Home Page

Note

Famiglia e successioni 15.09.2021

Allontanamento dalla residenza familiare e addebito della separazione: la Cassazione chiarisce i profili probatori

di Leggi dopo

Il volontario abbandono della casa comune da parte di uno dei coniugi è causa di per sé sufficiente di addebito della separazione, in quanto porta all'impossibilità della convivenza, salvo che si provi, e l'onere incombe su chi ha posto in essere l'abbandono, che esso è stato determinato dal comportamento dell'altro coniuge, ovvero quando il suddetto abbandono sia intervenuto nel momento in cui l'intollerabilità della prosecuzione della...

Articoli

Lavoro 13.09.2021

Riders, condotta antisindacale e ruolo del sindacato: il processo come strumento di rilancio dell'azione sindacale nella gig economy

di Leggi dopo

Negli ultimi mesi, si è assistito ad un interessante ed inedito botta e risposta tra il Tribunale di Firenze, il Tribunale di Milano e il Tribunale di Bologna in ordine alla possibilità di includere o meno nell'ambito di applicazione dell'art. 28 St. lav. le collaborazioni organizzate dal committente (art. 2 d.lgs. n. 81 del 2015) e, in particolare, i riders (gli shoppers nel caso deciso dal Tribunale di Milano) della gig economy. Tale...

Approfondimenti

Diritti reali e condominio 10.09.2021

Mancanza del certificato di agibilità e alterazione qualitativo-funzionale del bene venduto

di Leggi dopo

La Suprema Corte, escludendo l'automatico riconoscimento di una compravendita di aliud pro alio in assenza del certificato di agibilità,sembra ribadire l'esigenza di misurare in concreto l'impatto di tale carenza sull'equilibrio delle reciproche prestazioni, a fronte di una alterazione qualitativa e funzionale del bene venduto che può variamente declinare nella fattispecie negoziale.

Note

Banca finanza assicurazioni 08.09.2021

Natura e dies a quo del termine quinquennale per l'esercizio dell'azione sociale di responsabilità

di Leggi dopo

Nell'azione sociale di responsabilità esercitata dal commissario straordinario di un istituto di credito nei confronti degli amministratori, sindaci e direttori generali, il termine di prescrizione quinquennale decorre dalla cessazione dell'incarico solo ove i danni riconducibili alla loro condotta si siano prodotti e manifestati all'esterno in epoca antecedente o concomitante a tale cessazione....

Articoli

Arbitrato e processo... 06.09.2021

Giustizia e Università: l’opportunità dei bandi per l’Ufficio per il...

di ,
GRATIS PER 10 GIORNI