Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Chiara Mastracchio, Aniello Merone, Roberta Metafora

Articoli 11.03.2014

La mediazione e le liti in materia di usucapione

di Leggi dopo

L’articolo dà conto della recente modifica apportata dal c.d. “decreto del fare” all’articolo 2643, comma 1, c.c., al cui punto 12-bis è ora sancita la trascrivibilità degli accordi di mediazione che accertano l'usucapione. L’elaborato, traendo spunto da alcune pronunce della giurisprudenza di merito, approfondisce questioni di natura pratica e teorica che inducono a esprimere apprezzamento per...

Articoli 10.03.2014

Indipendenza, neutralità, terzietà e imparzialità dell'arbitro: profili distintivi e le Linee Guida IBA sui conflitti...

di Leggi dopo

L’argomento in esame si rivela essere ancor’oggi oggetto di numerose discussioni in tema di arbitrato nonostante i requisiti di cui parliamo siano ritenuti fondamentali per l’esercizio della funzione di arbitro e di certo non nuovi. I concetti di indipendenza, di neutralità, di terzietà e di imparzialità potrebbero sembrare sinonimi ed equipollenti mentre in verità hanno differenti accezioni....

Articoli 10.03.2014

L’udienza nel procedimento per convalida di sfratto

di Leggi dopo

Il procedimento per convalida di sfratto è collocato tra i procedimenti speciali del codice di procedura civile e, in particolare, si tratta di un rito sommario non cautelare con il quale si persegue l’anticipazione della tutela esecutiva. La funzione dei procedimenti del genere è quella di consentire in tempi brevi e, comunque, anteriori rispetto alla tutela ordinaria, la formazione di un...

Articoli 10.03.2014

La figura del Consulente tecnico d’ufficio

di Leggi dopo

Presso ogni Tribunale è istituito l’Albo dei Consulenti il cui funzionamento è disciplinato dagli artt. 13-23 disp. att. c.p.c. L’Albo è tenuto da un apposito Comitato composto dal Presidente del Tribunale e dal Procuratore della Repubblica, ovvero da un loro delegato, e dal rappresentante dell’ordine professionale di volta in volta interessato, mentre i professionisti che non hanno un ordine...

Note 10.03.2014

Contro un atto non classificabile come precetto non è ammessa l’opposizione ai sensi dell’art. 615, primo comma c.p.c.

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. VI – 31 gennaio 2014, n. 2109  -  La Corte di Cassazione riafferma il principio in forza del quale un mero invito al debitore ad adempiere, pur contenuto in calce alla sentenza notificata, ma privo delle indicazioni di cui all’art. 480 c.p.c., non costituisce atto di precetto e non può quindi essere proposta avverso lo stesso l’opposizione c.d. preventiva all’esecuzione...

Note 09.03.2014

Sulla proliferazione delle cause dopo la riforma c.d. Fornero

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI S.M. CAPUA VETERE - sez. lav. - 17 giugno 2013, ord.  -  Con la l. n. 92 del 2012 è stato introdotto un ennesimo rito processuale, questa volta in materia di impugnativa dei licenziamenti, col precipuo scopo di «accelerare la definizione delle (…) controversie» ex art. 18 St. lav. [art. 1, comma 1, lett. c)]. Ma a distanza di circa un anno di applicazione del nuovo rito speciale...

Articoli 09.03.2014

L'istituto della ricusazione alla luce della riformata disciplina sull'arbitrato

di Leggi dopo

Il tema della ricusazione degli arbitri può risultare uno dei più delicati in funzione dell’importanza che si intende dare loro. Il ruolo degli arbitri è certamente comparabile al ruolo svolto dai giudici per competenza e funzionalità, nonostante oggi non ci sia più un esplicito rinvio legislativo all’istituto dei magistrati. L’imparzialità – richiesta da tutti coloro che esercitano la funzione...

Articoli 26.02.2014

Diritti edificatori sganciati dal suolo: dalla terra allo spazio. Profili problematici in ambito trascrittivo

di Leggi dopo

Il nuovo n. 2-bis, comma 1, dell’art. 2643 c.c. prevede per la prima volta la trascrizione dei negozi aventi a oggetto «diritti edificatori comunque denominati, previsti da normative statali o regionali, ovvero da strumenti di pianificazione territoriale». Al fine di definire l’ambito applicativo della Novella si mostra necessario: a) a monte, cogliere gli aspetti di novità che interessano la...

Pagine