Crisi d'impresa

Direttori di area:
Prof.ssa Pasqualina Farina, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Editoriali 12.02.2019

Sovraindebitamento del “debitore civile” e riforma del diritto della crisi d'impresa

di Leggi dopo

Il civilista non può rimanere insensibile al “fascino” della disciplina normativa riguardante la composizione delle situazioni di crisi da sovraindebitamento, disciplina derivante dalla l. 27 gennaio 2012 n. 3, ma che è destinata a transitare ed essere assorbita, con variazioni di non poco momento, nel nuovoCodice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.

Editoriali 31.01.2019

La disciplina del sovraindebitamento nel Codice della crisi e dell'insolvenza

di Leggi dopo

Il contributo è dedicato a quello che potrebbe definirsi il “sistema” – o, meglio, “sottosistema” – di soluzione della crisi da sovraindebitamento, che com'è noto rappresenta un segmento, o frazione, dell'ordinamento concorsuale. Più in particolare, l'analisi avrà ad oggetto i punti di debolezza, molti in verità, che tale sistema ha sin qui evidenziato e le potenziali opportunità “espansive”...

Editoriali 05.09.2018

L'azione di responsabilità del curatore nella (nuova) liquidazione giudiziale delle società

di Leggi dopo

L'emanando Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, secondo l'attuale schema di decreto legislativo, offre qualche interessante spunto di riflessione nel prefigurato passaggio dall'art. 146, comma 2, l.fall. alla disciplina nuova affidata al suo art. 254, il quale concerne la legittimazione del curatore all'esercizio delle azioni di responsabilità, allorché la liquidazione giudiziale ...

Editoriali 21.08.2018

"Il diritto societario della crisi" nello schema di riforma delle procedure concorsuali: osservazioni critiche "ad...

di , Leggi dopo

Sembra che siano ripresi i lavori per arrivare finalmente al varo della riforma delle procedure concorsuali con l'attuazione della l. delega n. 155 del 2017. È interesse di tutti che tale riforma nasca con i minori difetti possibili e, in particolare, nasca nel segno, quanto meno, del puntuale rispetto e dei principi di delega e delle norme previgenti ove non toccate da quei principi....

Editoriali 04.01.2018

L'impresa agricola nelle procedure concorsuali alla luce della legge delega n. 155 del 2017

di Leggi dopo

Il principio della esenzione dell'imprenditore agricolo dal fallimento, già messo in crisi con la modifica dell'art. 2135 c.c. ad opera del d.lgs n. 228 del 2001 (nonché del d.lgs. n. 226 del 2001 relativo all'imprenditore ittico) che ha ampliato la nozione di imprenditore agricolo introducendo nella nozione di impresa agricola anche attività che non richiedono una connessione necessaria tra...

Editoriali 23.10.2017

L’equivoco sui piani attestati di risanamento nella delega per la riforma delle discipline della crisi d’impresa e...

di Leggi dopo

In dottrina e in giurisprudenza è diffusa la stramba idea del piano attestato come di un atto non aziendale ma giuridico, e a contenuto unilaterale. Dunque, come qualcosa di diverso dal contratto e simile o corrispondente a un atto unilaterale. L’errore è grave e inescusabile. 

Editoriali 07.07.2017

Tre cose sul concordato in continuità

di Leggi dopo

Il concordato in continuità non è disciplina che riguarda direttamente la proposta di concordato e quindi il rapporto tra debitore e creditori, bensì il piano concordatario, e quindi la soluzione che si ritiene di dover offrire per il recupero aziendale. Questa è una distinzione essenziale, che tuttavia sfugge quasi sempre. 

Editoriali 16.06.2017

La specialità del diritto della crisi d'impresa

di Leggi dopo

Si dice che il diritto della crisi d'impresa sia un diritto “speciale”. Il riferimento alla specialità acquista senso rapportando questo settore al diritto privato generale quale contesto più ampio nel quale si trova ad essere collocato secondo il classico rapporto che lega specie a genere. 

Pagine