Famiglia e successioni

Direttori di area:
Prof. Luigi Balestra, Cons. Paolo Corder, Prof. Stefano Delle Monache


Comitato editoriale:
Chiara Abatangelo, Enrico Al Mureden

Approfondimenti 03.10.2017

Esigenza di tutelare l’interesse del minore impone il riconoscimento di sentenze di adozione “straniere” anche per...

di Leggi dopo

Con la pronuncia del 7 marzo 2017 il Tribunale per i minorenni di Firenze, per la prima volta in Italia, ha riconosciuto dei provvedimenti di adozione di due minori, pronunciati da una Family Court del Regno Unito, in favore di una coppia di cittadini italiani non coniugati e dello stesso sesso, lì residenti da alcuni anni....

Approfondimenti 21.09.2017

Resoluto iure dantis, resolvitur et ius accipientis e assegnazione della casa coniugale per separazione e divorzio a...

di Leggi dopo

Lo studio, sulla base del chiaro dato codicistico (art. 1809, comma 1, c.c.) e della univoca giurisprudenza della Cassazione espressasi anche a sezioni unite (Cass. civ., n. 13603 del 2004; Id., n. 20448 del 2014), ribadisce che, in caso di crisi coniugale, l’immobile concesso in comodato a termine (espresso e comprovato con rogito notarile) dai genitori al proprio figlio e poi successivamente...

Approfondimenti 05.09.2017

Diritto all'identità genetica del nascituro e diritto alla genitorialità in tema di surrogazione di maternità. Quale...

di Leggi dopo

L’Autore esamina la giurisprudenza delineatasi in riferimento alla trascrivibilità di un atto di nascita redatto all’estero e derivante dal ricorso alla pratica di surrogazione di maternità, sia da parte di coppie eterosessuali che omosessuali. Il punto di equilibrio tra il diritto alla genitorialità da un lato e la tutela all’identità biologica del nascituro dall’altro potrà essere determinato...

Approfondimenti 25.07.2017

Il “nuovo” assegno di divorzio e la misura della solidarietà postaffettiva

di Leggi dopo

La tradizionale impostazione ermeneutica in tema di assegno divorzile – tendente a ricollegare il presupposto genetico della prestazione al depauperamento subìto dal beneficiario rispetto al tenore di vita matrimoniale – è oggetto di una profonda rimeditazione concettuale ad opera della più recente giurisprudenza di legittimità. In particolare, la carica di innovatività radicale rispetto all...

Approfondimenti 19.07.2017

Il diritto ad uno status filiationis quale diritto fondamentale dell'uomo

di Leggi dopo

La classificazione dei vari rapporti di filiazione nel diritto romano riposava sulle seguenti categorie: a) iusti o legitimi erano i nati da iustae nuptiae, cioè da matrimonio legittimo fra persone reciprocamente dotate di connubium; b) naturales erano i nati da genitori uniti in concubinato o perché tra di essi era vietato il matrimonio o perché non volevano dare alla loro unione carattere...

Approfondimenti 01.06.2017

La clausola arbitrale testamentaria

di Leggi dopo

Il trasferimento di beni mortis causa è un fenomeno complesso che involge molteplici interessi, talvolta contrapposti. Il rapporto successorio, che si istaura tra il de cuius e l'erede risponde, innanzitutto, ad un interesse sociale a che sia garantita la continuità della personalità giuridica del defunto. Strettamente connesso a tale esigenza, è il principio della certezza del diritto che non...

Approfondimenti 20.04.2017

Circolazione dei beni di provenienza donativa: sull'inammissibilità della rinuncia preventiva all'azione di restituzione

di Leggi dopo

Dopo una breve esposizione del problema della circolazione dei beni di provenienza donativa, nel presente articolo si vuole trattare della possibilità, o meno, di rinunciare pattiziamente all'azione di restituzione contro i terzi aventi causa dal donatario durante la vita del donante, anche alla luce del decreto del Tribunale di Torino, 26 settembre 2014, n. 2298. In particolare, si vuole...

Approfondimenti 09.02.2017

Atti di disposizione di quote di beni parte di una più ampia comunione: l'efficacia del consenso dei comproprietari

di Leggi dopo

La Suprema Corte di Cassazione, con l'autorevolezza delle Sezioni Unite [1], aderendo alla tesi dottrinale e giurisprudenziale più rigorosa, stabilisce il principio per il quale i beni ricadenti in una più ampia massa comune sono beni insuscettibili di essere oggetto di atti di disposizione pro quota, trattandosi, secondo l'espressione utilizzata dal Supremo Collegio, di beni “eventualmente...

Pagine