Famiglia e successioni

Direttori di area:
Prof. Luigi Balestra, Cons. Paolo Corder, Prof. Stefano Delle Monache


Comitato editoriale:
Chiara Abatangelo, Enrico Al Mureden

Approfondimenti 17.10.2016

Problemi e questioni in tema di accettazione dell’eredità

di Leggi dopo

Il nostro ordinamento riconosce il principio in base al quale nessuno è erede contro la propria volontà. L’eredità in Italia, dunque, si acquista con l’accettazione (art. 459 c.c.), a differenza di quanto avviene in Germania ed in Francia dove il patrimonio del de cuius passa automaticamente all’erede, senza che quest’ultimo debba necessariamente accettare l’eredità.

Editoriali 12.10.2016

La regola della doppia maternità non sarebbe in contrasto con i principi costituzionali italiani

di Leggi dopo

L’atto di nascita, già formato validamente all’estero, che costituisce titolo dello status filiale di un minore nei confronti di una coppia di donne può essere trascritto anche in Italia, in quanto non contrasta con l’ordine pubblico internazionale, inteso quali sistema di principi vincolanti di rilevanza costituzionale.

Editoriali 03.10.2016

Verso una riforma dell'adozione?

di Leggi dopo

La prossima riforma del nostro diritto di famiglia dovrebbe riguardare l'affidamento del minore e l'adozione. In vista di una simile – anche a livello politico programmata – evenienza, il dibattito sul tema si è inevitabilmente vivacizzato e la Commissione Giustizia della Camera dei deputati, onde enucleare i nodi problematici da prendere in considerazione, ha ritenuto opportuno svolgere...

Approfondimenti 30.09.2016

L’adozione del figlio del convivente tra il preminente interesse del minore e il divieto di discriminazione

di Leggi dopo

La Suprema Corte è intervenuta di recente sulla delicata questione relativa all'adottabilità da parte di un convivente del figlio dell'altro, esprimendosi in senso positivo sull'eventualità che ciò avvenga attraverso il ricorso all'istituto dell'adozione in casi particolari.

Articoli 23.09.2016

Unione civile e misure di protezione delle persone non autonome

di Leggi dopo

La legge 20 maggio 2016, n. 176 – che ha introdotto l’unione civile tra persone dello stesso sesso e regolamentato le convivenze di fatto – dedica due commi alla disciplina dei rapporti tra i nuovi istituti e l’amministrazione di sostegno, nell’apparente intento di equiparare sotto tale specifico profilo la posizione della parte unita civilmente e del convivente a quella del coniuge.

Approfondimenti 04.08.2016

Il nuovo stato giuridico della filiazione nel prisma delle famiglie in trasformazione

di Leggi dopo

Innanzi all’esplosione irrefrenabile della complessità ad ogni livello, che ha prodotto l’emersione di una pluralità di formazioni sociali, un tempo atipiche, oggi configurabili come istituzioni familiari, in cui l’enunciato normativo sembra discostarsi pericolosamente dalla realtà, il Parlamento, allineandosi agli altri ordinamenti europei, ha licenziato un provvedimento legislativo, prima...

Approfondimenti 04.07.2016

Rettificazione anagrafica del sesso: secondo la Cassazione l'operazione non s'ha da fare

di Leggi dopo

In una pronuncia – Cass. civ. 20 luglio 2015, n. 15138 – si affronta un tema inedito per la giurisprudenza di legittimità relativo ai presupposti, di fatto, necessari per accogliere la richiesta di rettificazione dell'attribuzione di sesso e nome di una persona affetta dal disturbo dell'identità di genere.

Approfondimenti 27.06.2016

Unioni civili tra diritto e pregiudizio. Prima lettura del nuovo testo di legge

di Leggi dopo

All'indomani dell'approvazione definitiva della legge sulle Unioni Civili l'impressione è che, scelta la qualificazione giuridica dell'istituto e lasciato al giudice il problema dell'adozione del partner, il legislatore abbia prestato ben poca attenzione alla regolamentazione del rapporto tra persone dello stesso sesso. Ne risulta una disciplina ricavabile per sottrazione da quella dettata per...

Pagine