Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Approfondimenti 18.01.2018

La natura giuridica degli accordi di ristrutturazione e dei piani attestati di risanamento

di Leggi dopo

Con il presente contributo, si intende esaminare la questione relativa alla natura giuridica degli accordi di ristrutturazione e dei piani attestati di risanamento, gli strumenti di risoluzione della crisi di impresa di stampo più spiccatamente privatistico tra quelli elaborati dal legislatore. Particolare attenzione viene riservata alle differenze tra i due istituti, anche operando dei...

Approfondimenti 16.01.2018

La natura delle società pubbliche e la conseguente fallibilità

di Leggi dopo

La sentenza di legittimità n. 3196 del 2017 dopo aver chiarito che i termini di diritto pubblico corrispondenti sono, rationae temporis, anteriori alla rinnovata legislazione in tema di appalti (varata con il d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50) e di società pubbliche (d.lgs. 19 agosto 2016, n. 175), risolve in modo definitivo e generalizzato la questione della fallibilità di una società, costituita...

Approfondimenti 09.01.2018

Il controllo giudiziale negli accordi di ristrutturazione

di Leggi dopo

Con il presente contributo, si intendono esaminare le varie fasi in cui si articola il controllo giudiziale negli accordi di ristrutturazione, partendo dal sindacato sul presupposto soggettivo ed oggettivo per la presentazione della domanda fino a giungere ad esaminare il ruolo del Tribunale nella procedura di omologazione, anche con riferimento ai nuovi istituti dell'accordo di...

Approfondimenti 01.01.2018

Riforma della procedura fallimentare e rapporti pendenti. quali modifiche alla disciplina dei contratti diretti al...

di Leggi dopo

La legge n. 155 del 19 ottobre 2017, contenente la delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza, non prevede, per quel che concerne la disciplina dei rapporti giuridici pendenti al momento dell'apertura della procedura fallimentare l'introduzione di rilevanti novità rispetto all'assetto attuale. L'art. 7, comma 6, si limita a obbligare il...

Approfondimenti 21.12.2017

Autofallimento e difesa tecnica. La domanda di fallimento e la natura del relativo procedimento camerale

di Leggi dopo

La Suprema Corte in un interessante arresto giurisprudenziale ha da ultimo affermato che «Il debitore può assumere l'iniziativa per la dichiarazione del proprio fallimento senza ricorrere al ministero di un difensore, se e fino a quando la sua istanza non confligga con l'intervento avanti al tribunale di altri soggetti, portatori dell'interesse ad escludere la dichiarazione di fallimento, ciò...

Approfondimenti 14.11.2017

Il trattamento dei crediti tributari nell'ambito di un concordato preventivo, dopo la l. n. 232 del 2016

di Leggi dopo

La decisione in commento è stata pronunciata dalla Corte di Cassazione pochi mesi prima che il legislatore intervenisse nuovamente sull'art. 182-ter l. fall., in materia di transazione fiscale, con l'art. 1, comma 81, della l. 11 dicembre 2016, n. 232, entrata in vigore il 1° gennaio 2017.

Approfondimenti 08.11.2017

La reintroduzione dell’applicabilità dell’art. 2409 c.c. alle società a responsabilità limitata

di Leggi dopo

L’11 Ottobre 2017, il Senato della Repubblica ha approvato il disegno di legge delega S. n. 2581 titolato “Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza”, che è così diventato legge 19 Ottobre 2017, n. 155, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 354 del 30 Ottobre 2017.

Approfondimenti 28.07.2017

Crisi d'impresa delle società in house tra regole di mercato e pubblico interesse. Note a margine di Cass. civ., sez....

di Leggi dopo

Deve escludersi la qualificazione delle società in house come “enti pubblici” ai fini dell’esenzione dall’applicazione delle procedure concorsuali prevista dall’art. 1 della legge fallimentare. Devono inoltre respingersi tutte le suggestioni volte ad ammettere compenetrazioni sostanzialistiche tra tipi societari e qualificazioni pubblicistiche, attesa la necessità di tutelare l’affidamento dei...

Pagine