Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 26.02.2014

Domanda di concordato con continuità aziendale e partecipazione a gara pubblica. L’oscillante giurisprudenza del...

di Leggi dopo

CONS. STATO, 27 dicembre 2013, n. 6272; CONS. STATO, 14 gennaio 2014, n. 101  -  Una a.t.i., seconda classificata in una gara per l’affidamento di lavori pubblici, impugna il provvedimento di aggiudicazione giacché il raggruppamento vincitore inglobava una impresa che risultava aver proposto domanda di ammissione al concordato preventivo in continuità aziendale senza essere, al momento dell...

Articoli 26.02.2014

La revocatoria fallimentare del pagamento infrannuale al creditore prelazionario

di Leggi dopo

Nel dibattito circa la natura e il fondamento della revocatoria fallimentare sono state elaborate le opposte teorie indennitaria ed antindennitaria (quest’ultima, alfine, consacrata nella sua prevalenza da Cass. civ., sez. un., n. 7028 del 2006). La principale ricaduta applicativa è rappresentata dalla revocabilità del pagamento infrannuale (o della vendita) eseguito(a) in favore del creditore...

Articoli 21.02.2014

Il “quando” del pagamento dei creditori privilegiati capienti nel concordato preventivo

di Leggi dopo

La corretta impostazione della questione di come debba essere regolato, nella proposta concordataria, il profilo del tempo di pagamento dei creditori privilegiati capienti dipende da una considerazione preliminare: mentre i creditori chirografari possono essere oggetto di una proposta che ne preveda la falcidia con riferimento sia al quantum che al quando del pagamento, i creditori privilegiati...

Editoriali 19.02.2014

Limiti del “diritto fallimentare” e prospettive di riforma

di Leggi dopo

Il lavorio legislativo intorno al c.d. “diritto fallimentare” e la generale insoddisfazione per i risultati conseguiti potrebbero giustificare queste brevi considerazioni sulle ragioni della “crisi” in cui da molti anni si dibatte questo settore del diritto d’impresa. L’insufficienza di questo diritto, per come oggi si presenta, dipende a mio giudizio soprattutto da alcune ragioni di fondo,...

Articoli 17.02.2014

Contratti per superare la crisi d’impresa

di Leggi dopo

Le riforme della legge fallimentare che si sono succedute negli ultimi anni hanno evidenziato un rapporto estremamente importante tra l’istituto contrattuale e la crisi d’impresa, secondo uno schema logico che vede nel contratto lo strumento giuridico per affrontare e risolvere il problema della crisi d’impresa.

Note 26.01.2014

La controversa questione del rapporto tra concordato con continuità aziendale ed affitto d’azienda

di , Leggi dopo

TRIBUNALE DI CUNEO – sez. fallimentare – 29 ottobre 2013, decr.  -  La previsione dell’affitto come elemento del piano concordatario, purché finalizzato al trasferimento dell’azienda e non destinato alla mera conservazione del valore dei beni aziendali nella prospettiva di una loro più fruttuosa liquidazione, deve ritenersi riconducibile all’art. 186-bis l. fall., benché non espressamente...

Approfondimenti 17.01.2014

Il pegno costituito sul credito alla consegna di titoli di Stato

di Leggi dopo

Una pronuncia della Corte di Cassazione civile, sez. unite, risolve un contrasto giurisprudenziale sull’efficacia di una convenzione di pegno avente ad oggetto il credito alla consegna e all’attribuzione di titoli di stato che un soggetto ha nei confronti di una banca in forza di un mandato a quest’ultima conferito per l’acquisto dei titoli medesimi. L’Autore esamina il provvedimento e i...

Note 08.01.2014

La transazione con il terzo subacquirente non ostacola l’azione revocatoria

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 20 novembre 2013, n. 26041  -  Nel caso in cui colui che ha acquistato dal soggetto poi fallito abbia rivenduto il bene a terzi ed il curatore abbia raggiunto con questi un accordo transattivo risolutivamente condizionato al rigetto della domanda nei confronti dell’acquirente, l’azione revocatoria promossa nei confronti di quest’ultimo non diviene improcedibile per...

Pagine