Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 30.11.2018

Il requisito della “novità” del documento in appello

di Leggi dopo

Intanto il giudice di secondo grado può prendere in considerazione documenti offerti dall'appellante se ed in quanto essi non siano stati mai prodotti nel precedente grado di giudizio: dunque, in nessun caso il potere del giudice d'appello di ammettere la prova indispensabile può essere esercitato riguardo a prove già in prime cure dichiarate inammissibili perché dedotte in modo difforme dalla...

Note 28.11.2018

Rilievo d’ufficio in appello di una norma che esclude il diritto della parte

di Leggi dopo

Il giudice ha l’obbligo di rilevare d’ufficio l’esistenza di una norma di legge idonea ad escludere, alla stregua delle circostanze di fatto già allegate ed acquisite agli atti di causa, il diritto vantato dalla parte, e ciò anche in grado di appello, senza che su tale obbligo possa esplicare rilievo la circostanza che, in primo grado, le questioni controverse abbiano investito altri e diversi...

Approfondimenti 16.11.2018

L'avvocatura dello Stato durante la grande guerra

di Leggi dopo

La prima guerra mondiale trasformò radicalmente la Nazione italiana, incidendo sullo sviluppo industriale del Paese e sulla vita sociale e politica. Venne ristrutturato il sistema industriale, per adattarlo alle esigenze economiche e sociali che il fronte imponeva, comparve anche la militarizzazione dell'industria. Per garantire la produzione continua vennero soppressi i diritti sindacali. La...

Approfondimenti 14.11.2018

Necessaria l’attestazione di conformità in caso di notifica telematica della sentenza impugnata ai fini della...

di Leggi dopo

Va rimessa alle Sezioni Unite della Suprema Corte la questione – di particolare importanza – avente ad oggetto le modalità di assolvimento dell’onere di deposito in cancelleria del messaggio di posta elettronica certificata (completo di allegati) concretante la notificazione telematica della sentenza impugnata per cassazione....

Note 07.11.2018

Il regime di impugnazione dell’ordinanza dichiarativa della litispendenza internazionale

di Leggi dopo

Corte di Cassazione

Avverso l’ordinanza con la quale il giudice successivamente adito sospende il processo sino a quando il giudice di altro Stato –preventivamente adito- non abbia affermato la propria giurisdizione va proposto regolamento necessario di competenza e non regolamento preventivo di giurisdizione; lungi dal costituire pronunzia sulla giurisdizione, tale ordinanza contiene infatti una valutazione...

Note 05.11.2018

Translatio iudicii da un giudice all'altro: quando va pagato il contributo unificato?

di Leggi dopo

Il contributo unificato è dovuto ogni volta in cui vi è una iscrizione a ruolo di fronte a giudici di grado diverso, ovvero, quando la causa è iscritta a ruolo di fronte ad un giudice diverso da quello inizialmente adito.

Note 31.10.2018

Improcedibilità del ricorso per mancato rispetto dei limiti temporali delle notifiche telematiche

di Leggi dopo

Ai sensi dell'art. 16-septies d.l. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modificazioni nella l. 17 dicembre 2012, n. 221, qualora la notifica con modalità telematiche venga richiesta, con rilascio della ricevuta di accettazione, dopo le ore 21.00, si perfeziona alle ore 7.00 del giorno successivo. È pertanto inammissibile, perché non tempestivo, il ricorso per cassazione la cui notificazione...

Note 24.10.2018

Decorrenza degli effetti sostanziali e processuali della domanda in ragione della forma prescritta dell'atto...

di Leggi dopo

Resta ferma e non è manifestamente irragionevole la lettura dell’art. 426 c.p.c., che costituisce diritto vivente in forza della consolidata giurisprudenza di legittimità, secondo cui, all’esito del mutamento del rito, gli effetti sostanziali e processuali della domanda decorrono, non già in ragione della litispendenza che si radica alla stregua della forma concreta, ma errata, dell’atto...

Pagine