Obbligazioni e contratti

Direttori di area:
Cons. Cosimo D'arrigo, Prof. Raffaele Di Raimo, Prof. Marcello Maggiolo


Comitato editoriale:
Matteo Ceolin, Carlo Mignone, Elisabetta Posmon, Stefania Stanca

Articoli 04.03.2014

Venire contra factum proprium: un divieto di carattere generale?

di Leggi dopo

Il divieto di condotte incompatibili può essere frutto dell’applicazione di clausole generali ma comunque limitate all’ambito nel quale le confina il legislatore (si pensi agli artt. 1175 e 1375 c.c. per ciò che concerne le obbligazioni e, rispettivamente, i contratti), ovvero portato di norme che specificamente lo prevedano. Il problema che si pone all’interprete nell’esame dell’ordinamento,...

Articoli 02.03.2014

Pluralità di appaltatori nel contratto di appalto pubblico e privato

di Leggi dopo

Il contratto di appalto, come in genere i negozi giuridici bilaterali patrimoniali, è contraddistinto dalla presenza di un soggetto creditore dell’obbligazione principale (nel nostro caso, committente) e di un soggetto debitore (l’appaltatore). Le parti del contratto di appalto sono, così, il committente o appaltante (colui che assegna l’incarico di attuare l’opera) e l’appaltatore o l’impresa ...

Articoli 27.02.2014

La nullità parziale necessaria nei contratti Btob.

di Leggi dopo

Le norme in tema di patti concretanti un abuso di posizione dominante, di contratto di subfornitura, di franchising, di patti sui ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali statuiscono tutte ipotesi di nullità.  In questi casi non sempre è legislativamente disciplinato il regime della nullità parziale e sussistendo una esigenza di protezione del contraente debole, ma mancando una...

Articoli 27.02.2014

La presupposizione: nozione e rimedi nella giurisprudenza

di Leggi dopo

La presupposizione costituisce una categoria “civilistica” che viene di frequente invocata in un’ampia e diversificata casistica. Il più delle volte ciò si verifica per l’effetto di una consuetudine da parte degli operatori del diritto a spiegare, talora con una certa disinvoltura, plurime domande con riferimento ad un medesimo petitum, e giocoforza nel richiamo alla presupposizione opera la...

Articoli 26.02.2014

«Quod nullum est…»: il punto sulle nuove fattispecie di nullità convalidabili

di Leggi dopo

I dati normativi e giurisprudenziali che hanno alimentato il recente dibattito sull’insanabilità dell’atto nullo sono analizzati unitamente agli espedienti escogitati per ricomporre ciascuna delle «fattispecie devianti» nella classica sistemazione binaria delle patologie negoziali (nullità/annullabilità). Le soluzioni proposte al problema della sanatoria del negozio nullo si fondano sulla...

Note 26.02.2014

Autorizzazione specifica e predeterminazione del contenuto del contratto con se stesso: la confusione della...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI-2 - ordinanza 4 novembre 2013, n. 24674  -  In tema di contratto con se stesso il commento pone in rilievo la necessità di operare un distinguo tra le due condizioni contemplate dall’art. 1395 c.c. contrariamente a quanto espresso dalla Cassazione, la quale tende ad assorbire la predeterminazione del contenuto nell’autorizzazione specifica, nonché ad incentrare la tutela...

Articoli 26.02.2014

Mancanza del contenuto minimo necessario nei contratti turistici: quali conseguenze?

di Leggi dopo

Il nuovo codice del turismo conferma la tendenza al neoformalismo, nonché alla eterodeterminazione del contenuto del contratto nell’ottica di garantire alla parte debole la conoscenza o conoscibilità dei termini dell’accordo. Lo scritto passa in rassegna le soluzioni prospettabili in caso di assenza del contenuto minimo necessario nei contratti turistici e perviene alla conclusione, suffragata...

Articoli 26.02.2014

La nuova disciplina sui ritardi di pagamento: resurrezione senza morte della riduzione ad equità?

di Leggi dopo

In seguito alla riforma intervenuta con il d.lgs. 192 del 2012 in tema di ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, occorre domandarsi se alla eliminazione testuale del potere del giudice di ricondurre ad equità il contratto depurato dalla clausola nulla corrisponda una sua effettiva scomparsa; ciò tenuto conto della tendenza, oramai consolidata anche a livello sovranazionale, alla...

Pagine