Danno e responsabilità

Direttori di area:
Prof. Fulvio Gigliotti, Prof.ssa Emanuela Navarretta, Prof. Claudio Scognamiglio, Cons. Giacomo Travaglino


Comitato editoriale:
Elena Bargelli , Lucia Bozzi, Valentina Calderai, Chiara Favilli, Umberto Izzo

Editoriali 26.08.2014

La responsabilità della P.A. da lesione dell’affidamento: il bisogno di giustizia e di certezza del diritto

di Leggi dopo

La responsabilità della P.A., da sempre contesa fra giurisdizione ordinaria e giurisdizione amministrativa e lacerata da differenti ricostruzioni dell’illecito, è alla costante ricerca di risposte eque ed equilibrate nonché di una qualche certezza del diritto, specie in quell’area della responsabilità da lesione dell’affidamento che non trova tregua né processuale né sostanziale. Non stupisce...

Approfondimenti 23.06.2014

Responsabilità medica ed evoluzione giurisprudenziale: resiste la teoria del contatto sociale anche dopo il decreto...

di Leggi dopo

Nell’ambito della responsabilità medica, a partire dal 1999 con l’affermazione della teoria del contatto sociale, si è assistito da parte della giurisprudenza di legittimità all’abbandono di quella che era definita l’alleanza terapeutica tra medico e paziente caratterizzata dall’applicazione del regime proprio della responsabilità aquiliana per approdare al regime di cui all’art. 1218 c.c. Il...

Approfondimenti 08.04.2014

La singolare inversione del regime di responsabilità medica: dal “contatto” al “contratto”

di Leggi dopo

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 4030 del 29 febbraio 2013 ha avuto occasione di formulare, a pochi mesi dalla sua entrata in vigore, alcune notazioni sulla portata dell’art.3, comma 1, d.l. 13 settembre 2012, n. 158, convertito con modificazioni nella l. 8 novembre 2012, n. 189 (c.d. decreto “Balduzzi”).

Editoriali 20.03.2014

Il problema del danno da morte: il danno non patrimoniale torna alle Sezioni Unite

di Leggi dopo

Si approssima un nuovo intervento delle Sezioni Unite in materia di danno non patrimoniale, questa volta calibrato sul problema del cosiddetto danno da morte, ma tale da consentire una rinnovata riflessione sulla categoria del danno non patrimoniale nel suo complesso e, più a monte ancora, sulla funzione stessa del rimedio risarcitorio quando vengano in considerazione perdite non immediatamente...

Articoli 17.03.2014

Rifiuto etico-religioso di cure e danno risarcibile: c’è un precedente da approfondire

di Leggi dopo

Il rifiuto etico-religioso di cure da parte del danneggiato costituisce una circostanza idonea ad interrompere il nesso causale tra l’evento (sinistro automobilistico) e le conseguenze più gravi (morte della vittima) che ne sono derivate? Il problema è stato finora affrontato, con apprezzabile dispendio di energie, soprattutto nella letteratura e nella giurisprudenza nordamericane. La prima...

Approfondimenti 04.03.2014

La colpa medica ai sensi dell’art. 3 del d.l. 13 settembre 2012, n. 158 conv. in l. 8 novembre 2012, n. 189

di Leggi dopo

Il principio generale da lungo tempo applicato in giurisprudenza e in medicina per individuare la colpa nell’errore di un atto medico e chirurgico e per graduarne l’entità, consiste nel prendere a parametro la condotta “media” dei medici specialisti che avrebbe dovuto essere adottata nelle stesse circostanze di tempo, di luogo e di caso clinico (homo eiusdem condicionis et professionis). Per...

Approfondimenti 04.03.2014

L'altra faccia dell'ISP liability. La responsabilità contrattuale del cloud provider fra legge, usi e condizioni...

di Leggi dopo

La maggior parte della dottrina e della giurisprudenza chiamate a confrontarsi con i profili giuridici del cloud computing sono rimaste in ambito di responsabilità aquiliana, considerato anche un intervento legislativo occorso solo in campo extracontrattuale. Il lavoro considera il delicato rapporto intercorrente fra le regole – codicistiche e consumeristiche – in materia di inadempimento e...

Articoli 03.03.2014

Inadempimento contrattuale del notaio e danno risarcibile

di Leggi dopo

Il contributo esamina l’ipotesi dell’inadempimento contrattuale del notaio derivante dall’omesso o negligente compimento delle visure ipotecarie, con particolare riguardo alla elaborazione giurisprudenziale sul nesso di causalità e il danno risarcibile dal professionista.

Pagine