Note

Note 12.05.2020

Rapporti patrimoniali fra conviventi

di Leggi dopo

L'accertamento in fatto che la dazione di denaro era rivolta al solo scopo di realizzare la casa familiare, destinata, nelle previsioni di uno dei conviventi, a divenire comune, giustifica, ai sensi dell'art. 2033 c.c., il rimborso delle somme versate a titolo di concorso nelle spese di costruzione del manufatto rimasto in proprietà esclusiva dell'altro convivente, spettando semmai a quest...

Note 11.05.2020

La natura ontologicamente temporanea del contratto a termine

di Leggi dopo

Le esigenze stabili e durevoli di occupazione devono essere soddisfatte esclusivamente tramite contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato essendo, in tal caso, vietato l'utilizzo del contratto a tempo determinato; quindi la sottoscrizione di uno o più contratti a tempo determinato per soddisfare esigenze stabili e durevoli costituisce un abuso compiuto in violazione di tale divieto.

Note 08.05.2020

La revocabilità degli atti esecutivi del Piano attestato alla luce della recente giurisprudenza di legittimità

di Leggi dopo

Sono esenti da revocatoria fallimentare gli atti esecutivi di un piano attestato di risanamento a norma dell'art. 67, comma 3, lett. d), l.fall. (nel testo vigente anteriormente alla modifica introdotta con d.l. n. 83 del 2012, conv., con modif., in l. n. 134 del 2012) a condizione che il piano appaia idoneo a consentire il risanamento della esposizione debitoria della impresa con una...

Note 06.05.2020

Licenziamento e scioglimento del vincolo associativo: le tutele applicabili al socio lavoratore di cooperativa tra...

di Leggi dopo

In caso di licenziamento del socio lavoratore di cooperativa e contestuale emanazione della delibera di esclusione dello stesso dalla compagine sociale, l'applicabilità della tutela reintegratoria ex art. 18 St. lav. è da escludere soltanto nell'ipotesi in cui il socio lavoratore non abbia impugnato, anche successivamente al licenziamento, la delibera di esclusione fondata sugli stessi motivi...

Note 28.04.2020

Sulla peculiarità dell'obbligo del repechage nel contratto di somministrazione a tempo indeterminato

di Leggi dopo

In tema di rapporto di lavoro somministrato, la valutazione complessiva della legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo prescinde dall'esperimento della procedura di riqualificazione professionale prevista dal contratto collettivo di categoria, la quale non costituisce la procedimentalizzazione dell'obbligo di repêchage ai fini del suo assolvimento bensì la prova...

Note 17.04.2020

Decorrenza del termine di riassunzione del processo in caso di dichiarazione di fallimento

di Leggi dopo

In caso di interruzione del processo determinata, "ipso iure", dall'apertura del fallimento ai sensi dell'art. 43, comma 3, l.fall., il termine per la riassunzione del giudizio a carico della parte non colpita dall'evento interruttivo, la quale abbia preso parte al procedimento fallimentare presentando domanda di ammissione allo stato passivo, non decorre dalla legale conoscenza che abbia avuto...

Note 09.04.2020

Tabelle millesimali tra (non) negozialità dell'atto di approvazione ed esigenze di gestione

di Leggi dopo

In tema di condominio, l'atto di approvazione delle tabelle millesimali, al pari di quello di revisione delle stesse, non ha natura negoziale; ne consegue che il medesimo non deve essere approvato con il consenso unanime dei condomini, essendo a tal fine sufficiente la maggioranza qualificata di cui all'art. 1136, comma 2, c.c.

Note 07.04.2020

La “buona” sorte delle notificazioni eseguite dagli operatori di posta privata

di Leggi dopo

In tema di notificazioni di atti processuali, posto che nel quadro giuridico novellato dalla direttiva n. 2008/6/CE del Parlamento e del Consiglio del 20 febbraio 2008 è prevista la possibilità per tutti gli operatori postali di notificare atti giudiziari a meno che lo Stato non evidenzi e dimostri una giustificazione oggettiva a ciò ostativa, è nulla e non inesistente la notificazione di atto...

Pagine