Obbligazioni e contratti

Direttori di area:
Cons. Cosimo D'Arrigo, Prof. Raffaele Di Raimo, Prof. Marcello Maggiolo


Comitato editoriale:
Matteo Ceolin, Carlo Mignone, Elisabetta Posmon, Stefania Stanca

Note 26.06.2019

L'indicazione del valore dell'immobile non equivale al rispetto del limite di finanziabilità

di Leggi dopo

Ai fini della validità del contratto, l'indicazione contrattuale del valore del bene non è sufficiente a "garantire" l'effettivo rispetto del limite di finanziabilità posto dalla legge a livello di fattispecie concreta. L'effettivo rispetto del limite di finanziabilità non è questione di dichiarazioni negoziali, più o meno espresse. È questione, per contro, di oggettivo riscontro fattuale

Approfondimenti 25.06.2019

Differenze tra responsabilità contrattuale e responsabilità extracontrattuale: l'onere della prova

di Leggi dopo

L'analisi che segue muove dall'intento di valorizzare, in una prospettiva dinamica, accanto alla fissità ed astrattezza di una regola generale di distribuzione dell'onere probatorio, in ragione dell'evocazione in giudizio di fattispecie di responsabilità contrattuale piuttosto che aquiliana, i relativi punti di contatto, le ampie deroghe e le possibili incongruenze di una simile ripartizione. I...

Approfondimenti 18.06.2019

Il principio di “tipicità” delle cause di annullabilità e il problema dei c.d. “nuovi vizi del consenso”

di Leggi dopo

Il contributo intende ripercorrere uno dei temi più controversi del diritto delle obbligazioni e dei contratti, quello concernente il principio di “tipicità” delle cause di annullabilità e il problema dei c.d. “nuovi vizi del consenso”. A fronte delle nuove fattispecie emergenti principalmente dalle fonti europee – legate alla compressione della libertà del volere, derivante dall'abuso di...

Approfondimenti 23.05.2019

Clausola risolutiva espressa e controllo giudiziale: i limiti della risoluzione stragiudiziale

di Leggi dopo

La clausola risolutiva espressa è il patto con il quale le parti convengono che il contratto si risolva al verificarsi di un determinato inadempimento (o di più determinati inadempimenti. Essa costituisce una delle ipotesi di c.d. risoluzione di diritto, da contrapporre alla risoluzione giudiziale, e ha assunto, specialmente negli ultimi anni, un'importanza cruciale nelle dinamiche contrattuali.

Approfondimenti 18.04.2019

Contratti di investimento e regole di forma: brevi osservazioni dopo la decisione delle SS. UU. n. 898 del 2018

di Leggi dopo

Con l'intervento del 16 gennaio 2018, le Sezioni Unite della Cassazione hanno risolto - ai sensi dell'art. 374, comma 2, c.p.c. - una questione interpretativa di particolare importanza, riguardante la disciplina dettata dall'art. 23 TUF, in merito alla validità dei contratti quadro di investimento recanti la sola sottoscrizione del cliente, già – come è noto – oggetto di accesi contrasti sia...

Note 06.03.2019

Il contratto di factoring dalla prospettiva della disciplina della trasparenza bancaria

di Leggi dopo

Il contratto di factoring, se stipulato da una banca in relazione a crediti derivanti da rapporti bancari, è soggetto alla disciplina della trasparenza bancaria e rientra nell'alveo dell'art. 117 ss. TUB; pertanto, al pari di tutti i contratti aventi a oggetto la prestazione di servizi bancari e finanziari, il contratto di factoring deve essere redatto per iscritto a pena di nullità.

Note 11.02.2019

Il contratto di mutuo fondiario erogato in misura superiore al limite di finanziabilità è affetto da radicale nullità

di Leggi dopo

In tema di mutuo fondiario, il limite di finanziabilità ex art. 38, comma 2, d.lgs. n. 385 del 1993, è elemento essenziale del contenuto del contratto ed il suo mancato rispetto determinerà la nullità di esso; resta, peraltro, salva la possibilità della sua conversione in ordinario finanziamento ipotecario avuto riguardo alle circostanze del caso concreto e all'intento pratico perseguito dalle...

Approfondimenti 08.02.2019

Il giudizio di meritevolezza tra liceità ed equilibrio contrattuale

di Leggi dopo

Il codice civile qualifica l'esercizio della libertà contrattuale non solo termini di liceità ma anche in relazione alla meritevolezza degli interessi perseguiti con quel determinato assetto pattizio.

Pagine