Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Approfondimenti 29.06.2015

La dilazione di pagamento per i creditori privilegiati nel concordato in continuità

di Leggi dopo

Mentre l’art. 160, comma 2, l. fall. consente che il creditore privilegiato possa essere pagato solo in parte («purché il piano ne preveda la soddisfazione in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione»), la legge fallimentare nulla dice se tale pagamento debba avvenire nell’immediatezza dell’omologazione ovvero...

Editoriali 26.06.2015

Un decreto legge in riforma del “diritto fallimentare”

di Leggi dopo

Il governo nel consiglio dei ministri dello scorso 23 giugno, ha emanato un decreto legge: avvertendo una straordinaria necessità e urgenza di favorire il finanziamento delle imprese in crisi, di promuovere la contendibilità delle imprese in concordato preventivo, di facilitare la conclusione di accordi di ristrutturazione del debito, prestando attenzione anche a meglio garantire indipendenza e...

Articoli 12.06.2015

Le recenti novità in tema di soluzioni negoziali della crisi d’impresa: un primo bilancio e possibili prospettive de...

di Leggi dopo

Il recente processo di riforma della disciplina concorsuale italiana è stato oggetto di un giudizio sostanzialmente positivo. In effetti, vi è un’opinione pressoché unanime nel riconoscere che tale percorso – pur essendosi tradotto in plurimi interventi di novellazione della legge fallimentare – si è tuttavia sviluppato in un quadro complessivamente coerente, consentendo di rispondere in modo...

Editoriali 05.06.2015

Il principio di prevenzione alla prova delle sezioni unite

di Leggi dopo

L’analisi dei rapporti di natura processuale e sostanziale tra la domanda di fallimento e la domanda di accesso alla procedura pattizia di soluzione della crisi d’impresa rappresenta invero il terreno di maggiore frizione tra le contrapposte esigenza di difesa delle sfere giuridiche rispettivamente riconducibili ai creditori e al debitore imprenditore. Non sorprende pertanto che, nel breve...

Note 25.05.2015

Inammissibilità del ricorso per la dichiarazione di fallimento depositato per via telematica

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI ROMA - sez. fall. - 25 settembre 2014, n. 1848   Il decreto del Tribunale fallimentare di Roma in commento è di indubbia importanza per l’operatore pratico e di indiscussa rilevanza sistematica, per i presupposti teorici richiamati e per le ricadute in punto di riordino e di chiarezza delle idee. 

Note 19.05.2015

Il principio dispositivo ed il fascicolo fallimentare nel giudizio di opposizione allo stato passivo

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 14 luglio 2014, n. 16101  -  Pur in presenza del principio dispositivo nell'ambito del giudizio di opposizione allo stato passivo, l'opponente può, con il gravame, limitarsi ad una specifica indicazione dei documenti già presenti nel fascicolo fallimentare, in quanto già depositati dinanzi al giudice delegato ai sensi dell'art. 93 l. fall., chiedendo al tribunale l...

Approfondimenti 11.05.2015

Concordato preventivo della società di persone e responsabilità dei soci illimitatamente responsabili

di Leggi dopo

Le vicende dei patrimoni dei soci configurano uno tra i temi più delicati della disciplina del concordato preventivo di società di persone. Il quesito più problematico ruota intorno alla destinazione di tali patrimoni: segnatamente, se i beni dei soci illimitatamente responsabili siano attratti nel concorso provocato dal concordato della società. Sebbene ancora controverso e irrisolto, il tema...

Approfondimenti 07.05.2015

Le soluzioni compositive delle crisi, concordati e accordi, nell’esperienza italiana

di Leggi dopo

L’ordinamento italiano in materia di soluzione delle crisi patrimoniali – in particolare delle imprese – è sempre stato ricco di strumenti compositivi, cioè di meccanismi di sistemazione dei rapporti debitore-creditori su base, stricto sensu o lato sensu, pattizia, secondo una linea che affonda le sue radici in epoche remote. Infatti, già nelle discipline contenute negli statuti delle...

Pagine