Danno e responsabilità

Direttori di area:
Prof. Fulvio Gigliotti, Prof.ssa Emanuela Navarretta, Prof. Claudio Scognamiglio, Cons. Giacomo Travaglino


Comitato editoriale:
Elena Bargelli , Lucia Bozzi, Valentina Calderai, Giulia Donadio, Chiara Favilli, Umberto Izzo

Note 20.02.2017

Il danno da perdita del rapporto parentale può essere rivendicato anche dai nipoti non conviventi

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. III - 20 ottobre 2016, n. 21230  -  In tema di danno da perdita di rapporto parentale, il dato esterno ed oggettivo della sola convivenza non costituisce, di per sé, elemento discretivo idoneo a bilanciare le contrapposte esigenze di tutela del diritto del superstite e di ingiustificata dilatazione dei soggetti danneggiati secondari, assurgendo la convivenza ad elemento...

Note 14.02.2017

Pericolosità della cosa in custodia inerte e prova del nesso causale tra res e danno subito dal pedone su pubblica via

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. VI – ord. 5 settembre 2016, n. 17625  -  La pericolosità della cosa inerte non è fatto costitutivo della responsabilità del custode, bensì semplicemente un indizio dal quale risalire, ex art. 2727 c.c., alla prova del nesso causale tra la res statica stessa e il danno....

Note 07.02.2017

Usi impropri dell'area sciabile: responsabilità civile e assicurazione

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 20 ottobre 2016, n. 21254  -  Presupposto dell'applicazione dell'art. 2054 c.c. e della correlata normativa attinente all'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile da circolazione di veicoli è che il sinistro avvenga in un'area stradale o ad essa equiparata, onde in una pista innevata di sci, non essendo aperta per uso stradale bensì per l'esercizio di uno...

Note 25.01.2017

Il contratto con effetti protettivi verso terzi e la responsabilità medica

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI FROSINONE - 24 maggio 2016 - Con il contratto di ricovero ospedaliero della gestante l'ente ospedaliero si obbliga non soltanto a prestare alla stessa le cure e le attività necessarie al fine di consentirle il parto, ma altresì ad effettuare, con la dovuta diligenza, tutte quelle altre prestazioni necessarie al feto (ed al neonato), sì da garantirne la nascita evitandogli – nei...

Note 18.01.2017

Danno prodotto da vizi intrinseci alla strada pubblica in custodia e incidenza causale della condotta della vittima

di GRATIS PER 10 GIORNI

CASS. CIV. – sez. III – 29 luglio 2016, n. 15761 - L'ente proprietario di una strada aperta al pubblico transito si presume responsabile ex art. 2051 c.c. dei sinistri riconducibili alle situazioni di pericolo immanentemente connesse alla struttura ed alla conformazione stessa della strada (a prescindere dalla sua estensione) e delle sue pertinenze. La condotta del danneggiato elide il nesso...

Note 05.01.2017

Errore nella dichiarazione di successione: la responsabilità del notaio e la prescrizione del diritto al risarcimento

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III – 22 settembre 2016, n. 18606 - In caso di responsabilità contrattuale del professionista il termine di prescrizione inizia a decorre dal momento in cui il danno produce i suoi effetti all'esterno, divenendo oggettivamente percepibile e riconoscibile dal danneggiato, e non da quello in cui la condotta determina il verificarsi dell'evento dannoso.

Note 28.12.2016

La responsabilità del prestatore del servizio bancomat

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 4 agosto 2016, n. 16333 - Allo scopo di valutare la responsabilità della banca (nella specie: Poste Italiane s.p.a.) per il caso di utilizzo illecito, da parte di terzi, di carta bancomat smarrita, non può essere omessa la verifica dell'adozione da parte dell'istituto bancario delle misure necessarie a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni,...

Note 09.12.2016

Diritto all'oblio e decorso del tempo come fattore per misurare l'attualità della notizia

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I -24 giugno 2016, n. 13161 - La persistente pubblicazione e diffusione, su un giornale “on line”, di una risalente notizia di cronaca (riguardante, nella specie, una vicenda giudiziaria per un fatto accaduto circa due anni e mezzo prima della instaurazione del relativo procedimento ex art. 152 del d.lgs. n. 196 del 2003) esorbita, per la sua oggettiva e prevalente componente...

Pagine