Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Note 19.01.2017

Il ricorso straordinario avverso il decreto d'inammissibilità della proposta di concordato preventivo: la parola alle...

di Leggi dopo

CASS. CIV.  - sez. un. - 28 dicembre 2016, n. 27073 - Il decreto con cui il tribunale, senza emettere sentenza di fallimento, dichiara inammissibile la proposta di concordato, ex art. 162, comma 2, l. fall. (anche a seguito della mancata approvazione ai sensi dell'art. 179, comma 1), ovvero revoca l'ammissione alla procedura concordataria, ex art. 173 l. fall. non ha carattere decisorio;...

Approfondimenti 02.01.2017

Credito fondiario e fallimento: il superamento del privilegio processuale

di Leggi dopo

Il disegno di legge delega n. 3671 del 2016, denominato «Delega al governo per la riforma organica delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza» si basa sui lavori della Commissione presieduta da Renato Rordorf e ha lo scopo di modernizzare la disciplina della crisi di impresa e dell'insolvenza. 

Note 23.12.2016

Piano del consumatore e cessione del “quinto dello stipendio”

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TORINO - sez. VI - 8 giugno 2016 - É omologabile il piano del consumatore che prevede la ristrutturazione di un debito che le parti hanno convenuto di adempiere mediante la cessione della quota di un quinto della retribuzione, pur se detta cessione è stata notificata al terzo ceduto in data anteriore alla presentazione del piano.

Editoriali 06.12.2016

Misure di prevenzione patrimoniali e procedure concorsuali

di Leggi dopo

Nelle osservazioni che seguono mi occuperò dell'ipotesi in cui il proposto sia al contempo un imprenditore commerciale insolvente; dell'ipotesi, più in particolare, in cui, prima o dopo l'avvio della misura di prevenzione patrimoniale, sia dichiarato il fallimento del proposto o sia aperta nei suoi confronti la procedura di l.c.a.

Approfondimenti 21.10.2016

Gli organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento

di Leggi dopo

Il discorso sulle imprese e sui servizi alle imprese coinvolge, oltre alla disciplina giuridica dei profili organizzativi e dell'attività produttiva svolta, anche la regolamentazione della fase più delicata della crisi, dello stato di insolvenza, delle situazioni di sovraindebitamento.

Note 14.10.2016

La liquidazione del compenso del curatore sostituito

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI –ord. 19 febbraio 2016, n. 6430 - È viziata da improponibilità, rilevabile anche d'ufficio, l'istanza presentata dal revocato curatore per la liquidazione del compenso prima che la procedura di fallimento sia giunta alle operazioni finali, in quanto tale liquidazione non è automaticamente collegata all'ammontare dell'attivo realizzato ed a quello del passivo accertato al...

Approfondimenti 07.10.2016

La fallibilità delle società in house providing

di Leggi dopo

L'entrata in vigore del T.U. in materia di società a partecipazione pubblica, di cui al d.lgs. n. 175 del 19 agosto 2016, pubblicato sulla GU n. 120 dell'8 settembre 2016 (di seguito anche indicato come TUSPP), attuativo della delega contenuta all'art. 18 della l. n. 124 del 7 agosto 2015, costituisce il primo intervento normativo organico sulle partecipazioni pubbliche in società di capitali,...

Note 02.08.2016

Insolvenza transnazionale e lingua del procedimento di ammissione al passivo

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI MILANO - 18 giugno 2015 - L’art. 42, paragrafo 2, del Regolamento n. 1346 del 2000 non si applica alle «procedure interne con elementi di estraneità». Il creditore straniero, ai sensi dell’art. 122 c.p.c., ha l’onere di formulare domanda di ammissione al passivo del fallimento in lingua italiana.

Pagine