Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Note 25.05.2020

Clausola compromissoria e tutela ingiuntiva: un rapporto controverso

di Leggi dopo

Il Tribunale di Roma ha ribadito il principio per cuil'esistenza di una clausola compromissoria non esclude la competenza del giudice ordinario ad emettere un decreto ingiuntivo. Nel presente commento l'annotatore mette in luce le criticità di questo orientamento, ritenendo invece più corretta l'impostazione che nega a monte la possibilità di ricorrere in via monitoria in presenza di una...

Note 14.05.2020

Il conflitto fra giurisdizioni in ordine all'omesso o, ritardato intervento delle autorità di vigilanza: le Sezioni...

di Leggi dopo

L'Autore esamina la recente pronuncia delle Sezioni Unite sulla giurisdizione del giudice ordinario in ordine alle azioni dei risparmiatori per omessa vigilanza degli organi di controllo, pronuncia che si fonda sull'assunto per il quale “la Consob non esercita alcun «potere» sui risparmiatori, trattandosi dei soggetti che essa è tenuta a tutelare, con la conseguenza che la posizione di questi...

Note 17.04.2020

Decorrenza del termine di riassunzione del processo in caso di dichiarazione di fallimento

di Leggi dopo

In caso di interruzione del processo determinata, "ipso iure", dall'apertura del fallimento ai sensi dell'art. 43, comma 3, l.fall., il termine per la riassunzione del giudizio a carico della parte non colpita dall'evento interruttivo, la quale abbia preso parte al procedimento fallimentare presentando domanda di ammissione allo stato passivo, non decorre dalla legale conoscenza che abbia avuto...

Note 07.04.2020

La “buona” sorte delle notificazioni eseguite dagli operatori di posta privata

di Leggi dopo

In tema di notificazioni di atti processuali, posto che nel quadro giuridico novellato dalla direttiva n. 2008/6/CE del Parlamento e del Consiglio del 20 febbraio 2008 è prevista la possibilità per tutti gli operatori postali di notificare atti giudiziari a meno che lo Stato non evidenzi e dimostri una giustificazione oggettiva a ciò ostativa, è nulla e non inesistente la notificazione di atto...

Note 26.03.2020

Sulla decorrenza del termine di decadenza dell'azione di responsabilità civile contro i magistrati in caso di...

di Leggi dopo

Va rimessa al Primo Presidente, affinché valuti l'opportunità di una decisione a Sezioni Unite, la seguente questione: «se, proposto ricorso per revocazione avverso una sentenza della Corte di cassazione che, accogliendo il ricorso, abbia cassato la sentenza impugnata e deciso la causa nel merito, il termine di decadenza per proporre l'azione di responsabilità civile contro l'operato dei...

Note 28.02.2020

Nulla (e non inesistente) la notifica degli atti processuali effettuata prima del 2017 tramite operatore di posta...

di Leggi dopo

In tema di notificazione di atti processuali, deve ritenersi nulla e non inesistente la notificazione di un atto giudiziario eseguita dall'operatore di posta privata senza il relativo titolo abilitativo nel periodo intercorrente tra l'entrata in vigore della direttiva n. 2008/6/CE del 20 febbraio 2008 (che ammette che tutti gli operatori postali possano notificare atti giudiziari, a meno che lo...

Note 25.02.2020

Riduzione ad equità ex officio della clausola penale ed assolvimento degli oneri di allegazione e prova

di Leggi dopo

Il potere che il giudice può esercitare d'ufficio ai sensi dell'art. 1384 c.c. è subordinato all'assolvimento degli oneri di allegazione e di prova, incombenti sulla parte, in riferimento alle circostanze rilevanti per la valutazione della eccessività della penale, che deve risultare ex actis ossia dal materiale probatorio legittimamente acquisito al processo, senza che egli possa ricercarlo d...

Note 20.02.2020

Sul riparto dei poteri sospensivi attribuiti al giudice dell'opposizione a precetto e al giudice dell'esecuzione

di Leggi dopo

La proposizione al giudice dell'opposizione a precetto di un'istanza di sospensione dell'efficacia esecutiva del titolo ai sensi dell'art. 615, comma 1, c.p.c., preclude all'opponente – per consumazione del potere processuale - di richiedere al giudice dell'esecuzione, per le medesime ragioni, la sospensione della procedura esecutiva ex art. 624 c.p.c., ancorchè il giudice dell'opposizione a...

Pagine