Banca finanza assicurazioni

Direttori di area:
Prof. Paoloefisio Corrias, Prof.ssa Sara Landini, Prof. Daniele Maffeis, Cons. Alessandro Pepe


Comitato editoriale:
Luigi Giacomo Vigoriti, Ettore Maria Lombardi, Giacomo Bizzarri

Approfondimenti 15.07.2016

Regole di validità e regole di comportamento nei contratti di intermediazione finanziaria

di Leggi dopo

L'argomento trattato muove dall'analisi delle caratteristiche peculiari dei contratti di intermediazione finanziaria. Infatti, solo la piena comprensione dei valori sottesi a tale figura negoziale consente il successivo passaggio verso gli snodi cruciali dei rimedi esperibili a favore dell'investitore e delle forme di responsabilità addebitabili a carico dell'intermediario. Il bene protetto è...

Approfondimenti 16.06.2016

L’espansione della competenza sanzionatoria di Agcm. Note sulla conseguente – dubbia – marginalizzazione delle...

di Leggi dopo

Da tempo risalente la normativa domestica include tra le finalità dell’azione delle autorità dei mercati finanziari anche la tutela degli interlocutori delle imprese che operano nei singoli settori di competenza delle prime. Quindi, alle amministrazioni viene affidato il compito di orientare in via preventiva la condotta dei vigilati e di verificare, successivamente, il rispetto, da parte di...

Approfondimenti 17.05.2016

La insostenibile leggerezza dell’essere “contratti derivati”

di Leggi dopo

Il contributo esamina il variegato mondo dei derivati analizzando il fenomeno nella sua interezza e classificando tutte le fattispecie giuridiche in cui si manifesta, la grande maggioranza delle quali non è mai stata oggetto di attenzione da parte dei giudici o della dottrina.

Editoriali 26.04.2016

Il tramonto delle banche cooperative

di Leggi dopo

Con la conversione in legge del d.l. 14 febbraio 2016, ad opera della l. 8 aprile 2016 n. 49, recante (tra l’altro) la riforma delle banche di credito cooperativo, si è sostanzialmente completato il processo – già avviato dal d.l. n. 3 del 2015, convertito nella l. n. 33 del 2015, per le banche popolari – di emarginazione, e di fatto di cancellazione, del modello di “governance cooperativa”,...

Editoriali 13.04.2016

Suggerimenti per la realizzazione di un progetto più coerente e razionale di riforma delle banche di credito...

di Leggi dopo

Per un'analisi del d.l. n. 18 del 2016, con cui è stata effettuata la riforma delle banche di credito cooperativo, bisogna in primo luogo identificare le cause che sono a fondamento di questa ultima. Successivamente vanno esaminati i progetti (che modificano l'impianto sistemico della categoria) presentati prima dell'emanazione del richiamato d.l., le cui statuizioni sono al centro delle nostre...

Note 16.03.2016

L'obbligo dell'intermediario di indicare la facoltà di recesso per l'investitore, secondo la High Court of Justice di...

di Leggi dopo

HIGH COURT OF JUSTICE - Queen’s Bench Division - Commercial Court, [2015] EWHC 1746 (Comm)  -  La sentenza offre un’analisi da un interprete qualificato, il giudice inglese, e può costituire un trascorso importante in un sistema dove il precedente è vincolante e dove sono ancora pendenti contenziosi tra enti locali italiani e intermediari, anche se l’applicazione dell’art. 30 TUF (e quindi la...

Note 22.02.2016

Il contratto di mutuo: tra “realità” e titolo esecutivo

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 27 agosto 2015, n. 17194  -  Il contratto di mutuo è titolo esecutivo, qualora dalla sua interpretazione, integrata con quanto previsto nell'atto di erogazione e quietanza o quietanza a saldo, ove esistente, si evinca la trasmissione immediata della disponibilità giuridica della somma mutuata, e che gli atti (di mutuo e di erogazione della somma) rispettino i requisiti...

Note 11.02.2016

L’acquisto di un diritto iure proprio non comporta una minore portata precettiva del termine erede

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. III - 29 settembre 2015, n. 19210  -  In una recente pronuncia relativa alla liquidazione di una polizza vita stipulata, ex art. 1920 c.c., a favore degli “eredi legittimi o testamentari”, la suprema corte, discostandosi dai consolidati orientamenti espressi dalla giurisprudenza e dalla dottrina in casi analoghi, delinea una soluzione ermeneutica che valorizza il riferimento...

Pagine