Approfondimenti

Diritti reali e condominio 14.05.2018

L'incerta natura delle servitù di parcheggio tra rapporti obbligatori e diritti reali

Visualizzazione ZEN

https://dejure.it/document?id=5395404_0_1_SAU003D06M07Y2017N000016698S02
https://dejure.it/document?id=166331_827854_1_CCX_____19420316000000000000262A1027S00

Sommario:

  1. 1. Cenni introduttivi.
  2. 2. Tipicità strutturale e atipicità di contenuto: il revirement della Suprema Corte sull'ammissibilità delle servitù di parcheggio.
  3. 3. La sottile linea di confine tra diritti personali e reali: l'esempio francese.
  4. 4. Rilievi conclusivi.
 

Lo scritto analizza la possibilità di qualificare il diritto di parcheggio come ius in re aliena e, segnatamente, quale servitù, piuttosto che considerarlo un vantaggio di natura personale.  La questione, lungi dal tradursi in una mera disputa sulla considerazione di talune fattispecie, espressione dell'autonomia contrattuale, finisce per coinvolgere la più ampia problematica della differenza tra diritti di credito e diritti reali e la connessa tematica della tipicità e del numero chiuso di questi ultimi.