Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Approfondimenti 04.08.2015

L’indipendenza del professionista attestatore e la disciplina della sua responsabilità civile e penale

di , Leggi dopo

Il presente contributo intende offrire una visione complessiva della figura del professionista attestatore in un contesto di progressiva “privatizzazione” delle procedure di soluzione della crisi d’impresa. Si evidenzieranno il percorso evolutivo delle norme in materia di funzioni e compiti dell’attestatore, e saranno inoltre analizzati i criteri per l’attribuzione dell’incarico al...

Articoli 31.07.2015

L'assoggettabilità delle società a capitale pubblico alla normativa concorsuale

di Leggi dopo

L'assoggettabilità della società a capitale pubblico alle procedure concorsuali costituisce questione rilevante ed attuale, tuttora irrisolta – quanto meno con riferimento all'intero panorama delle società a partecipazione pubblica – nonostante l'intervento di una pronuncia della Corte di Cassazione che aveva apparentemente posto fine al dibattito sorto in giurisprudenza.

Approfondimenti 24.07.2015

Vendita in esecuzione e fallimento

di Leggi dopo

La dichiarazione di fallimento non incide sul contratto inteso come atto e nemmeno sul contratto inteso come rapporto. Incide invece sui diritti che ne scaturiscono: che sono esercitati, dal lato attivo, secondo le regole degli artt. 42 ss. l. fall., e dal lato passivo, secondo le regole degli artt. 51 ss. l. fall. La dichiarazione di fallimento può anche interessare il vicolo contrattuale...

Note 22.07.2015

Revoca del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo in mancanza delle condizioni prescritte: l...

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI BERGAMO - 9 ottobre 2014 - La tematica inerente all’effettivo valore dei beni ceduti alla massa dei creditori con lo scopo di realizzare la causa del concordato preventivo, ossia la soluzione/gestione della crisi attraverso il soddisfacimento di tutti i creditori in un lasso di tempo ragionevolmente breve, inerisce alla c.d. fattibilità economica del piano e, pertanto, è devoluta...

Approfondimenti 17.07.2015

Le azioni risarcitorie dei creditori nei concordati

di Leggi dopo

L'Autore svolge, in prima battuta, una ricognizione delle molte questioni che possono spiccare dall'incrocio di “azioni risarcitorie” (qui, dei creditori), al plurale, con i “concordati”, ancora al plurale. In secondo luogo, offre alcune coordinate generali per un’impostazione dei problemi posti dalle numerose ipotesi normative e il loro possibile combinarsi. 

Editoriali 15.07.2015

Spigolature intorno al decreto legge n. 83 del 2015

di Leggi dopo

Quelli che seguono vogliono essere solo alcuni suggerimenti, scaturiti da una primissima lettura del decreto legge n. 83 del 2015, finalizzati a chiarire, in sede di conversione, taluni punti apparsi meritevoli di più attenta riflessione, al solo fine di rendere concretamente applicabili le disposizioni di nuova introduzione, e senza prendere alcuna posizione in ordine al merito delle concrete...

Editoriali 08.07.2015

Offerte e proposte concorrenti nel concordato preventivo: le novità introdotte dalla “mini” riforma del diritto...

di Leggi dopo

Sorprende non poco che a distanza brevissima dall’insediamento presso il Ministero della Giustizia della commissione incaricata di elaborare una riforma integrale del diritto dell’insolvenza, il governo abbia preso una autonoma iniziativa legislativa, emanando un decreto legge fondato sulla “straordinaria necessità e urgenza” di favorire il finanziamento delle imprese in crisi, di promuovere la...

Editoriali 06.07.2015

Accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari e convenzione di moratoria

di Leggi dopo

Sulla scorta di una ritenuta «straordinaria necessità e urgenza», tra l’altro, «di prevedere la possibilità di concludere nuove tipologie di accordo di ristrutturazione del debito», il nostro ordinamento si è dotato – con il d.l. n. 83 del 27 giugno 2015 – di due nuovi istituti, ascrivibili alla categoria di confine costituita dalle c.d. procedure ibride, la caratteristica delle quali consiste...

Pagine