Obbligazioni e contratti

Direttori di area:
Cons. Cosimo D'Arrigo, Prof. Raffaele Di Raimo, Prof. Marcello Maggiolo


Comitato editoriale:
Matteo Ceolin, Carlo Mignone, Elisabetta Posmon, Stefania Stanca

Approfondimenti 04.06.2014

La tutela amministrativa contro le clausole vessatorie: i primi interventi dell’AGCM

di Leggi dopo

La Direttiva 93/13/CEE del 5 aprile 1993 concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori è stata attuata nel nostro ordinamento nel 1996 con la l. 6 febbraio 1996, n. 52, attraverso l’introduzione degli articoli da 1469-bis a 1469-sexies nel codice civile. Successivamente, nell’ambito di un’operazione di riordino di diverse discipline di derivazione comunitaria in tema...

Approfondimenti 27.05.2014

Patto commissorio autonomo: come salvare la validità del finanziamento e della garanzia

di Leggi dopo

L’orientamento che da oltre trent’anni guida la giurisprudenza in tema di patto commissorio autonomo comporta, in sede applicativa, la nullità non solo della clausola commissoria, ma anche della garanzia reale e del negozio di finanziamento, con conseguenze particolarmente gravi sulle negoziazioni. Il saggio si sofferma in particolare sulle proposte avanzate da dottrina e giurisprudenza in...

Note 22.05.2014

Contratto preliminare di compravendita e condizione sospensiva

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 12 febbraio 2014, n. 3207  -  La controversia vede come protagonisti gli eredi del promissario venditore ed il promissario acquirente il quale domanda la risoluzione del preliminare di compravendita a seguito dell'alienazione del terreno oggetto del contratto da parte dei medesimi ed il risarcimento del danno. Era stato pattuito che l'efficacia del preliminare fosse...

Approfondimenti 16.05.2014

Il mutuo dissenso

di Leggi dopo

Con il lemma «mutuo dissenso», in diritto privato, si è soliti indicare l’atto con il quale due parti, di comune accordo, decidono di sciogliere un contratto che avevano, tra loro, precedentemente concluso. I referenti normativi di questa figura vengono rinvenuti, principalmente, negli artt. 1321 e 1372 c.c. La prima norma, estende la nozione di contratto anche a quell’accordo con cui le parti...

Approfondimenti 14.05.2014

I confini dell’indebito soggettivo

di Leggi dopo

Prendendo spunto da un recente provvedimento del Tribunale di Milano, si pone il caso di un avvocato che aveva prestato la sua attività professionale a favore dell’amministratore di una società per azioni ed aveva ricevuto il pagamento della sua parcella dalla società stessa e non dal cliente. A pagamento avvenuto, la società, all’interno della quale erano nel frattempo cambiati gli “equilibri”...

Approfondimenti 28.04.2014

Mercato globale, tutela del consumatore e scommesse sportive ‘dopate’

di Leggi dopo

In una recente sentenza la Corte di Cassazione ha ritenuto che «alla luce del sistema assiologico delineato dalla Costituzione e, più in generale, anche dal complesso delle fonti di diritto internazionale e comunitario», «non esiste più nel nostro ordinamento un disfavore nei confronti del gioco d’azzardo in quanto tale»; ha inoltre aggiunto la Suprema Corte che «deve constatarsi come l’area...

Approfondimenti 23.04.2014

Rilevanza e natura giuridica dell’atto di delega nella delegatio promittendi e solvendi.

di Leggi dopo

Priva sotto il vigore del codice del 1865 di un’autonoma di­sciplina che la distinguesse dalla novazione soggettiva, di cui costituiva una specie, la delegazione veniva disciplinata (art. 1267 c.c. del 1865) nell’ambito «Dei modi in cui si estinguevano le obbligazioni». Il codice del 1942 ha invece dato all'istituto una qual certa autonomia normativa sotto l'impulso di un acceso dibattito...

Articoli 11.04.2014

Domanda di risoluzione del contratto, adempimento tardivo e giudizio sulla gravità dell’inadempimento

di Leggi dopo

Uno dei profili tuttora più dibattuti della disciplina della risoluzione del contratto per inadempimento è quello della interpretazione dell’art. 1453, comma 3, c.c., a norma del quale «dalla data della domanda di risoluzione l’inadempiente non può più adempiere la propria obbligazione». In particolare, un aspetto cruciale della questione è rappresentato dalla effettiva portata dell’effetto...

Pagine