Famiglia e successioni

Direttori di area:
Prof. Luigi Balestra, Prof. Stefano Delle Monache, Prof. Luigi Nonne


Comitato editoriale:
Chiara Abatangelo, Enrico Al Mureden

Note 06.03.2015

Il giudizio di divorzio e l’impugnazione dell’accordo di separazione omologato: un caso di sospensione necessaria

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 9 dicembre 2014, n. 25861  -  La pendenza di una lite sulla validità dell'accordo giustificativo della separazione consensuale tra coniugi pregiudica, in senso tecnico giuridico, l'esito del giudizio, contemporaneamente pendente, di cessazione degli effetti civili del loro matrimonio, e ne comporta la sospensione ex art. 295 c.p.c., perché l'eventuale annullamento di...

Note 20.02.2015

Gli effetti dell’azione esecutiva sulla comunione legale in casi di responsabilità sussidiaria per debiti personali...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ORISTANO - 8 dicembre 2013 (sent.)  -  Per effetto del vittorioso esperimento dell’azione esecutiva sul patrimonio comune da parte del creditore personale di un coniuge, ha luogo una diminuzione coattiva dell’oggetto del regime legale, non ulteriormente qualificabile in termini di scioglimento parziale della comunione (dovendo riconoscersi in capo al coniuge non debitore il diritto...

Note 20.01.2015

Il tentativo di conciliazione nel giudizio di divorzio: presupposto indefettibile per l’ulteriore corso del processo...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 11 luglio/17 ottobre 2014, n. 22111 (sent.)  -  In tema di divorzio, una volta instaurato regolarmente il contraddittorio tra le parti, in caso di mancata comparizione di uno dei coniugi all’udienza presidenziale spetta all’insindacabile discrezionalità del presidente valutare l’opportunità di provvedere alla fissazione di una nuova udienza per il tentativo di...

Note 30.07.2014

Accordi di separazione: i trasferimenti immobiliari possono estinguere l’obbligo di mantenimento dei figli

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 23 settembre 2013,  n. 21736  -  L’adempimento dell’obbligazione di mantenimento dei figli minori, o maggiorenni non autosufficienti, non deve assumere necessariamente una veste periodica ben potendo esser assolto dai coniugi, in sede di separazione personale ovvero di divorzio, attraverso un accordo che attribuisca o li impegni ad attribuire ai figli la proprietà di beni...

Note 13.06.2014

La nuova formulazione dell’art. 269 c.c.: legge straniera applicabile e provvedimenti conseguenti

di Leggi dopo

TRIBUNALE MINORENNI MILANO - 24 febbraio 2014 (sent.)  -  L’Autore, premessa l’analisi del contesto normativo recentemente mutato, prenderà in esame l’istituto della dichiarazione giudiziale di paternità. In particolare, verranno esaminati i profili relativi alla legge applicabile e le tipologie di provvedimenti conseguenti che l’Autorità Giudiziaria può assumere. Inoltre, verrà analizzata la...

Note 03.06.2014

Pretesa struttura unilaterale del procedimento di nomina dell’amministratore di sostegno. E le altre parti?

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 5 giugno 2013, n. 14190  -  APP. NAPOLI  24 gennaio 2014, decr.  -  Le pronunzie in rassegna affermano il principio secondo cui il procedimento di nomina dell’amministratore di sostegno riveste struttura unilaterale, dato che il decreto del g.t. produrrebbe effetti unicamente in capo al beneficiario, il quale sarebbe l’unica parte necessaria, non essendo tali gli altri...

Note 12.05.2014

Circa gli effetti esecutivi della sentenza di divisione

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 10 gennaio 2014, n. 406  -  CASS. CIV. - sez. II - 27 dicembre 2013, n. 28697  -  In tema di divisione giudiziale, la sentenza risolutiva delle contestazioni sul progetto e contenente l'assegnazione dei beni ai condividenti costituisce titolo esecutivo, con la conseguenza che ciascuno di costoro acquista non solo la piena proprietà dei beni facenti parte della quota...

Note 23.03.2014

«Questo matrimonio s'ha da fare»: brevi note sulla capacità di contrarre matrimonio del beneficiario

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MODENA – sez. II – 18 dicembre 2013, decr.  -  Il beneficiario di amministrazione sostegno conserva capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l'assistenza necessaria dell'amministratore di sostegno. Ciò significa, che salve le limitazioni contenute nel decreto, il beneficiario è dotato di piena capacità di agire. Tra le facoltà che...

Pagine