Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Note 20.07.2015

Licenziamento collettivo a seguito di trasferimento di ramo d’azienda sanzionato dal giudice

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. lav. - 24 novembre 2014 - È nullo in quanto ritorsivo il licenziamento collettivo intimato solo nei confronti dei dipendenti che in precedenza avevano impugnato, con successo, un trasferimento di ramo d’azienda da parte dello stesso datore di lavoro.

Approfondimenti 09.06.2015

Il danno del precariato pubblico: una dissenting opinion

di Leggi dopo

Il dibattito sull’individuazione del danno, previsto dall’art. 36, comma 5, del d.lgs. n. 165 del 2001, derivante dalla stipulazione, da parte delle P.A., di contratti di lavoro a tempo determinato illegittimi e sulla compatibilità del sistema sanzionatorio previsto in generale dalla citata disposizione legislativa con il diritto comunitario, è particolarmente vivace dopo i recenti interventi...

Approfondimenti 03.06.2015

Il lavoro a chiamata per ragioni anagrafiche è messo fuori gioco dal diritto dell’Unione europea?

di Leggi dopo

Introdotto nell’ordinamento italiano in occasione della massiccia iniezione di flessibilità in entrata somministrata al nostro mercato del lavoro dal d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, il contratto che, ai sensi dell’art. 34, comma 1, dello stesso, prevede la messa a disposizione del lavoratore «per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente, secondo le esigenze...

Note 27.05.2015

Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno contro la volontà del lavoratore

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TRENTO -  sez. lav. - 11 aprile 2013, (ord.) / CORTE GIUST. UE - sez. III - 15 ottobre 2014 (sent.)  -  Il Tribunale di Trento riconosce il possibile del contrasto tra la normativa nazionale e la direttiva europea nella parte in cui la prima consente la trasformazione unilaterale dell’orario di lavoro anche contro la volontà del lavoratore, rinviando la questione interpretativa...

Note 14.05.2015

La codatorialità come strumento di tutela dei lavoratori operanti nell'ambito di una (unica) impresa di gruppo

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI CAGLIARI - sez. lav. - 6 giugno 2013, n. 23  -  Nell'individuazione del reale ed effettivo datore di lavoro, laddove, a fronte di un esercizio al plurale dell'attività di (un'unica) impresa, la prestazione di lavoro del singolo sia utilizzata da una pluralità di soggetti e sia funzionale agli interessi prevalenti del gruppo, ci si trova di fronte ad un'ipotesi di codatorialità, e...

Note 11.05.2015

L’art. 22 del CCNL dirigenti d’azienda sul licenziamento per ragioni di età: il Tribunale di Roma finisce per salvare...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. lav. - 14 ottobre 2014 (sent.)  -  È nullo in quanto discriminatorio il licenziamento intimato nei confronti di un dirigente in applicazione dell’art. 22 CCNL Dirigenti aziende industriali, a mente del quale la giustificazione del licenziamento non è richiesta nei confronti del dirigente che sia in possesso dei requisiti di legge per avere diritto alla pensione di...

Note 06.05.2015

Licenziamento disciplinare e fatto materiale

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. lav. - 6 novembre 2014, n. 23669  -  In tema di licenziamento e reintegrazione ex art. 18 St. lav., come modificato dalla l. n. 92 del 2012, la reintegrazione nel posto di lavoro avviene solo in caso di verifica giudiziale della insussistenza del fatto materiale, posto a fondamento del licenziamento medesimo, rispetto alla quale non può esservi alcuna valutazione attinente al...

Note 04.05.2015

Contitolarità del rapporto di lavoro nei gruppi di imprese di dimensione transnazionale

di Leggi dopo

CORTE APP. MILANO - sez. lav. - 24 marzo 2014, n. 1597/2013  -  Anche ai fini dell’applicazione dell’art. 18 St. Lav., occorre distinguere l’ipotesi del lavoratore dipendente da una società facente parte di un gruppo di imprese da quella, ricorrente nel caso in esame, del lavoratore formalmente dipendente da una società, ma la cui prestazione è resa anche in favore di altro datore di lavoro e...

Pagine