Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Approfondimenti 05.05.2015

Concordato con continuità: profili definitori ed ambito di applicazione

di Leggi dopo

Prima dell’entrata in vigore della l. n. 134 del 2012, che ha convertito il c.d. decreto sviluppo (d.l. n. 83 del 2012), avrebbe potuto considerarsi quale concordato con continuità aziendale (ovvero con continuità dell’attività d’impresa) quello in cui, di fatto, proseguisse l’attività d’impresa. Tale figura, invero, non era oggetto di un’autonoma disciplina differenziatrice rispetto alle altre...

Note 22.04.2015

Interpretazione del decreto di esecutività dello stato passivo e limiti della cognizione del giudice delegato in sede...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 20 gennaio 2015, n. 892  –  Nel riparto dell'attivo fallimentare, il decreto di esecutività dello stato passivo svolge la stessa funzione del titolo esecutivo giudiziale nell'esecuzione individuale. Sicché anche l'interpretazione del decreto di esecutività dello stato passivo, come quella del titolo esecutivo giudiziale, si risolve nell'apprezzamento di un fatto, come tale...

Approfondimenti 13.04.2015

Crisi dei gruppi transfrontalieri e regolamento comunitario sulle procedure di insolvenza. Prassi, giurisprudenza e...

di Leggi dopo

Lo scritto affronta il fenomeno sempre più diffuso, a livello comunitario, della crisi e dell’insolvenza dei gruppi di società transfrontalieri, per essi intendendosi forme e strutture imprenditoriali condotte e sviluppate attraverso più società, dotate quindi di autonomia giuridica, con sedi (formali ed/od effettive) in due o più Stati.  

Note 01.04.2015

Spunti in tema di decisorietà e (conseguente) ricorribilità per cassazione del decreto di revoca del provvedimento di...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 8 maggio 2014, n. 9998 (sent.) - Ai fini della proponibilità del ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’art. 111 Cost., anche nel caso di provvedimento di revoca dell’ammissione al concordato preventivo, come in quello della dichiarazione di inammissibilità, il carattere decisorio deve essere riconosciuto esclusivamente quando la revoca “dipende da ragioni che...

Articoli 26.03.2015

Effetti degli accordi di ristrutturazione dei debiti nei confronti dei terzi

di Leggi dopo

Un’affermazione ricorrente in giurisprudenza vuole che gli accordi di ristrutturazione dei debiti siano inidonei a produrre effetti nei confronti dei creditori estranei. L’idea di tale supposta insuscettibilità di incidere nella sfera giuridica dei terzi appare tanto diffusa quanto fondata su un rilievo intuitivo e piano: avendo gli accordi di ristrutturazione natura di contratto, essi sono...

Note 23.03.2015

Il sindacato del tribunale sulla fattibilità economica del piano e sulla causa in concreto del concordato preventivo

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 22 maggio 2014, n. 11423 - CASS. CIV. - sez. I - 23 maggio 2014 n. 11497  -  Il sindacato del giudice sulla fattibilità giuridica non ha particolari limiti; la fattibilità economica, invece, è intrisa di valutazioni prognostiche fisiologicamente opinabili e comportanti un margine di errore, nel che è insito anche un margine di rischio, del quale è ragionevole siano arbitri...

Approfondimenti 11.03.2015

Uno sguardo d’insieme sulle procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento

di Leggi dopo

L’unico contributo che Cesare Vivante dedicò al fallimento del suo glorioso trattato non riguardò la disciplina dell’insolvenza commerciale ma il sovraindebitamento di quella figura sfuggente ed inclusiva del mondo del diritto privato che possiamo chiamare “consumatore”. Il problema è ricostruito nell’ambito del sistema della responsabilità patrimoniale. Conta il rapporto in cui stanno...

Note 10.03.2015

Contratto di sale and lease back: profili di interferenza con il contratto di leasing e modalità di insinuazione al...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. fall. - 20 settembre 2014  -  L’Autore affronta in modo approfondito i profili di diritto processuale e sostanziale relativi al credito nascente per il concedente da un contratto di leasing immobiliare, delimitando l’ambito di applicabilità legittima dell’operazione di sale and lease back e le modalità di insinuazione al passivo ai sensi dell’art. 72-quater l. fall. 

Pagine