Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Note 28.04.2021

Responsabilità solidale: un commento alla pronuncia del Tribunale di Padova del 18 dicembre 2020

di Leggi dopo

Della responsabilità solidale ex art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276 del 2003 beneficiano anche i lavoratori impiegati dall'appaltatore con contratto di somministrazione per lo svolgimento di mansioni rientranti nell'oggetto dell'appalto poiché, secondo una lettura costituzionalmente orientata, la tutela solidale non può non estendersi a tutti i livelli del lavoro indiretto.

Note 10.03.2021

Incarichi a soggetti esterni e modi di conferimento. Il caso del Coordinatore dell'Avvocatura regionale

di Leggi dopo

La qualificazione dell'Avvocatura regionale quale “ufficio di diretta collaborazione del Presidente della Giunta” operata da una legge regionale non vale a consentire una nomina discrezionale (rectius fiduciaria) del Coordinatore di questo organo....

Note 05.02.2021

Ancora su lavoratori fragili e smart working

di Leggi dopo

La valutazione di compatibilità ex art. 39 d.l. n. 18 del 2020, convertito con modificazioni dalla l. n. 27 del 2020, non può limitarsi ad accertare in astratto se la prestazione possa essere tecnicamente svolta da remoto accedendo al software aziendale, occorrendo verificare in concreto che la stessa possa risultare ugualmente funzionale se resa non in presenza.  

Note 14.09.2020

La nozione di “retribuzione globale di fatto” nel caso di indennità sostitutiva ex art. 18, comma 3, l. n. 300 del 1970

di Leggi dopo

Nella determinazione della retribuzione globale di fatto utile per il calcolo della indennità sostitutiva della reintegrazione si calcolano sia il rateo del trattamento di fine rapporto che la media delle competenze accessorie normalmente corrisposte al lavoratore per la sua prestazione.

Note 09.09.2020

Licenziamento dirigenziale pretestuoso e prova del motivo illecito

di Leggi dopo

In ragione di indizi gravi precisi e concordanti, il licenziamento deve intendersi come atto terminale, per un verso, e come culmine qualitativo, per altro verso, di una strategia di condotta volta a demansionare e ad emarginare il ricorrente, e successivamente ad estrometterlo con motivazioni pretestuose non appena egli si è posto in esplicito contrasto con la Società, trattandosi perciò di un...

Note 15.06.2020

Sulla funzione sanzionatoria del risarcimento del “danno da discriminazione”

di Leggi dopo

È considerata discriminatoria la condotta del datore di lavoro che mira a sanzionare qualunque forma di ritardo sul lavoro, senza concedere alcuna tolleranza o “flessibilità” nei casi in cui vi siano imprevedibili esigenze di accudimento della prole che comportino un ritardato inizio della prestazione lavorativa....

Note 27.05.2020

Dal “centro unitario di interessi” alla codatorialità nei gruppi di imprese. Il lento percorso della giurisprudenza

di Leggi dopo

Il collegamento economico-funzionale tra imprese di un medesimo gruppo non comporta il venir meno dell'autonomia delle singole società dotate di personalità giuridica distinta e non determina ex se l'estensione degli obblighi inerenti al rapporto di lavoro con una di esse alle altre dello stesso gruppo. Infatti, la codatorialità nell'impresa di gruppo presuppone l'inserimento del lavoratore...

Note 15.05.2020

Il divieto di discriminazione in base all'età nel settore aereo: la sicurezza nazionale prima di tutto

di Leggi dopo

La misura nazionale, la quale prevede la cessazione automatica del rapporto di lavoro dei piloti alle dipendenze di una società che gestisce aeromobili nell'ambito di attività connesse alla tutela della sicurezza nazionale di uno Stato membro dell'Unione Europea, allorché tali piloti raggiungano l'età di 60 anni, non viola il divieto di discriminazione in base all'età laddove sia necessaria...

Pagine