Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Chiara Mastracchio, Aniello Merone, Roberta Metafora

Articoli 09.03.2014

L'istituto della ricusazione alla luce della riformata disciplina sull'arbitrato

di Leggi dopo

Il tema della ricusazione degli arbitri può risultare uno dei più delicati in funzione dell’importanza che si intende dare loro. Il ruolo degli arbitri è certamente comparabile al ruolo svolto dai giudici per competenza e funzionalità, nonostante oggi non ci sia più un esplicito rinvio legislativo all’istituto dei magistrati. L’imparzialità – richiesta da tutti coloro che esercitano la funzione...

Articoli 26.02.2014

Diritti edificatori sganciati dal suolo: dalla terra allo spazio. Profili problematici in ambito trascrittivo

di Leggi dopo

Il nuovo n. 2-bis, comma 1, dell’art. 2643 c.c. prevede per la prima volta la trascrizione dei negozi aventi a oggetto «diritti edificatori comunque denominati, previsti da normative statali o regionali, ovvero da strumenti di pianificazione territoriale». Al fine di definire l’ambito applicativo della Novella si mostra necessario: a) a monte, cogliere gli aspetti di novità che interessano la...

Articoli 21.02.2014

Procedimento di mediazione per le liti locative in seguito al “decreto del fare”

di Leggi dopo

L’esistenza travagliata della procedura di mediazione viene sintetizzata nei suoi tratti essenziali; prima, la declaratoria di illegittimità costituzionale (C. Cost. 272/12) a poco meno di due anni dall’entrata in vigore della normativa, poi il successivo ripristino della procedura compositiva da parte del legislatore (d.l. n. 69 del 2013; decreto del fare). Indi, vengono tratteggiati i profili...

Articoli 21.02.2014

La prova scritta nel procedimento monitorio

di Leggi dopo

La prova del credito nel procedimento monitorio:lapiù ampia conformazione normativa del concetto di prova scritta rispetto alla nozione adottata nel processo ordinario di cognizione. La prova scritta che il  professionista intellettuale deve fornire al fine di ottenere un decreto ingiuntivo alla luce della riforma del 2012: è ancora sufficiente la sola parcella delle spese e prestazioni...

Articoli 18.02.2014

Conoscenza legale (e non necessariamente effettiva) degli atti interruttivi della prescrizione

di Leggi dopo

La prescrizione estintiva è disciplinata dall’art. 2934 c.c. che dispone: «Ogni diritto si estingue per prescrizione, quando il titolare non lo esercita per il tempo determinato dalla legge. ― Non sono soggetti a prescrizione i diritti indisponibili e gli altri diritti indicati dalla legge». Dalla definizione codicistica emergono con chiarezza tutti i presupposti necessari ai fini dell...

Approfondimenti 10.02.2014

La responsabilità civile del consulente tecnico d’ufficio

di Leggi dopo

L’art. 64 c.p.c. individua le ipotesi di responsabilità penale e civile del c.t.u. Poiché il primo comma prevede espressamente l’applicazione immediata delle norme sui periti, il consulente, quale professionista intellettuale ed ausiliare del giudice, può rispondere penalmente di varie fattispecie di reato come i delitti contro l’amministrazione della giustizia e contro l’attività giudiziaria,...

Articoli 06.02.2014

Intervento del terzo e preclusioni assertive

di Leggi dopo

La disciplina dell’intervento volontario ha da sempre attratto l'attenzione della più accorta dottrina e ha lungamente impegnato la giurisprudenza non solo di merito ma anche di legittimità. Opposte interpretazioni ricollegabili essenzialmente a tre diversi orientamenti, tese da un lato ad estendere agli intervenienti le preclusioni, anche assertive, maturate per le parti; e dall'altro, a...

Note 01.02.2014

L’appello incidentale quale unico rimedio alla soccombenza virtuale derivante dalla dichiarazione di improcedibilità...

di Leggi dopo

CONS. STATO - sez. V - 26 novembre 2013, n. 5604  -  La pronuncia di improcedibilità del ricorso incidentale non è assimilabile a un omesso esame o a una dichiarazione di assorbimento, le quali sole legittimano ex art. 101, comma 2, c.p.a. la riproposizione in appello dei motivi mediante memoria, in quanto essa trae fondamento dal sopravvenuto difetto d'interesse alla pronuncia nel merito di...

Pagine