Diritti reali e condominio

Direttori di area:
Prof. Fabio Addis, Cons. Mauro Criscuolo, Prof. Francesco Macario


Comitato editoriale:
Guglielmo Bevivino, Andrea Bucelli, Nicola Rumine

Note 11.05.2016

Lo scioglimento del condominio: uno strumento per ottimizzare la gestione dei condomini

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI RIMINI - 23 settembre 2015, n. 1133  -  La sentenza in commento si segnala per il netto distacco dall’orientamento dominante, che attribuisce all’istituto dello scioglimento del condominio l’effetto di incidere sui diritti di proprietà dei condomini sulle parti comuni dell’edificio. Il Tribunale di Rimini, infatti, sostiene con argomenti persuasivi che l’operatività dello...

Note 05.05.2016

La presunzione di possesso anteriore e l’usucapione ventennale: note critiche a margine di un imperituro orientamento...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - 30 settembre 2015, n. 19501  -  Il mero dato di fatto per cui un bene, alla morte dell’originario titolare, sia entrato a far parte del patrimonio del dante causa dell’aspirante usucapente ventennale non legittima quest’ultimo a giovarsi della regola di cui all’art. 1142 c.c. – la quale presuppone l’accertamento positivo (e non altrimenti presunto) sia del possesso iniziale sia di...

Note 10.03.2016

La controversia sulla legittimità dell’uso a parcheggio di un’area condominiale e il riparto di competenza tra...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 10 agosto 2015, n. 16650  -  La controversia sulla legittimità dell’uso a parcheggio di un’area condominiale appartiene alla competenza del tribunale e non a quella del giudice di pace, risultando oggetto di contestazione il diritto ad un certo uso del bene comune e non soltanto le relative modalità di esercizio.

Note 26.02.2016

In tema di prova del danno da occupazione sine titulo di immobile

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 27 luglio 2015, n. 15757  -  In tema di occupazione abusiva di immobile, il danno patrimoniale subìto dal titolare del bene – della cui prova egli è sempre onerato – dipende dall'atteggiarsi del suo godimento su di esso nel momento in cui si verifica l'occupazione, giacché solo se esista un godimento diretto o indiretto si concretizza un danno emergente da rapportare...

Note 09.02.2016

Quorum e conflitto di interessi nelle assemblee condominiali

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 28 settembre 2015, n. 19131 - Nelle assemblee condominiali, le maggioranze necessarie per il quorum costitutivo e deliberativo sono stabilite in misura inderogabile: per il loro calcolo non rileva la situazione di conflitto di interessi tra condomino e condominio. Al condomino in questa situazione viene riconosciuta la facoltà di astenersi o di esercitare il diritto di...

Note 19.01.2016

Il comodato di “casa familiare”, nuove precisazioni nel solco delle Sezioni Unite

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 21 novembre 2014, n. 24838  -  Il principio per cui il comodatario ha diritto alla prosecuzione del rapporto per tutto il tempo per cui si protraggono le esigenze familiari (Cass. civ., sez. un., 21 luglio 2004, n. 13603 e Cass. civ., sez. un., 29 settembre 2014, n. 20448), si riferisce ai casi in cui sia certo e inequivocabile che il rapporto abbia avuto origine in vista...

Note 08.01.2016

Limiti della competenza per materia del Giudice di pace in ordine alle controversie su misura e modalità d’uso dei...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 10 agosto 2015, n. 16650  -  Rientrano nella competenza del Tribunale le controversie sull’esistenza del diritto d’uso del condomino a fruire della cosa o del servizio comune essendo la competenza del Giudice di pace ex art. 7, comma 3, n. 2, c.p.c. limitata alle cause nelle quali siano in discussione solo i limiti quantitativi e qualitativi dell'esercizio delle facoltà...

Note 01.12.2015

La Cassazione torna ad affermare la derogabilità del divieto di cedere il diritto di uso

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 27 aprile 2015, n. 8507  -  In tema di diritto d'uso, il divieto di cui all'art. 1024 c.c., secondo cui «I diritti di uso e di abitazione non si possono cedere o dare in locazione», non ha carattere di inderogabilità; ne consegue che il negozio con cui le parti (nudo proprietario ed usuario) convengono di derogare al divieto, costituendo il diritto d'uso in favore dell...

Pagine