Note

Note 12.03.2014

Sulla moratoria legale per la soddisfazione del credito prelatizio, nel concordato con continuità aziendale

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TERNI – uff. fall. – 7 novembre 2013 (decr.)  -  Dall’art. 186-bis, comma 2, lett. c), l. fall., che sancisce la possibilità di proposta di concordato con continuità aziendale contemplante pagamento con dilazione infrannuale dei creditori prelatizi, in relazione a beni gravati da garanzia che siano compresi nell’azienda in esercizio e con preclusione del diritto di voto...

Note 10.03.2014

Contro un atto non classificabile come precetto non è ammessa l’opposizione ai sensi dell’art. 615, primo comma c.p.c.

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. VI – 31 gennaio 2014, n. 2109  -  La Corte di Cassazione riafferma il principio in forza del quale un mero invito al debitore ad adempiere, pur contenuto in calce alla sentenza notificata, ma privo delle indicazioni di cui all’art. 480 c.p.c., non costituisce atto di precetto e non può quindi essere proposta avverso lo stesso l’opposizione c.d. preventiva all’esecuzione...

Note 10.03.2014

Il rispetto del principio della doppia separazione patrimoniale non obbliga la sim in liquidazione coatta...

di Leggi dopo

CASS. CIV. - sez. I - 10 luglio 2013, n. 17101  -  La sentenza in esame stabilisce il principio secondo il quale la Sim in liquidazione coatta amministrativa può rifiutare la restituzione in toto degli strumenti finanziari di pertinenza del cliente, prima di aver accertato di poter soddisfare tutte le pretese restitutorie degli aventi diritto iscritti nella stessa sezione separata del passivo....

Note 09.03.2014

Ermeneutica contrattuale, donazione con riserva d’usufrutto e rinuncia all’usufrutto

di Leggi dopo

CASS. CIV. – sez. II – 10 gennaio 2013, n. 482  -  La Suprema Corte, ancora una volta, conferma i “principi” del gradualismo e di gerarchia delle regole d’interpretazione del contratto; in base ad essi, solo se l’interpretazione letterale non consente di attribuire un significato chiaro al contratto, deve farsi ricorso ai canoni ermeneutici successivi. La pronuncia non coglie l’occasione per...

Note 09.03.2014

Ius eligendi sepulchrum, mandato post mortem exequendum e famiglia di fatto

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA, 11 settembre 2013  -  Lo ius eligendi sepulchrum, ossia il potere di determinare modalità e luogo di sepoltura della salma spetta, in mancanza di designazione del defunto, al coniuge e agli stretti congiunti, ossia esclusivamente a soggetti legati al defunto da vincoli formali. La decisione, in linea con le tendenze evolutive dell’ordinamento, attribuisce invece...

Note 09.03.2014

Sulla proliferazione delle cause dopo la riforma c.d. Fornero

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI S.M. CAPUA VETERE - sez. lav. - 17 giugno 2013, ord.  -  Con la l. n. 92 del 2012 è stato introdotto un ennesimo rito processuale, questa volta in materia di impugnativa dei licenziamenti, col precipuo scopo di «accelerare la definizione delle (…) controversie» ex art. 18 St. lav. [art. 1, comma 1, lett. c)]. Ma a distanza di circa un anno di applicazione del nuovo rito speciale...

Note 09.03.2014

Prescrizione dell’azione di ripetizione di somme indebitamente riscosse dalla banca e rapporti di conto corrente...

di Leggi dopo

CORTE D’APPELLO DI LECCE 19 febbraio 2013  -  Quando il contratto di apertura di credito è ancora in essere non può distinguersi se i versamenti del correntista abbiano avuto funzione ripristinatoria della provvista onde ancorare alla data di estinzione del saldo di chiusura del conto, piuttosto che alla data del singolo versamento, il momento in cui far iniziare a decorrere la prescrizione. -...

Note 09.03.2014

Vicini per amore o per forza. Riflessione sul potere del giudice di assegnazione parziale della casa coniugale.

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI LECCE – sez. II – 22 febbraio 2013, decr. - Allorquando la casa coniugale consta di due unità abitative separate ed autonome nulla impedisce che le dette unità siano assegnate separatamente ad ognuno dei coniugi. Dalla convivenza di entrambi i genitori in un unico plesso immobiliare conseguirà, peraltro, una maggiore facilità di esercizio della bigenitorialità, imprescindibile...

Pagine