Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Chiara Mastracchio, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 24.08.2016

L’art. 156 c.p.c. trova applicazione anche alle notificazioni eseguite a mezzo pec nel processo civile telematico

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. un. - 18 aprile 2016, n.7665 - La Cassazione con la pronuncia in commento ribadisce l’applicabilità del principio sancito dall’art. 156 c.p.c., secondo cui la nullità non può essere mai pronunciata se l’atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato, anche per le notificazioni eseguite nell’ambito del processo civile telematico in relazione alle quali, la nullità non può essere...

Editoriali 19.08.2016

“Fatto” e “diritto” nel giudizio di cassazione

di Leggi dopo

Un titolo così impegnativo potrebbe introdurre un corposo volume di teoria del diritto. In esso sono implicati concetti fondamentali come il giudizio che cade sul fatto, il diverso giudizio che investe il diritto, il controverso rapporto in cui questi due giudizi si trovano ad essere per necessità (essendo il diritto una “scienza pratica”). E, infine, il ruolo svolto dalla motivazione della...

Note 01.08.2016

Domanda di contraffazione e giudizio di equivalenza

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 4 novembre 2015 n. 22563 - Solamente l’errore sull’inutilizzabilità di una prova decisiva costituisce violazione di legge. Per essere considerata tale, la prova non utilizzata andrà valutata in base alle prospettazioni delle parti e alla propria capacità di incidere sulla correttezza del giudizio di fatto....

Note 25.07.2016

Ricorso ex art. 669-terdecies c.p.c.: atto endoprocessuale o introduttivo di un nuovo giudizio?

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI PESCARA - 11 febbraio 2016, n. 5677 (ord.) - Il procedimento di reclamo, in quanto rimedio impugnatorio, deve ritenersi distinto da quello definito con il provvedimento reclamato e, pertanto, il ricorso ex art. 669-terdecies c.p.c. può essere depositato anche in forma cartacea.

Note 19.07.2016

L'onere di contestazione concerne solo i fatti allegati dalla controparte nei propri atti e non anche i documenti...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. VI - 6 aprile 2016, n. 6606 - L'onere di contestazione concerne le sole allegazioni in punto di fatto della controparte e non anche i documenti da essa prodotti, rispetto ai quali vi è soltanto l'onere di eventuale disconoscimento, nei casi e modi di cui all'art. 214 c.p.c. o di proporre – ove occorra – querela di falso, restando in ogni momento la loro significatività o...

Note 13.07.2016

Tertium datur, la Cassazione ci riprova: (nuove?) rimeditazioni sull'art. 814 c.p.c.

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. I – 8 marzo 2016, n. 4517 (ord.) - La sezione prima rimette la causa al Primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite Civili, in ragione e per la soluzione della questione di massima di particolare importanza, ai sensi dell'art. 374, secondo comma, ultima parte, codice di procedura civile, se sia ricorribile, ex art. 111 Cost., la decisione resa dalla Corte...

Note 08.07.2016

La nomina del curatore speciale ex art. 78 c.p.c., comma 2: la verifica del conflitto di interessi va operata in...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. II - 29 gennaio 2016, n. 1721  -  Ai fini della nomina del curatore speciale, non sussiste conflitto di interessi tra genitore esercente la patria potestà e figlio minore tenuto conto delle difese esplicate durante tutto il corso del giudizio ed in particolare del contegno tenuto da quest'ultimo a seguito del raggiungimento della maggiore età. Pertanto, la mancata nomina di un...

Note 06.07.2016

Sulla immediata ricorribilità per cassazione delle sentenze d'appello che rimettono le parti davanti al primo giudice...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. un. - 22 dicembre 2015, n. 25774  -  È immediatamente impugnabile con ricorso per cassazione la sentenza con cui il giudice d'appello, nei casi previsti dagli artt. 353 e 354 c.p.c., riforma o annulla la sentenza di primo grado, rimettendo la causa al giudice a quo. Trattandosi di sentenza definitiva, essa non ricade nel campo di applicazione del divieto, dettato dal terzo...

Pagine