Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 30.09.2020

Le Sezioni Unite fanno chiarezza sulle conseguenze del mancato esperimento del tentativo di conciliazione in materia...

di Leggi dopo

In tema di controversie tra gli organismi di telecomunicazione e gli utenti, il mancato esperimento del previo tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dall'art. 1, comma 11, l. n. 249 del 1997 per poter introdurre una controversia in materia di telecomunicazioni dà luogo alla improcedibilità e non alla improponibilità della domanda; ne consegue che, ove non sia stata assolta la...

Note 11.08.2020

Il dies a quo nel ricorso in cassazione avverso l’ordinanza conclusiva del giudizio di opposizione per la ...

di Leggi dopo

Ribadendo la costante giurisprudenza formatasi durante il vigore della legge 319/1980, le Sezioni unite affermano che l'ordinanza che liquida il compenso ai periti e ai consulenti tecnici è resa in contraddittorio tra le parti e incide con carattere di definitività su diritti soggettivi. L'espressa previsione di inimpugnabilità, contenuta nell'ultimo comma dell'art. 15 del d.lgs. 150/2011, fa...

Note 03.08.2020

Alle Sezioni Unite la questione degli effetti della caducazione del titolo sul giudizio d'opposizione

di Leggi dopo

Viene rimessa alle sezioni unite la questione in ordine alla natura di sentenza di cessazione della materia del contendere o di accoglimento dell'opposizione della sentenza che rileva la sopravvenuta caducazione del titolo esecutivo giudiziale in corso di giudizio d'opposizione all'esecuzione....

Note 23.07.2020

Sul mancato guadagno nelle prestazioni professionali e sulla natura di domanda per il risarcimento da lite temeraria

di Leggi dopo

Con la pronuncia in rassegna la Suprema Corte conferma il proprio consolidato orientamento con riferimento a due importanti questioni. Da un lato ribadendo che il professionista, a seguito del recesso del cliente, non ha diritto a ricevere da questi anche un importo a titolo di mancato guadagno e, dall'altro, conferma che la domanda di risarcimento da lite temeraria (96, comma 1, c.p.c.) deve...

Note 29.06.2020

Sulla rilevabilità ex officio da parte giudice d'appello della tardività della domanda riconvenzionale rigettata nel...

di Leggi dopo

Può il giudice di appello rilevare d'ufficio la tardività di una domanda riconvenzionale che il giudice di prime cure ha rigettato nel merito senza, tuttavia, che tale profilo sia emerso nel precedente grado di giudizio? Nella presente pronuncia la Corte di Cassazione risponde positivamente al quesito rilevando che su tale questione non può considerarsi operante la disciplina del giudicato...

Note 05.06.2020

Sul giudice competente a revocare l'ammissione a patrocinio a spese dello Stato in relazione al giudizio di cassazione

di Leggi dopo

Nella giurisprudenza di legittimità si era formato un contrasto implicito in ordine alla sussistenza del potere/dovere della Corte di cassazione civile, quale “magistrato che procede” di disporre direttamente ai sensi dell'art. 136 T.U. in materia di spese di giustizia la revoca dell'ammissione al patrocinio statale. Nel risolvere il contrasto le Sezioni Unite avallano la tesi per la quale, in...

Note 25.05.2020

Clausola compromissoria e tutela ingiuntiva: un rapporto controverso

di Leggi dopo

Il Tribunale di Roma ha ribadito il principio per cuil'esistenza di una clausola compromissoria non esclude la competenza del giudice ordinario ad emettere un decreto ingiuntivo. Nel presente commento l'annotatore mette in luce le criticità di questo orientamento, ritenendo invece più corretta l'impostazione che nega a monte la possibilità di ricorrere in via monitoria in presenza di una...

Note 14.05.2020

Il conflitto fra giurisdizioni in ordine all'omesso o, ritardato intervento delle autorità di vigilanza: le Sezioni...

di Leggi dopo

L'Autore esamina la recente pronuncia delle Sezioni Unite sulla giurisdizione del giudice ordinario in ordine alle azioni dei risparmiatori per omessa vigilanza degli organi di controllo, pronuncia che si fonda sull'assunto per il quale “la Consob non esercita alcun «potere» sui risparmiatori, trattandosi dei soggetti che essa è tenuta a tutelare, con la conseguenza che la posizione di questi...

Pagine