Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Approfondimenti 03.06.2015

Il lavoro a chiamata per ragioni anagrafiche è messo fuori gioco dal diritto dell’Unione europea?

di Leggi dopo

Introdotto nell’ordinamento italiano in occasione della massiccia iniezione di flessibilità in entrata somministrata al nostro mercato del lavoro dal d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, il contratto che, ai sensi dell’art. 34, comma 1, dello stesso, prevede la messa a disposizione del lavoratore «per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente, secondo le esigenze...

Approfondimenti 24.04.2015

La disciplina del licenziamento nell’ambito del contratto a tutele crescenti: il d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23 ...

di Leggi dopo

Il d.lgs. n. 23 del 2015 entrato in vigore a decorrere dal 7 marzo 2015 ha dato attuazione ai principi indicati dalla legge delega in materia di licenziamenti. Nonostante sia la legge delega sia il decreto legislativo facciano espressamente riferimento al contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, non viene introdotta una nuova tipologia contrattuale, in quanto tale riferimento serve...

Approfondimenti 12.03.2015

Il decreto-legge n. 132 del 2014 e le controversie in materia di lavoro

di Leggi dopo

Il decreto-legge n. 132 del 2014 recentemente convertito in legge contiene numerose disposizioni, solamente poche delle quali, tuttavia, riguardano il contenzioso del lavoro. Questo è sostanzialmente estraneo agli istituti del trasferimento alla sede arbitrale dei procedimenti pendenti e della negoziazione assistita, mentre è invece interessato dalle nuove norme in materia di compensazione...

Approfondimenti 03.03.2015

La riforma del contratto a tempo determinato

di , Leggi dopo

Il d.l. n. 34 del 2014 conv. in l. n. 78 del 2014, ha radicalmente innovato le fondamenta della disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. L’elemento caratterizzante la riforma è certamente l’abbandono del principio della necessaria giustificazione dell’apposizione del termine mediante ragioni oggettive, come originariamente prescritto dal primo comma dall’art. 1 del d.lgs. n. 368...

Approfondimenti 14.11.2014

Prescrizione e decadenza nella responsabilità del committente ex art. 29 d.lgs. n. 276 del 2003: conseguenze sul...

di , Leggi dopo

In considerazione delle conseguenze pratiche che ne seguono, è interessante domandarsi se sia effettivamente termine di decadenza e non, piuttosto, di prescrizione, il biennio dalla cessazione dell’appalto durante il quale vige, ai sensi dell’art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276 del 2003, il vincolo di solidarietà tra appaltante e appaltatore in relazione alle retribuzioni delle maestranze da quest...

Approfondimenti 22.09.2014

Norme di interpretazione autentica in materia previdenziale e assistenziale: Corte costituzionale e Corte EDU a...

di Leggi dopo

Il contributo esamina le norme di interpretazione autentica in materia previdenziale e assistenziale alla luce dei recenti interventi della Corte costituzionale e della Corte europea dei diritti dell'uomo.

Approfondimenti 28.08.2014

La nuova disciplina del contratto a termine nel d.l. n. 34 del 2014 conv. in l. n. 78 del 2014

di Leggi dopo

L’impegno del Governo, esplicitato nelle prime righe del d.l. n. 34 del 2014 conv. in l. n. 78 del 2014, è quello di adottare, successivamente alla data di entrata in vigore della legge, un testo unico semplificato della disciplina dei rapporti di lavoro con la previsione in via sperimentale del contratto a tempo indeterminato a protezione crescente. Sicché può affermarsi che dell’ennesima...

Approfondimenti 23.05.2014

L’inefficacia del licenziamento disciplinare per violazione del requisito di motivazione e della procedura di cui all...

di Leggi dopo

Il legislatore ha previsto che il licenziamento disciplinare inefficace per violazione del requisito di motivazione e della procedura di cui all’art. 7 St. lav. dia luogo all’operatività della cosiddetta tutela indennitaria debole. Trarre dalla sintetica regola l’effettivo significato, nonché ricavarne le varie implicazioni, si rivela tutt’altro agevole, come dimostrano le posizioni assai...

Pagine