Obbligazioni e contratti

Direttori di area:
Cons. Cosimo D'arrigo, Prof. Raffaele Di Raimo, Prof. Marcello Maggiolo


Comitato editoriale:
Matteo Ceolin, Carlo Mignone, Elisabetta Posmon, Stefania Stanca

Note 11.07.2016

L’offerta formale condizionata

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 20 gennaio 2016, n. 890 - Nelle locazioni di immobili urbani adibiti ad attività commerciali, disciplinate dagli artt. 27 e 34, della l. n. 392 del 1978 (e, in regime transitorio, dagli artt. 68, 71 e 73 della stessa legge), il conduttore che, alla scadenza del contratto, rifiuti la restituzione dell’immobile, in attesa che il locatore gli corrisponda la dovuta indennità...

Approfondimenti 13.06.2016

Notazioni in tema di locazione commerciale e validità dell'offerta per intimazione condizionata, partendo da (per...

di Leggi dopo

Lo spunto per queste riflessioni è dato da una recente pronuncia della Corte di Cassazione che si è occupata della questione del condizionamento dell'offerta per intimazione al rilascio di un immobile, così formulata al momento della risoluzione di un contratto di locazione ad uso diverso da quello abitativo, quindi soggetto alla disciplina di cui alla l. n. 392 del 1978. È bene quindi...

Note 07.06.2016

Le Sezioni Unite e gli strumenti di tutela dell'utilizzatore nel leasing

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. un. - 5 ottobre 2015, n. 19785  -  Qualora l'utilizzatore riceva dal fornitore un bene viziato inidoneo all'uso, occorre distinguere l'ipotesi in cui il vizio si manifesti prima della consegna (rifiutata dall'utilizzatore) da quella in cui emerga successivamente: nel primo caso il concedente, informato dall'utilizzatore dell'esistenza del vizio, ha il dovere di sospendere il...

Approfondimenti 27.05.2016

Obblighi di informazione e vizi della volontà nella disciplina dei singoli contratti

di Leggi dopo

Tra i diversi significati che il termine “informazione” oggi assume nel nostro ordinamento, vi è quello «dell’obbligo posto a carico di taluni soggetti quando entrano in rapporto con altri, come avviene nelle trattative contrattuali o nella presentazione di beni o servizi oggetto di rapporti giuridici». Nella prospettiva civilistica, l’informazione riveste valenza diversa a seconda della fase...

Note 20.05.2016

Preliminare di vendita di cosa parzialmente altrui e proponibilità della domanda di risoluzione del contratto

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 2 marzo 2015, n. 4164 (sent.)  -  In tema di contratto preliminare di vendita, il promittente venditore di una cosa che non gli appartiene, anche nel caso di buona fede dell’altra parte, può adempiere la propria obbligazione procurando l’acquisto del promissario direttamente dall’effettivo proprietario. Pertanto, il promissario acquirente, il quale ignori che il bene, all...

Editoriali 06.05.2016

Pegno mobiliare non possessorio

di Leggi dopo

Ci sono alcune figure del diritto patrimoniale letteralmente intramontabili. Certi istituti romanistici continuano a sopravvivere nel diritto positivo e nella prassi applicativa dei giorni nostri subendo continue trasformazioni e rimaneggiamenti, ma dimostrando proprio per questo una incessante vitalità. Il caso più emblematico è quello del pegno. 

Editoriali 03.05.2016

Sulla riforma del diritto dei contratti in Francia: una lettura sinottica del Projet e della Ordonnance

di Leggi dopo

La lettura sinottica dei due testi di riforma del Code civil in materia di contratti (il Projet del 15 marzo 2015 e l’Ordonnance n. 2016-131 del 10 febbraio 2016) consente di cogliere, con uno sguardo d’insieme, alcune delle differenze più vistose tra l’una e l’altra formulazione: le soppressioni che si sono decise con il testo approvato, le modificazioni o riformulazioni del testo originario,...

Note 27.04.2016

La tutela del consumatore tra asimmetricità ed effettività: profili critici

di Leggi dopo

CORTE GIUST. UE - sez. I - 4 giugno 2015, n. 497  -  Ogniqualvolta la controversia sia disciplinabile dalla dir. 1999/44/CE, il giudice interno, anche d’ufficio, dovrà verificare se l’acquirente possa essere qualificato come consumatore, anche qualora quest’ultimo non si sia espressamente avvalso di tale status. La pronuncia della Corte di Giustizia completa un lungo percorso giurisprudenziale,...

Pagine