Famiglia e successioni

Direttori di area:
Prof. Luigi Balestra, Prof. Stefano Delle Monache, Prof. Luigi Nonne


Comitato editoriale:
Chiara Abatangelo, Enrico Al Mureden

Note 09.03.2014

Ius eligendi sepulchrum, mandato post mortem exequendum e famiglia di fatto

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA, 11 settembre 2013  -  Lo ius eligendi sepulchrum, ossia il potere di determinare modalità e luogo di sepoltura della salma spetta, in mancanza di designazione del defunto, al coniuge e agli stretti congiunti, ossia esclusivamente a soggetti legati al defunto da vincoli formali. La decisione, in linea con le tendenze evolutive dell’ordinamento, attribuisce invece...

Note 09.03.2014

Vicini per amore o per forza. Riflessione sul potere del giudice di assegnazione parziale della casa coniugale.

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI LECCE – sez. II – 22 febbraio 2013, decr. - Allorquando la casa coniugale consta di due unità abitative separate ed autonome nulla impedisce che le dette unità siano assegnate separatamente ad ognuno dei coniugi. Dalla convivenza di entrambi i genitori in un unico plesso immobiliare conseguirà, peraltro, una maggiore facilità di esercizio della bigenitorialità, imprescindibile...

Note 04.03.2014

L’annotazione a margine dell’atto di matrimonio della costituzione del fondo patrimoniale quale unica forma valida ai...

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. III – 12 dicembre 2013, n. 27854  -  La costituzione del fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo se annotata a margine dell'atto di matrimonio, in quanto la trascrizione imposta per gli immobili dall’art. 2647 c.c. risponde ad una funzione di pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, la quale non ammette deroghe o...

Note 03.03.2014

L’affidamento familiare tra novità e nodi ancora da sciogliere

di Leggi dopo

 TRIBUNALE MINORENNI DELL'EMILIA ROMAGNA, BOLOGNA – 31 ottobre 2013, decr.  -  Non può ritenersi ostativo all’affidamento familiare di un minore la circostanza per cui i componenti della coppia affidataria siano dello stesso sesso, poiché, in assenza di certezze scientifiche o dati di esperienza, costituisce mero pregiudizio la convinzione che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino...

Note 21.02.2014

La residenza abituale e il trasferimento “unilaterale” del minore nella determinazione della competenza territoriale...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - sez. I - 16 settembre 2013, decr.  -  L’Autore, premessa l’analisi del contesto normativo recentemente riformato, esamina l’incidenza delle nozioni di residenza abituale e di trasferimento “unilaterale” del minore sulla competenza territoriale del Tribunale chiamato a pronunciarsi sulle questioni relative all’affidamento dei minori e alla potestà genitoriale, accennando,...

Pagine