Arbitrato e processo civile

Direttori di area:
Prof. Andrea Carlevaris, Dott.ssa Rosaria Giordano, Prof. Andrea Panzarola


Comitato editoriale:
Marco Farina, Aniello Merone, Roberta Metafora

Approfondimenti 17.03.2015

L'obbligo di mediazione delle controversie civili per le domande formulate nel processo pluri-parte

di Leggi dopo

Le due interessanti pronunzie del tribunale scaligero, da cui lo scritto trae spunto, focalizzano l'attenzione del lettore e dell'interprete su una quaestio iuris di sempre maggiore attualità nelle aule giudiziarie, in seguito alla reintroduzione per via legislativa (per effetto del d.l. n. 69 del 2013) del procedimento di mediazione delle controversie civili.  

Approfondimenti 04.03.2015

Law as discourse (a proposito de "Il diritto come discorso" di Aurelio Gentili)

di Leggi dopo

Il diritto come discorso è un’opera di Aurelio Gentili che lascia emergere due caratteristiche costanti della produzione letteraria dell’A. Quanto alla prima, dal punto di vista formale, ma qui la forma è già sostanza, si fa notare un’invidiabile chiarezza dell’esposizione del pensiero, che non solo è sempre perfettamente intelligibile, ma riflesso da pagine che non lasciano mai il lettore da...

Approfondimenti 04.03.2015

La espropriazione presso terzi versione 2014: una riforma nel segno dell’efficienza

di Leggi dopo

Dopo la riforma della vigilia di Natale del 2012 (l. 24 dicembre 2012, n. 228), con il d.l. n. 132 del 2014, convertito con modificazioni in legge n. 162 del 2014, il legislatore è nuovamente intervenuto in materia di espropriazione presso terzi al fine di adeguare l’ordito normativo alla evoluzione in senso telematico del processo civile, anche nella prospettiva della maggiore efficienza...

Approfondimenti 04.02.2015

Note sulle “vicende” dell’esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo

di Leggi dopo

Il procedimento per ingiunzione costituisce, come noto, nella prima fase un procedimento sommario alternativo al giudizio ordinario di cognizione che si svolge senza il contraddittorio del debitore, contraddittorio soltanto eventualmente provocato dall’ingiunto mediante la proposizione dell’opposizione. Pertanto, di regola il decreto è concesso privo di efficacia esecutiva....

Approfondimenti 29.12.2014

Omessa pronuncia su questione puramente processuale da parte del giudice di appello

di Leggi dopo

La sentenza n. 13221 del 2014 si pone in linea con l’orientamento, ormai consolidato, della Suprema Corte e condiviso dalla dottrina secondo il quale, in estrema sintesi, il vizio di omissione di pronuncia ex art. 112 c.p.c. non è configurabile su questioni meramente processuali. Ed invero, la Suprema Corte, nell’evidenziare in più occasioni che il suddetto vizio ex art. 112 c.p.c. si configura...

Approfondimenti 05.12.2014

Il nuovo regolamento Bruxelles I-bis ed il problema dell’esclusione dell’arbitrato

di Leggi dopo

L’articolo analizza la disciplina dei rapporti tra arbitrato e giurisdizione nazionale nel sistema del nuovo regolamento 1215/2012. A tal riguardo, la disciplina si presenta ambigua e spesso incoerente, dando adito a dubbi interpretativi con riguardo ai problemi dei procedimenti paralleli, della circolazione dei giudizi nazionali aventi ad oggetto materie relative all’arbitration exclusion e...

Approfondimenti 28.11.2014

Sull’ordine di esame delle questioni nel processo di cognizione

di Leggi dopo

Di recente, la Cassazione si è occupata del problema del c.d. ordine d’esame delle questioni o ordine delle questioni. Nonostante la Suprema Corte abbia svolto ex professo alcune importanti considerazioni, il problema dell’ordine delle questioni resta irrisolto, seppur attualmente non v’é saggio o studio che non faccia (un puntuale) riferimento al tema oggetto di queste brevi note. E nella...

Approfondimenti 26.11.2014

Le Sezioni Unite compongono il contrasto giurisprudenziale sul regime della sentenza con sottoscrizione “manchevole”

di Leggi dopo

Dichiaratamente prediligendo la forma rispetto alla sostanza, nel recente arresto che si annota, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno statuito che la sentenza caratterizzata da sottoscrizione soltanto “parziale”, e dunque “manchevole”, sia da ritenersi nulla e che il relativo vizio vada assoggettato alla regola di cui all’art. 161, comma 1, c.p.c.

Pagine