Crisi d'impresa

Direttori di area:
Cons. Roberto Amatore, Avv. Giuseppina Ivone, Prof. Daniele Vattermoli


Comitato editoriale:
Soraya Barati, Camilla Bolognini, Marco Conforto, Clarisa L. Ganigian

Approfondimenti 28.07.2017

Crisi d'impresa delle società in house tra regole di mercato e pubblico interesse. Note a margine di Cass. civ., sez....

di Leggi dopo

Deve escludersi la qualificazione delle società in house come “enti pubblici” ai fini dell’esenzione dall’applicazione delle procedure concorsuali prevista dall’art. 1 della legge fallimentare. Devono inoltre respingersi tutte le suggestioni volte ad ammettere compenetrazioni sostanzialistiche tra tipi societari e qualificazioni pubblicistiche, attesa la necessità di tutelare l’affidamento dei...

Note 13.07.2017

Il sindacato del giudice sulla fattibilità del piano di risanamento come requisito per l'applicazione dell'esenzione...

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. VI – 5 luglio 2016, n. 13719  -  Nell'ambito dei piani attestati di risanamento trova applicazione il principio – elaborato dalla corte di legittimità con riferimento al concordato preventivo – secondo il quale il sindacato sulla fattibilità giuridica non incontra limiti particolari, mentre quello sulla fattibilità economica attiene alla verifica della sussistenza o meno di...

Editoriali 07.07.2017

Tre cose sul concordato in continuità

di Leggi dopo

Il concordato in continuità non è disciplina che riguarda direttamente la proposta di concordato e quindi il rapporto tra debitore e creditori, bensì il piano concordatario, e quindi la soluzione che si ritiene di dover offrire per il recupero aziendale. Questa è una distinzione essenziale, che tuttavia sfugge quasi sempre. 

Editoriali 16.06.2017

La specialità del diritto della crisi d'impresa

di Leggi dopo

Si dice che il diritto della crisi d'impresa sia un diritto “speciale”. Il riferimento alla specialità acquista senso rapportando questo settore al diritto privato generale quale contesto più ampio nel quale si trova ad essere collocato secondo il classico rapporto che lega specie a genere. 

Articoli 19.05.2017

La dichiarazione di fallimento nella recente giurisprudenza di legittimità

di Leggi dopo

Il presente contributo ha la finalità di fare il punto su una questione tanto controversa quanto delicata quale è la procedura per la dichiarazione di fallimento con particolare riferimento al potere di iniziativa. 

Note 10.05.2017

Il rapporto tra affitto d'azienda e concordato preventivo con continuità aziendale nella prospettiva della riforma...

di Leggi dopo

TRIB. COMO - sez. I civile - 9 febbraio 2017  -  La pronuncia in commento si allinea alla tesi secondo la quale il silenzio dell'art. 186-bis l. fall. non preclude la possibilità di qualificare come concordato con continuità aziendale il concordato che preveda l'affitto dell'azienda e la successiva cessione all'affittuario, arricchendo il già nutrito dibattito con un nuovo argomento.

Approfondimenti 24.03.2017

Insolvenza dell’imprenditore e conservazione dell’impresa

di Leggi dopo

Lo scritto affronta il tema della conservazione dell’impresa nel diritto delle procedure concorsuali prescindendo da eccessivi tecnicismi e guardando il panorama disciplinare da una certa distanza: quella necessaria per coglierne le articolazioni di fondo e le connessioni che legano quel settore giuridico al mondo del tutto diverso delle discipline aziendalistiche. L'Autore invita, infatti,...

Note 19.01.2017

Il ricorso straordinario avverso il decreto d'inammissibilità della proposta di concordato preventivo: la parola alle...

di Leggi dopo

CASS. CIV.  - sez. un. - 28 dicembre 2016, n. 27073 - Il decreto con cui il tribunale, senza emettere sentenza di fallimento, dichiara inammissibile la proposta di concordato, ex art. 162, comma 2, l. fall. (anche a seguito della mancata approvazione ai sensi dell'art. 179, comma 1), ovvero revoca l'ammissione alla procedura concordataria, ex art. 173 l. fall. non ha carattere decisorio;...

Pagine