Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Approfondimenti 30.06.2016

Disciplina delle mansioni: come cambia il sindacato del Giudice

di Leggi dopo

La riscrittura dell'art. 2103 c.c. ad opera dell'art. 3 d.lgs. n. 81 del 2015 riporta alla ribalta temi irrisolti sul fondamento delle facoltà esercitate dal datore di lavoro nell'esecuzione del contratto e l'adozione di atti negoziali interni al rapporto di durata. Per l'interprete si pone la necessità di reperire soluzioni sistematicamente coerenti e ricettive d'una volontà legislativa tesa...

Approfondimenti 14.06.2016

Condotta antisindacale per omissione della procedura di consultazione e tutele applicabili nell’ambito del contratto...

di Leggi dopo

Il provvedimento che si annota (Tribunale di Roma, sez. lav, 11 febbraio 2016) affronta la assai interessante questione della individuazione, nel quadro della sfera applicativa del d.lgs. n. 23 del 2015, della tutela applicabile ai licenziamenti collettivi viziati da condotta antisindacale per omesso esperimento della procedura di informazione e consultazione.

Note 11.04.2016

Illegittimo, ad avviso della Corte di cassazione, qualsiasi automatismo nell’irrogazione del licenziamento...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. lav. - 26 gennaio 2016, n. 1351  -  La tipizzazione di ipotesi di giusta causa e giustificato motivo soggettivo di licenziamento da parte dell’art. 55-quater, d.lgs. n. 165 del 2001 non esclude che, in virtù del principio di civiltà giuridica del canone della proporzionalità della sanzione disciplinare (espresso dall’art. 2106 c.c. richiamato dall’art. 55, d.lgs. n. 165 del...

Note 31.03.2016

La nullità “virtuale” del licenziamento nel primo comma del novellato articolo 18

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. lav. - 26 novembre 2015, n. 24157  -  Nel caso in cui l’Ufficio competente per i procedimenti disciplinari di cui all’art. 55, comma 4, d.lgs. n. 165 del 2001 sia previsto come collegiale secondo l’ordinamento interno dell’Ente, il licenziamento intimato sulla base della determinazione di un solo componente è nullo, ai sensi dell’art. 1418, comma 1, c.c., per violazione di...

Note 25.03.2016

Gli incarichi di direzione di struttura sanitaria complessa. Quale giurisdizione?

di Leggi dopo

TAR BRESCIA (LOMBARDIA) - sez. II - 2 settembre 2015, n. 1617 (ord.)  -  Il d.l. 13 settembre 2012, n. 158, ha talmente aggravato la procedura per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa da escluderne il carattere di fiduciarietà. La procedura ha natura concorsuale e carattere interamente pubblicistico, atto finale di nomina compreso, pertanto la cognizione della...

Note 14.03.2016

Ambito di applicazione dei criteri di scelta dei lavoratori da collocare in mobilità in caso di licenziamento collettivo

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - sez. lav. - 6 luglio 2015  -  Nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo, l’individuazione dei lavoratori da estromettere deve essere compiuta con riguardo all’intero complesso aziendale: è illegittimo il licenziamento di lavoratori individuati per il solo fatto di essere impiegati nel reparto lavorativo soppresso o ridotto, trascurando se la loro...

Note 08.03.2016

Discriminazione indiretta dell’apprendista madre non confermata

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI CATANZARO - sez. I - 29 aprile 2015, n. 444  -  Costituisce discriminazione riservare un trattamento meno favorevole a una lavoratrice madre rispetto agli altri apprendisti quando questo è connesso causalmente con la fruizione del congedo di maternità e la conseguente proroga del termine di scadenza del periodo di formazione....

Note 02.03.2016

Il controllo dei lavoratori mediante agenzie di investigazione. Profili di illegittimità

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - 23 aprile 2015, n. 1221  -  È illegittimo il controllo datoriale esercitato mediante agenzie investigative che si riduca a mero ed esasperante pedinamento del lavoratore. Affinché un controllo “difensivo” realizzato ricorrendo ad investigatori privati possa dirsi compatibile con gli artt. 4 e 8 St. lav. nonché con le specifiche disposizioni in materia di privacy, invero, è...

Pagine