Danno e responsabilità

Direttori di area:
Prof. Fulvio Gigliotti, Prof.ssa Emanuela Navarretta, Prof. Claudio Scognamiglio, Cons. Giacomo Travaglino


Comitato editoriale:
Elena Bargelli , Lucia Bozzi, Valentina Calderai, Chiara Favilli, Umberto Izzo

Note 03.02.2014

Conoscenza del raggiro ed esclusione del dolo eventuale

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. II – 20 dicembre 2013, n. 28581  -  La Cassazione torna sul tema della compatibilità tra conclusione di un contratto valido ma sconveniente e responsabilità precontrattuale da dolo incidente e sui limiti all'obbligo di informazione. Pur non approfittando del caso per pronunciarsi sulla legittimità di produrre un preliminare simulato durante le trattative, la Corte puntualizza...

Note 03.02.2014

Il «danno da mancata candidatura» e la responsabilità civile del partito politico

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 16 ottobre 2013, n. 23429, rel. Lanzillo  -  La Corte di Cassazione avalla l’orientamento favorevole alla sindacabilità in sede giurisdizionale del comportamento dell’organo di un partito politico che prometta l’inserimento nelle liste elettorali a un associato senza rispettare l’impegno assunto. In particolare, i giudici hanno riconosciuto l’astratta configurabilità di...

Note 10.01.2014

La responsabilità professionale medica e i nuovi scenari prospettati dal “decreto Balduzzi”

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI LATINA - sez. II - 26 ottobre 2013, sent.  -  In ipotesi di danni cagionati da un intervento medico non corretto, la responsabilità che sorge in capo all’operatore sanitario deve essere ricondotta entro lo schema della responsabilità c.d. da contatto, equiparata, quoad effectum, alla responsabilità contrattuale. La responsabilità in questione concorre, in deroga all’art. 1228 c.c.,...

Note 07.01.2014

Discriminazione, disabilità e danno

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI CATANZARO – sez. I – 15 gennaio 2013  -  L’azione a tutela delle persone con disabilità ha principalmente lo scopo di porre rimedio ad un’obiettiva situazione discriminatoria in cui l’intervento del giudice sia necessario a rimuovere non soltanto gli effetti pregiudizievoli di una condotta ma la condotta stessa, laddove il ravvedimento dell’agente o altri fenomeni non siano...

Pagine