Diritti reali e condominio

Direttori di area:
Prof. Fabio Addis, Cons. Mauro Criscuolo, Prof. Vincenzo Cuffaro, Prof. Francesco Macario


Comitato editoriale:
Guglielmo Bevivino, Andrea Bucelli, Nicola Rumine

Note 15.05.2019

Le Sezioni Unite tornano sulla traslazione degli oneri fiscali nel contratto di locazione

di Leggi dopo

La clausola del contratto di locazione che attribuisca al conduttore l'obbligo di farsi carico di ogni tassa, imposta ed onere relativi ai beni locati ed al contratto, tenendone conseguentemente manlevato il locatore, non è affetta da nullità per violazione di norme imperative, né, in particolare, per violazione del precetto costituzionale dettato dall'art. 53 della Carta Costituzionale,...

Note 02.04.2019

L'illegittima occupazione delle parti comuni non necessariamente dà luogo a risarcimento del danno

di Leggi dopo

L'illegittima occupazione di parti comuni da parte di un singolo condomino non comporta necessariamente il risarcimento del danno in favore degli altri contitolari, ove risulti che tale condotta non ha di fatto impedito l'uso del bene.

Note 24.12.2018

Assemblee condominiali e delega in bianco: prassi corrente e criticità

di Leggi dopo

Nel caso di riempimento “absque pactis”, o “contra pacta” della delega per la partecipazione dell'assemblea condominiale rilasciata senza indicazione del nome del delegato e utilizzata in difformità da quanto pattuito tra delegante e delegato, fa carico al delegante che voglia contestare per tale causa la illegittima costituzione dell'assemblea e l'illegittimità delle deliberazioni, dare prova...

Note 08.11.2018

Delega rilasciata in bianco per la partecipazione all’assemblea condominiale: l’onere della prova spetta al condomino...

di Leggi dopo

Il condomino che affermi di avere firmato una delega in bianco per la partecipazione all’assemblea condominiale e successivamente contesti il voto espresso in assemblea, ha l’onere di provare il contenuto dell’accordo che il rappresentante, esercitando il voto, non avrebbe rispettato, non essendo sufficiente il mero disconoscimento del contenuto della delega.

Note 13.09.2018

Delimitazione della responsabilità del condominio per i danni cagionati da cose in custodia

di Leggi dopo

Il condominio non risponde a titolo di responsabilità da cose in custodia qualora il bene di proprietà condominiale abbia costituito la mera occasione della produzione del danno, la cui integrazione deve essere ricondotta ad una causa prossima non imputabile né oggettivamente né soggettivamente al condominio, di natura eccezionale, imprevedibile ed inevitabile, come tale rientrante nell...

Note 30.03.2018

La servitù di parcheggio: tra utilitas e commoditas

di Leggi dopo

La Cassazione interviene nella controversia tra proprietari di due distinti immobili confinanti avente ad oggetto il riconoscimento in capo ad uno di essi della avvenuta costituzione di servitù avente ad oggetto il parcheggio. La Corte ribaltando un orientamento ormai consolidato ha chiarito esplicitamente che all'interno dell'ordinamento giuridico italiano non vi sono ostacoli al...

Note 19.03.2018

La riconduzione degli obblighi di accesso e passaggio previsti dall'art. 843 c.c. nell'alveo delle obbligazioni reali

di Leggi dopo

Gli accessi e il passaggio che il proprietario deve consentire al vicino per l'esecuzione delle opere necessarie alla riparazione o manutenzione della cosa propria costituiscono il contenuto di un'obbligazione propter rem e non sono idonei a determinare la costituzione di servitù per usucapione, ove non siano realizzate opere visibili e permanenti.

Note 13.03.2018

Le immissioni tra diritto di proprietà e tutela della salute

di Leggi dopo

Le immissioni illecite producono un danno alla salute risarcibile indipendentemente dalla prova del danno biologico, quando sia riferibile alla lesione del diritto al normale svolgimento della vita personale e familiare all'interno di un'abitazione e comunque del diritto alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita.

Pagine