03.06.2014

Pretesa struttura unilaterale del procedimento di nomina dell’amministratore di sostegno. E le altre parti?

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 5 giugno 2013, n. 14190  -  APP. NAPOLI  24 gennaio 2014, decr.  -  Le pronunzie in rassegna affermano il principio secondo cui il procedimento di nomina dell’amministratore di sostegno riveste struttura unilaterale, dato che il decreto del g.t. produrrebbe effetti unicamente in capo al beneficiario, il quale sarebbe l’unica parte necessaria, non essendo tali gli altri...

Note 12.05.2014

Circa gli effetti esecutivi della sentenza di divisione

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 10 gennaio 2014, n. 406  -  CASS. CIV. - sez. II - 27 dicembre 2013, n. 28697  -  In tema di divisione giudiziale, la sentenza risolutiva delle contestazioni sul progetto e contenente l'assegnazione dei beni ai condividenti costituisce titolo esecutivo, con la conseguenza che ciascuno di costoro acquista non solo la piena proprietà dei beni facenti parte della quota...

Note 23.03.2014

«Questo matrimonio s'ha da fare»: brevi note sulla capacità di contrarre matrimonio del beneficiario

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MODENA – sez. II – 18 dicembre 2013, decr.  -  Il beneficiario di amministrazione sostegno conserva capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l'assistenza necessaria dell'amministratore di sostegno. Ciò significa, che salve le limitazioni contenute nel decreto, il beneficiario è dotato di piena capacità di agire. Tra le facoltà che...

Note 09.03.2014

Ius eligendi sepulchrum, mandato post mortem exequendum e famiglia di fatto

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA, 11 settembre 2013  -  Lo ius eligendi sepulchrum, ossia il potere di determinare modalità e luogo di sepoltura della salma spetta, in mancanza di designazione del defunto, al coniuge e agli stretti congiunti, ossia esclusivamente a soggetti legati al defunto da vincoli formali. La decisione, in linea con le tendenze evolutive dell’ordinamento, attribuisce invece...

Note 09.03.2014

Vicini per amore o per forza. Riflessione sul potere del giudice di assegnazione parziale della casa coniugale.

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI LECCE – sez. II – 22 febbraio 2013, decr. - Allorquando la casa coniugale consta di due unità abitative separate ed autonome nulla impedisce che le dette unità siano assegnate separatamente ad ognuno dei coniugi. Dalla convivenza di entrambi i genitori in un unico plesso immobiliare conseguirà, peraltro, una maggiore facilità di esercizio della bigenitorialità, imprescindibile...

Note 04.03.2014

L’annotazione a margine dell’atto di matrimonio della costituzione del fondo patrimoniale quale unica forma valida ai...

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. III – 12 dicembre 2013, n. 27854  -  La costituzione del fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo se annotata a margine dell'atto di matrimonio, in quanto la trascrizione imposta per gli immobili dall’art. 2647 c.c. risponde ad una funzione di pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, la quale non ammette deroghe o...

Note 03.03.2014

L’affidamento familiare tra novità e nodi ancora da sciogliere

di Leggi dopo

 TRIBUNALE MINORENNI DELL'EMILIA ROMAGNA, BOLOGNA – 31 ottobre 2013, decr.  -  Non può ritenersi ostativo all’affidamento familiare di un minore la circostanza per cui i componenti della coppia affidataria siano dello stesso sesso, poiché, in assenza di certezze scientifiche o dati di esperienza, costituisce mero pregiudizio la convinzione che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino...

Pagine