Note

Note 23.01.2020

Azione di classe: analisi della prospettiva della Corte di Cassazione in tema di omogeneità

di Leggi dopo

Nei casi di danni non patrimoniali rivendicati nelle forme dell'azione di classe, il giudice deve identificare le situazioni soggettive lese, la qualità della relativa protezione a livello costituzionale (fuori dai casi di danni non patrimoniali da reato o da tipizzazione legislativa del fatto) e i termini concreti dell'effettiva serietà e gravità delle lesioni inferte e dei pregiudizi subiti....

Note 22.01.2020

I segni figurativi suscettibili di evocare una DOP alla luce della nozione di “consumatore medio”

di Leggi dopo

La Corte di Giustizia ha interpretato il regolamento (CE) 510/2006 relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine dei prodotti agricoli e alimentari in riferimento all'effettività della tutela. Nello specifico, ha delineato i limiti all'utilizzazione in commercio di segni (ivi compresi i segni figurativi) suscettibili di evocare una DOP nella mente di un...

Note 20.01.2020

La violazione del diritto all'autodeterminazione e i presupposti per il risarcimento del danno-conseguenza

di Leggi dopo

La omessa o insufficiente informazione in relazione a un intervento sanitario causa due tipi di danno: 1) del diritto alla salute, ove sia provato che il paziente, se adeguatamente informato non si sarebbe sottoposto all'intervento; 2) del diritto alla autodeterminazione personale, risarcibile quale autonoma voce di danno ove il paziente alleghi che, a causa del deficit informativo, ha subito...

Note 16.01.2020

Società di persone: forma dell'accordo di intestazione fiduciaria della quota

di Leggi dopo

Il “pactum fiduciae” con il quale il fiduciario si obbliga a modificare la situazione giuridica a lui facente capo a favore del fiduciante o di altro soggetto da costui designato, richiede, qualora riguardi beni immobili, la forma scritta “ad substantiam”. Pertanto, in tema di società di persone, qualora il patto fiduciario comporti assieme al trasferimento della quota societaria anche il...

Note 15.01.2020

Prestazione professionale sanitaria e prova dell'inadempimento dell'obbligazione: tornare ai “mezzi” senza dirlo?

di Leggi dopo

Ove sia dedotta la responsabilità contrattuale del sanitario per l'inadempimento della prestazione di diligenza professionale e la lesione del diritto alla salute, è onere del danneggiato provare, anche a mezzo di presunzioni, il nesso di causalità fra l'aggravamento della situazione patologica, o l'insorgenza di nuove patologie, e la condotta del sanitario, mentre è onere della parte debitrice...

Note 03.01.2020

Il valore probatorio della ricevuta di avvenuta consegna della notificazione effettuata a mezzo pec

di Leggi dopo

La ricevuta di avvenuta consegna costituisce la prova del perfezionamento della notifica e riporta tutte le indicazioni relative al momento esatto in cui la stessa si è perfezionata. Essa è idonea a dimostrare – sal­vo pro­va contraria – che il messaggio informatico è stato spedito ed è giunto a destinazione alla data ed all'ora in esso trascritta.

Note 02.01.2020

L'onus probandi della causalità materiale nella responsabilità sanitaria e il rischio della c.d. “causa ignota”

di Leggi dopo

Ove sia dedotta la responsabilità contrattuale del sanitario per l'inadempimento della prestazione di diligenza professionale e la lesione del diritto alla salute, è onere del danneggiato provare, anche a mezzo di presunzioni, il nesso di causalità fra l'aggravamento della situazione patologica, o l'insorgenza di nuove patologie, e la condotta del sanitario, mentre è onere della parte debitrice...

Note 20.12.2019

Sulla (dubbia costituzionalità della) composizione del collegio di appello cui ha partecipato un giudice ausiliario

di Leggi dopo

La vicenda trae origine da un giudizio di risarcimento danni derivanti da circolazione stradale, in relazione al quale la Corte d'appello di Roma ha confermato la decisione di prime cure e rigettato l'impugnazione: in difetto di risultanze istruttorie tali da dimostrare che l'appellante avesse fatto tutto il possibile per evitare il danno, la Corte ha confermato il concorso di colpa nel...

Pagine