Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Chiara Mastracchio, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 16.04.2018

Mora credendi e deposito liberatorio di beni immobili

di Leggi dopo

Corte di Cassazione

La pronuncia in commento ha stabilito che è inammissibile il ricorso straordinario in Cassazione avverso il decreto che decide sul reclamo ex art. 79, comma ii, disp. att. c.c.

Note 11.04.2018

“Ciò che non fa la legge, lo fa il giudice, se capace”: azione di classe e previsione delle sottoclassi

di Leggi dopo

Lo scritto, prendendo in esame la giurisprudenza in materia di class action, punta a stabilire quale grado di amalgama, di compattezza, tra le varie posizioni soggettive dei class members, sia tale da giustificare l’esigenza della loro trattazione e decisione congiunta nelle forme dell’azione di classe. Dirimente, ai fini della decisione in esame, è la risposta alla seguente domanda: i diritti...

Note 05.04.2018

La sospensione-estinzione ex art. 624, comma 3, c.p.c. e l'estinzione del giudizio di opposizione: il cautelare...

di Leggi dopo

L'estinzione del processo esecutivo sospeso ai sensi dell'art. 624, comma 3, c.p.c. si determina (nella formulazione della disposizione introdotta dalla legge 18 giugno 2009, n. 69), oltre che in caso di mancata o tardiva introduzione o riassunzione della fase di merito del giudizio di opposizione, anche per effetto della successiva estinzione del giudizio di merito sull'opposizione, pur...

Note 01.03.2018

L'eccesso di potere giudiziario denunciabile con il ricorso in cassazione per motivi inerenti alla giurisdizione

di Leggi dopo

La pronuncia della Corte Costituzionale in commento, nella sua interpretazione tranchant pone fine all'interpretazione “evolutiva” dei limiti esterni della giurisdizione e al controllo di merito sulle decisioni del Consiglio di Stato e della Corte dei Conti.

Note 24.01.2018

Domanda di accertamento della responsabilità per inadempimento del prestatore d’opera: limiti della cognizione del...

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE

La Corte di Cassazione, con l‘ordinanza in commento emessa all’esito del procedimento camerale ex art. 380-bis c.p.c., si pronuncia sui limiti della domanda di accertamento della responsabilità di un prestatore d’opera professionale, nella specie un notaio, e della conseguente richiesta di condanna al risarcimento del danno.

Note 19.01.2018

L'art. 369, comma 2, n. 2, c.p.c. e la notifica a mezzo pec: la Cassazione precisa (e complica) l'onere di...

di Leggi dopo

CASS. CIV.- sez. III - 9 novembre 2017 n. 26520

Nella sentenza in commento, la Suprema Corte affronta la questione attinente all'improcedibilità del ricorso ai sensi dell'art. 369, comma 2, n. 2, c.p.c. in ragione del mancato deposito della copia autentica della sentenza impugnata e della relata di notificazione e della irreperibilità della predetta anche nei fascicoli dei controricorrenti e del ricorrente incidentale.

Note 03.01.2018

Regime ed efficacia dell'ordinanza di assegnazione del credito ex art. 553 c.p.c.

di Leggi dopo

Nell'espropriazione presso terzi il terzo pignorato il quale, dopo avere reso una dichiarazione positiva ai sensi dell'art. 547 c.p.c., si avveda di essere incorso in un errore incolpevole, può revocare la propria dichiarazione sino a quando non sia stata pronunciata l'ordinanza di assegnazione; mentre se l'errore incolpevole emerga dopo tale momento, ha l'onere di proporre contro l'ordinanza...

Note 30.11.2017

Limiti di proponibilità della querela di falso in via incidentale nel giudizio di cassazione

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE-Nel giudizio di cassazione, ove si adduca la falsità degli atti del procedimento di merito, la querela di falso va proposta in via principale, atteso che l'impugnazione per revocazione ex art. 395, comma 1, n. 2, c.p.c. costituisce, una volta accertata la falsità dell'atto in questione, il solo mezzo per rescindere la sentenza fondata su atti dichiarati falsi.

Pagine