Lavoro

Direttori di area:
Prof. Marco Marazza, Prof. Franco Scarpelli, Pres. Paolo Sordi


Comitato editoriale:
Gabriele Franza, Valerio Maio, Orsola Razzolini, Simone Varva, Micaela Vitaletti

Approfondimenti 06.06.2017

Il licenziamento disciplinare per insussistenza del fatto contestato: orientamenti giurisprudenziali recenti

di Leggi dopo

A quasi due anni dall'entrata in vigore del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23, arrivano le prime pronunce giurisprudenziali di merito che dispongono la reintegrazione nell'ipotesi di “insussistenza del fatto materiale contestato”. Bisogna ricordare che, ad oggi, continua a sussistere, in materia di licenziamenti, una duplice disciplina. Ai lavoratori, se assunti prima del 7 marzo 2015, infatti, si...

Note 18.05.2017

Indifferenza delle finalità economiche datoriali nella valutazione del licenziamento per motivo oggettivo. La...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. lav. - 7 dicembre 2016, n. 25201  -  Ai fini della legittimità del licenziamento per motivo oggettivo l'andamento economico negativo dell'azienda non costituisce un presupposto fattuale che il datore di lavoro debba necessariamente provare ed il giudice accertare, essendo sufficiente che le ragioni inerenti all'attività produttiva e all'organizzazione del lavoro, tra le quali...

Note 11.05.2017

Il potere sanzionatorio della Commissione di Garanzia alla prova dell'assenteismo da (presunta) protesta sindacale

di Leggi dopo

TRIB. ROMA – SEZ. LAVORO – 28 NOVEMBRE 2016  -  La sanzione irrogata ad un'organizzazione sindacale dalla Commissione di Garanzia è illegittima se quest'ultima non offre la prova in giudizio di un comportamento finalizzato a promuovere e coordinare le singole condotte dei lavoratori, non essendo sufficiente la prova della conflittualità in corso; in tal caso, le assenze individuali possono...

Note 03.05.2017

Tutela applicabile in caso di licenziamento disciplinare viziato per la tardiva contestazione dell'addebito disciplinare

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. lav., 31 gennaio 2017, n. 2513  -  Il sesto comma  dell'art. 18 l. n. 300 del 1970 prevede l'applicazione di una contenuta tutela di tipo economico (consistente in un'indennità compresa tra sei e dodici mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto) in caso di vizi meramente formali del licenziamento. Tuttavia in alcuni casi simili vizi possono implicare la lesione di...

Approfondimenti 21.04.2017

Il difficile raccordo tra la responsabilità civile del datore di lavoro in tema di sicurezza e l'autoresponsabilità o...

di Leggi dopo

L'articolo analizza come la persona del lavoratore sia divenuta una figura centrale nella gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e di come esso, a seguito del cambiamento tecnologico e normativo, abbia sempre più assunto le vesti di soggetto attivo, a tratti anche propositivo, nella materia in parola. Tale trapasso storico, identificabile come una vera e propria ...

Approfondimenti 13.04.2017

L'art. 4 St. lav. e la protezione dei dati personali, prima e dopo la riforma

di Leggi dopo

L'autore analizza la recente riforma della disciplina statutaria in materia di controlli a distanza del lavoratore, con specifico riferimento ai profili connessi alla protezione dei dati personali ed alla relativa tutela contenuta nel Codice della privacy....

Approfondimenti 03.04.2017

I rapporti tra l'art. 4 st. lav. e il codice in materia di protezione dei dati personali, prima e dopo la riforma

di Leggi dopo

La legge n. 675 del 1996 (che ha preceduto il Codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al d.lgs. n. 196 del 2003) è una normativa – come noto – di derivazione comunitaria, introdotta nell'ordinamento italiano a seguito del recepimento della direttiva 95/46/CE....

Note 17.03.2017

Assegno di natalità: legittimo subordinarlo al possesso del permesso di lungo soggiorno?

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MONZA – sez. II – 5 dicembre 2016, n. 396  -  L'assegno di natalità, previsto dalla legge n. 190 del 2014, può essere legittimamente concesso solo in presenza di taluni requisiti, tra cui figura il permesso di lungo soggiorno per cittadini extracomunitari: la ratio sottesa alla normativa in questione consiste nell'individuare un criterio di selezione nella concessione del beneficio...

Pagine