Diritti reali e condominio

Direttori di area:
Prof. Fabio Addis, Cons. Mauro Criscuolo, Prof. Francesco Macario


Comitato editoriale:
Guglielmo Bevivino, Andrea Bucelli, Nicola Rumine

Note 29.12.2016

Infiltrazioni e lastrico solare: spunti a margine di una recente pronuncia delle Sezioni Unite

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. un. - 10 maggio 2016, n. 9449 - In tema di condominio negli edifici, quando l'uso del lastrico solare non è comune a tutti i condomini, dei danni che derivano da infiltrazioni nell'appartamento sottostante rispondono sia il proprietario o l'usuario esclusivo del lastrico solare (o della terrazza svolgente funzione di copertura), in quanto custode del bene ai sensi dell'art....

Note 21.12.2016

Estensione del regime della comunione legale tra coniugi all'acquisto per usucapione perfezionatosi in costanza di...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 11agosto 2016, n. 17033 - Gli acquisti per usucapione di beni immobili effettuati da uno solo dei coniugi durante il matrimonio, in vigenza del regime patrimoniale della comunione legale, entrano a far parte della comunione stessa, non distinguendo l'art. 177, comma 1, lettera a), c.c. tra acquisti a titolo originario e acquisti a titolo derivativo. Ne consegue che il...

Note 15.11.2016

Una precisazione della Cassazione sulla successione nel tempo di norme edilizie

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez.II - 25 luglio 2016, n. 15298 - In caso di successione nel tempo di norme edilizie, la nuova disciplina, se meno restrittiva, è applicabile anche alle costruzioni realizzate prima della sua entrata in vigore, con l'unico limite dell'eventuale giudicato formatosi nella controversia sulla legittimità della costruzione stessa, se invece, la nuova disciplina è più restrittiva, essa...

Note 11.11.2016

Azione revocatoria ex art. 2901 c.c. dell'atto di cessione delle quote sociali tra conviventi more uxorio

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez.III - n. 11361 del 6 giugno 2016 - Non sono inefficaci, ex art. 2901 c.c., gli atti di disposizione del patrimonio del debitore che pregiudichino l'interesse del creditore alla conservazione della garanzia patrimoniale, laddove il credito sia sorto in costanza di un rapporto di convivenza tra le parti. Quanto corrisposto in favore del convivente more uxorio, infatti,...

Note 03.11.2016

Presupposti oggettivi e soggettivi degli atti emulativi e comparazione degli interessi delle parti

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 22 gennaio 2016, n. 1209 - La Cassazione interviene nella controversia tra un condominio ed una condomina, la quale chiedeva il ripristino dell'impianto centralizzato di riscaldamento che era stato disattivato e sostituito con un impianto autonomo in seguito ad una delibera assembleare dichiarata nulla con sentenza passata in giudicato. La Corte statuisce che la pretesa...

Note 31.10.2016

Uso del sottosuolo: funzionalità della proprietà comune

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 11 gennaio 2016, n. 234 - La sentenza in commento ribadisce il cambio di rotta avviato con la sentenza n.11915 del 2014 dalla Corte di Cassazione in materia di uso del sottosuolo da parte del singolo condomino. Contrariamente all'orientamento rimasto a lungo incontrastato, si afferma che non esiste un divieto assoluto di utilizzo del sottosuolo da parte del singolo...

Note 29.09.2016

Parti comuni ed esclusive nel condominio: l'opponibilità ai condomini della riserva in proprietà esclusiva di beni...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - ord. 22  giugno 2016, n. 12980 - Quando la genesi di un condominio avviene mediante smembramento di una precedente proprietà individuale, la volontà di attribuire in via esclusiva la proprietà di un bene che, per sua struttura ed ubicazione, dovrebbe considerarsi comune ai condomini, deve emergere in maniera chiara e trasparente dall'atto bilaterale di trasferimento.

Note 21.09.2016

L’usucapibilità del bene “in origine” condominiale

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 17 marzo 2016, n. 5324 - Al fine di presumere la natura condominiale del bene è sufficiente che esso abbia l’attitudine funzionale al godimento collettivo, non rientrando la fattispecie nell’ambito di applicazione del regime della prova proprio dell’azione di rivendicazione. Il condomino che abbia il possesso esclusivo del bene comune può diventarne proprietario per...

Pagine