Società e concorrenza

Direttori di area:
Cons. Roberto Chieppa, Prof. Michele Perrino, Prof. Massimo Rubino De Ritis


Comitato editoriale:
Emanuela Fusco

Note 26.10.2017

Danni da mala gestio nelle società pubbliche che operano nei servizi pubblici locali: le sezioni unite in punto di...

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE - I danni da mala gestio provocati dai membri degli organi di governance societaria non integrano un'ipotesi di danno erariale, poiché questo si riverbera in via diretta solo sul patrimonio della società pubblica, assoggettata alle regole generali del diritto societario e dotata di autonomia e distinta personalità giuridica rispetto sia a coloro che impersonano gli organi...

Note 17.10.2017

Il Consiglio di Stato sulla nozione di contratto di appalto pubblico “a titolo oneroso”

di Leggi dopo

CONSIGLIO DI STATO - Non è illegittimo l'affidamento di un appalto di servizi a titolo gratuito con il solo rimborso spese. Infatti, la garanzia di serietà e affidabilità, intrinseca alla ragione economica a contrarre, non necessariamente trova fondamento in un corrispettivo finanziario della prestazione contrattuale; ma può trovare analoga ragione anche in un altro genere di utilità, pur...

Note 09.10.2017

Limite della postergazione all'operare della compensazione

di Leggi dopo

TRIB. ROMA - sez. specializz. impr. - III sez. civ. - 6 febbraio 2017, sent. - Il principio della compensabilità tra credito del socio avente ad oggetto la restituzione di un precedente finanziamento e debito avente ad oggetto l'ammontare dell'aumento del capitale, trova il proprio limite nell'ipotesi in cui i finanziamenti eseguiti dai soci siano soggetti alla postergazione prevista dall'art....

Note 24.07.2017

Ancora in tema di competenza delle sezioni specializzate in materia di impresa. In attesa delle Sezioni Unite

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI-2 - ord. 22 marzo 2017, n. 7227  -  La ripartizione delle funzioni tra sezione ordinaria e sezione specializzata in materia di impresa del medesimo Tribunale non implica l'insorgenza di una questione di competenza, attenendo piuttosto alla distribuzione degli affari giurisdizionali all'interno dello stesso ufficio. Di conseguenza, ove il Tribunale ordinario abbia...

Note 06.06.2017

Clausole put e divieto di patto leonino nell'ambito delle operazioni di finanziamento partecipativo: una possibile...

di Leggi dopo

Tribunale di Trieste - sez. specializzata imprese - 8 maggio 2017 - Non impongono nel divieto di patto leonino, di cui all'art. 2265 c.c., gli accordi parasociali intercorrenti tra i soci di comando di una società di capitali e una finanziaria regionale, finalizzati alla cessione temporanea a scopo di finanziamento di una porzione della loro partecipazione sociale verso un determinato...

Note 08.03.2017

La compatibilità del trust con la disciplina della famiglia e delle successioni

di Leggi dopo

Tribunale di Roma, 29 ottobre 2016, n. 20189  -  È inefficace l'atto di compravendita di quote societarie e il successivo atto istitutivo del trust, costituito con il conferimento delle medesime quote, in esecuzione di un mandato fiduciario tra acquirente e alienante (nella specie, le quote societarie erano state trasferite dalla figlia alla madre, la quale le aveva, poi, conferite in un trust...

Note 19.12.2016

Procedimento sanzionatorio Consob: dies a quo per la contestazione dell'illecito e nozione di informazione privilegiata

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 5 luglio 2016, n. 13662  -  Nell'ambito del procedimento sanzionatorio posto in essere dalla Consob, ai fini della decorrenza del termine decadenziale per la contestazione dell'illecito non deve tenersi conto del tempo ascrivibile ad ingiustificati ritardi derivanti da disfunzioni burocratiche o da artificiose protrazioni dello svolgimento delle attività accertative. Nel...

Note 05.12.2016

Amministratori di società privi di deleghe e l'obbligo di agire informati

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 31 agosto 2016, n. 17441 - La responsabilità degli amministratori di una società per azioni, privi di delega, non può ad oggi fondarsi su una generale omissione di vigilanza, tale da tramutarsi nei fatti in una responsabilità oggettiva, ma deve necessariamente riconnettersi alla violazione del dovere di agire informati, sia sulla base delle informazioni che a detti...

Pagine