Obbligazioni e contratti

Direttori di area:
Cons. Cosimo D'Arrigo, Prof. Raffaele Di Raimo, Prof. Marcello Maggiolo


Comitato editoriale:
Matteo Ceolin, Carlo Mignone, Elisabetta Posmon, Stefania Stanca

Approfondimenti 16.08.2019

L'obbligazione solidale del committente, a tutela del lavoro indiretto, riguarda anche il rapporto di subfornitura

di Leggi dopo

In sede di scrutinio della legittimità costituzionale della norma che, a tutela del c.d. lavoro indiretto, prevede l'obbligazione del committente, in solido con l'appaltatore e il subappaltatore, in ordine al pagamento dei trattamenti retributivi, dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi in favore dei lavoratori, in caso di appalto di opere o di servizi, il Giudice delle leggi, in...

Approfondimenti 25.06.2019

Differenze tra responsabilità contrattuale e responsabilità extracontrattuale: l'onere della prova

di Leggi dopo

L'analisi che segue muove dall'intento di valorizzare, in una prospettiva dinamica, accanto alla fissità ed astrattezza di una regola generale di distribuzione dell'onere probatorio, in ragione dell'evocazione in giudizio di fattispecie di responsabilità contrattuale piuttosto che aquiliana, i relativi punti di contatto, le ampie deroghe e le possibili incongruenze di una simile ripartizione. I...

Approfondimenti 18.06.2019

Il principio di “tipicità” delle cause di annullabilità e il problema dei c.d. “nuovi vizi del consenso”

di Leggi dopo

Il contributo intende ripercorrere uno dei temi più controversi del diritto delle obbligazioni e dei contratti, quello concernente il principio di “tipicità” delle cause di annullabilità e il problema dei c.d. “nuovi vizi del consenso”. A fronte delle nuove fattispecie emergenti principalmente dalle fonti europee – legate alla compressione della libertà del volere, derivante dall'abuso di...

Approfondimenti 23.05.2019

Clausola risolutiva espressa e controllo giudiziale: i limiti della risoluzione stragiudiziale

di Leggi dopo

La clausola risolutiva espressa è il patto con il quale le parti convengono che il contratto si risolva al verificarsi di un determinato inadempimento (o di più determinati inadempimenti. Essa costituisce una delle ipotesi di c.d. risoluzione di diritto, da contrapporre alla risoluzione giudiziale, e ha assunto, specialmente negli ultimi anni, un'importanza cruciale nelle dinamiche contrattuali.

Approfondimenti 18.04.2019

Contratti di investimento e regole di forma: brevi osservazioni dopo la decisione delle SS. UU. n. 898 del 2018

di Leggi dopo

Con l'intervento del 16 gennaio 2018, le Sezioni Unite della Cassazione hanno risolto - ai sensi dell'art. 374, comma 2, c.p.c. - una questione interpretativa di particolare importanza, riguardante la disciplina dettata dall'art. 23 TUF, in merito alla validità dei contratti quadro di investimento recanti la sola sottoscrizione del cliente, già – come è noto – oggetto di accesi contrasti sia...

Approfondimenti 08.02.2019

Il giudizio di meritevolezza tra liceità ed equilibrio contrattuale

di Leggi dopo

Il codice civile qualifica l'esercizio della libertà contrattuale non solo termini di liceità ma anche in relazione alla meritevolezza degli interessi perseguiti con quel determinato assetto pattizio.

Approfondimenti 14.01.2019

Onere probatorio e inadempimento contrattuale: “fatto” da allegare o da provare?

di Leggi dopo

La problematica dell'onere probatorio in tema di inadempimento contrattuale è stata oggetto di ampie e risalenti diatribe, sia in dottrina che in giurisprudenza. La Cassazione ha più volte tentato di sopire questo conflitto interpretativo ma, allo stato, il contrasto è ancora vivo e confliggenti restano le posizioni come assunte dagli studiosi in materia.

Approfondimenti 11.01.2019

La discutibile distinzione tra leasing di godimento e leasing traslativo

di Leggi dopo

Alla disciplina del leasing finanziario di cui alla l. n. 124 del 2017 può ricondursi la produzione di ripercussioni immediate sulla dicotomia tipologica leasing di godimento/leasing traslativo di elaborazione giurisprudenziale oppure la sua incidenza sul riferito orientamento deve ritenersi condizionata da questioni attinenti al profilo dell'applicazione temporale della stessa?

Pagine